CARPANEA - ROCCA DI PERTI

SV30

Provincia
LIGURIA
Provincia
SV
Descrizione
L’area carsica della Rocca di Perti – Rocca Carpanea, come d'altronde tutto il Finalese, riveste una grande importanza dal punto di vista archeologico soprattutto per i numerosissimi ritrovamenti preistorici che dal Paleolitico al Neolitico sono stati rinvenuti in molte cavità, nonché per la presenza di siti di interesse protostorico. Fin dall’inizio del Quaternario la zona, infatti, ospitò insediamenti umani che riuscìrono a trovare condizioni favorevoli soprattutto per la mite situazione climatica dovuta alla posizione geografica (anche durante le glaciazioni) e per la presenza di numerosi ripari naturali. Tra le tante cavità di interesse archeologico si possono citare l’Arma Pollera, l’Arma della Matta (o del Sanguineto), la Grotta di Sant’Eusebio, l’Arma du Rian, la Caverna le Pile e non ultimo la Cavernetta del Bric delle Anime.
Dal punto di vista speleologico risulta degno di nota il sistema idrogeologico dell’Arma da Possanga-Arma Pollera-Arma do Buio che si sviluppa per circa 900 m nel settore Sud-occidentale della Rocca Carpanea-Bric Scimarco e presenta al suo interno un corso d’acqua perenne.
L’area infine risulta estremamente importante dal punto di vista naturalistico per la grande varietà di ambienti naturali che ha permesso la conservazione di una elevata biodiversità, con abbondanza di specie animali e vegetali rare e/o esclusive e per tale motivo è compresa nel SIC “Finalese-Capo Noli”.
Superficie interessata (ha)
297
Comuni
FINALE LIGURE, CALICE LIGURE
Bacino imbrifero
AQUILA
Cave inattive
Rocca di Perti, Rocca Carpanea (Pianmarino)
Caratteristiche geolitologiche
Calcari di Val Tanarello, e Dolomie di S.Pietro ai Monti Calcare di Finale Ligure (Pietra di Finale)
Caratteristiche geomorfologiche
Carso di tipo coprto, con ampia zona pianeggiante a Pianmarino e valle fossile di Montesordo. Ripide Falesie sulle valli Aquila e Pora
Caratteristiche idrogeologiche
Il carsismo nella formazione miocenica della Pietra di Finale, scarsamente interessata da fenomeni tettonici, presenta cavità ad andamento più che altro orizzontale o suborizzontale, ove gli strati di sedimentazione, in associazione all’elevata permeabilità per porosità, divengono di fatto l’elemento speleogenetico preponderante. Il carsismo nella formazione triassica invece è caratterizzato prevalentemente da morfologie di crollo, controllate principalmente dalla tettonica.
In tutta l’area sono assai limitati gli scorrimenti idrici superficiali, fatta eccezione per il Rio di Pianmarino (detto anche Rian o come sulle carte tecniche regionali Rio Fosso) il quale, solo nei periodi maggiormente piovosi, presenta ruscellamento.
La circolazione idrica sotterranea di maggiore rilievo è quella del Sistema Poussanga-Pollera-Buio la quale trova alimentazione in parte dagli assorbimenti diffusi localizzati sull’altopiano della Valle Erxea e in parte preponderante da assorbimenti localizzati in corrispondenza dell’incisione valliva del Rian, immediatamente a valle della depressione di Pianmarino, ove si osservano numerose doline sovente idrovore. L’esautore del sistema come anzidetto è la Risorgenza del Buio (quota 165 m s.l.m.), ubicata in prossimità delle Case Buio poco a valle della Borgata di Montesordo, mentre meriterebbero ulteriori indagini le risorgenze ubicate in Valle Aquila, attualmente captate dal Comune per usi irrigui.
Caratteristiche speleologiche
Come già accennato l’area è conosciuta per il vasto complesso ipogeo “Poussanga-Pollera-Buio”, caratterizzato dalla presenza di un corso d’acqua perenne. La genesi del sistema, come per molte altre grotte finalesi, è governata prevalentemente da discontinuità stratigrafiche, qui in particolare dal contatto tra i calcari miocenici e il sottostante basamento impermeabile (sovente dolomie triassiche); per tale motivo la morfologia presenta un andamento più che altro orizzontale o sub orizzontale, con tortuosi meandri intervallati da vasti saloni di crollo. Limitati i concrezionamenti, molto probabilmente anche a causa di anni di depredamento.
Le esplorazioni speleologiche nell’area sono state condotte in passato prevalentemente dal Gruppo Speleologico “Arturo Issel” soprattutto per quanto concerne l’attività archeologica, mentre le grandi esplorazioni alla Pollera e al Buio nuovo sono ad opera inizialmente da speleologi genovesi aderenti all’Issel confluiti successivamente nel Gruppo Speleologico CAI Bolzaneto. Attualmente numerosi gruppi speleologici liguri stanno conducendo studi e ricerche sull’area (Gruppo Speleologico Imperiese, Gruppo Speleologico Cycnus, Gruppo Speleologico Savonese, Gruppo Grotte Borgio Verezzi).
Nell’area carsica Rocca di Perti – Rocca Carpanea sono attualmente conosciute 37 grotte per uno sviluppo totale di circa 2507 m. La maggior parte di esse si trova nel Comune di Finale Ligure, mentre una sola in Comune di Calice Ligure. La cavità più vasta è l’Arma Pollera.
Copertura vegetale e uso del suolo
L’area carsica è quasi interamente compresa entro il Sito di Importanza Comunitaria Finalese-Capo Noli che per la grande varietà di ambienti e l’elevatissima biodivesità, rappresenta uno dei più importanti S.I.C. regionali (circa 28 kmq). Il processo di antropizzazione ha lasciato segni a partire dal lontano Paleolitico ed è proseguito in armonia con l’ambiente attraverso la romanità ed il medioevo fino ai giorni nostri con testimonianze archeologiche e architettoniche di grande significato.
Gli habitat più interessanti sono rappresentati da formazioni rupestri costiere ed interne, che interrompono con ripide falesie gli altipiani dominati da macchia mediterranea, boschi di leccio, pino d’Aleppo e verdi praterie ricche di orchidee. Nei fondovalle si trovano zone fresche e umide con boschi misti di carpino nero e orniello. Sulle falesie costiere si rinvengono importanti specie alofite, piante con adattamenti speciali per le forti concentrazioni saline. La varietà di ambienti ha permesso la conservazione di una elevata biodiversità, con abbondanza di specie animali e vegetali rare o esclusive.
Specie botaniche di maggiore interesse
Campanula del savonese (Campanula sabatia), rarissima ed endemica della Liguria occidentale, campanula del Finalese (Campanula isophylla), bellissima specie esclusiva di questo S.I.C, vilucchio di Capo Noli (Convolvulus sabatius), delicatissimo e raro relitto paleomediterraneo.
Specie animali di maggiore interesse
Uccelli: falco pellegrino e gufo reale. Rettili e Anfibi (che nel Finalese raggiungono il limite orientale di diffusione e sono assenti nel resto d’Italia): lucertola ocellata (Timon lepidus), pelodite punteggiato (Pelodytes punctatus) e raganella mediterranea (Hyla meridionalis).
Le numerose grotte ospitano una ricca fauna cavernicola con popolazioni di chirotteri e importanti specie endemiche di invertebrati.
Vulnerabilità e particolari cautele da adottare
Il grande valore naturale di quest’area implica altresì un’elevata vulnerabilità a causa della pressione antropica. I principali rischi possono derivare da: 1) iniziative di speculazione edilizia, che non prendano in considerazione le possibili ripercussioni negative su habitat e specie; 2) il passaggio ricorrente di pericolosi incendi, causa di consistenti fenomeni di regressione e impoverimento della vegetazione e delle fauna locale; 3) i rischi elevati di inquinamento degli ambienti ipogei e delle risorse idriche sotterranee.
Altre caratteristiche
Resti paleolitici e neolitici all'Arma Pollera Fauna troglobia e troglossena Flora endemica delle rupi calcaree
Acquiferi
Pozzi nella valle dell'Aquila collegati all'acquedotto comunale
Note
L’area carsica, necessita di riperimetrazione dei limiti in corrispondenza della cava di Rocca di Perti in quanto le rocce carbonatiche presentano continuità anche sui versanti sottostanti il sito in questione. Sempre relativamente alla cava di Rocca di Perti (attualmente dismessa) sarebbero auspicabili interventi di recupero.
Grotte a rischio ambientale: le numerose cavità e i ripari presenti alla base delle più frequentate falesie di arrampicata sono spesso utilizzati come latrine. CTR 10000:228160, 245040
Bibliografia
BREA Bernabò Luigi (1947) – Le Caverne del Finale, Itinerari storico-turistici, Genova
ASCENSO Alda (1950) – La Grotta di S. Antonino (N. 30 Li). Rassegna speleologica Italiana, Como. Anno II, fasc. 1-2, pag. 78-80
FRANCISCOLO Mario (1951) – La fauna della "Arma Pollera" – N. 24 Li presso Finale Ligure. Rassegna speleologica Italiana, Como. Anno III, fasc. 2, pag. 40-53
FRANCISCOLO Mario (1955) – Italia Nostra 1970, Regione Liguria 1979, S.S.L. 1987
CORNAGGIA CASTIGLIONI Ottavio (1959-1960) - Indagini paletnologiche nella Grotta dell'Acqua nel Finalese. Nota Preliminare. Le Grotte d'Italia, Bologna. Ser. 3, Vol. III, pag. 115-131
DINALE Giovanni (1961) – Grotte Liguri. Notiziario Speleologico Ligure del Gruppo Speleologico “A.Issel”, Genova. Anno II, n.2-4, pag. 14-16 (Itinerario, descrizione e scheda d'armo della Grotta Sopra Villa Chiazzari)
RAVACCIA Cecilia (1968) – La “Pollera” e il “Bujo” due grotte che sono in realtà una sola. Anno XX, fasc. 1. Pag. 35-40
PAGANO Leandro (1969) – Grotta del Buio – Nuove Prospettive. Notiziario Speleologico Ligure del Gruppo Speleologico “A.Issel”, Genova. Anno VI, n.1-4, pag. 26-27
ZUCCHIATTI Alessandro (1970-1971) - Ricerche idrologiche in provincia di Savona. Stalattiti e Stalagmini. Bollettino del Gruppo Speleologico Savonese. N. 9, pag. 14
MAIFREDI Pietro (1972) – Applicazioni in Liguria del metodo Jakucs per la localizzazione di cavità sconosciute. Rassegna speleologica Italiana, Como. Anno XXIV, fasc. 2, pag 231-232
GIUGGIOLA Oscar, IMPERIALE Guido, LAMBERTI Andrea, PIACENTINO Gianni, VICINO Giuseppe (1973) – Un rifugio del Neolitico medio nel Finalese: l'Arma delle Anime. Rivista di Studi liguri. Anno XXXII, n. 1-2, pag. 106-250
CACHIA Maurizio (1973-1974) - Il Finalese. Notiziario Speleologico Ligure del Gruppo Speleologico “A.Issel”, Genova. Anno X-XI, n.u., pag. 21-22
SIMONE Laura (1976) – Indagine sulla frequentazione delle grotte liguri nella preistoria. Bolettino del Gruppo Speleologico CAI Bolzaneto. N. 1, pag. 14-19 (Elenco sistematico delle grotte liguri contenenti reperti preistorici, in ordine cronologico. Abbondante bibliografia.)
MAIFREDI Pietro (1979) – Ricerche idro-geologiche nel Finalese. Notiziario Speleologico Ligure del Gruppo Speleologico “A.Issel”, Genova. Anno VII, n.1-4, pag. 11
REPETTO Francesco (1979) – Dall'archivio del gruppo…. Bolettino del Gruppo Speleologico CAI Bolzaneto. N. 1, pag. 113-116 (Relazione sulla giunzione tra l’Arma Pollera e l’Arma del Buio effettuata il 29/05/1966)
DEL LUCCHESE Angiolo (1990) - Caverne del Finalese. Archeologia in Liguria III.1 - Scavi e scoperte 1982-86, Soprintendenza Archeologica della Liguria, Genova. Pag. 117-122
CALANDRI Gilberto (1991) – Misure preliminari di CO2 sull'Arma della Pozzanghera (22 LI/SV Finale Ligure). Bollettino Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I., Imperia. Anno XXI, n. 36, pag. 39-44
CALANDRI Gilberto (1993) – Considerazione sull'anidride carbonica dell'Arma du Rian (25 Li, Finale Ligure, SV). Bollettino Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I., Imperia. Anno XXIII, n. 41, pag.2-7
MAIFREDI Alessandro (1996) - Rapporti tra la Pietra di Finale e il substrato Preterziario (Settore Orientale). Tesi di Laurea, Università degli Studi di Genova, Genova.
PICCARDO Pino (1997) – La Grotta "Cisque" (Finale Ligure, SV). Stalattiti e Stalagmini. Bollettino del Gruppo Speleologico Savonese. N. 23, pag. 41-42
ODETTI Giuliva (2000) - L'Arma del Sanguineto. In Scio Fondo, Bollettino dell’Associazione Speleologica Genovese S. Giorgio. N. 2, pag. 45-47
BORBONESE Arturo (2001) – Grotte, Caverne e Ripari del Finale. stampato in proprio, Varigotti
ODETTI Giuliva (2002) - La Grotta del Sanguineto o della Matta: scavi e scoperte tra '800 e '900. Quaderni del Museo Archeologico del Finale. Istituto Internazionale di Studi Liguri, Bordighera. N.2, pag. 3-166
Inquadramento geografico
L’area carsica si inserisce dal punto di vista geografico nella regione del Finalese seguendone quindi i caratteri ambientali, naturali, geologici e geomorfologici. La zona in esame è costituita da due principali cime, Rocca di Perti e Rocca Carpanea, aventi le dorsali principali orientate Nord-Sud e che risultano separate dal Rio Pianmarino detto anche Rian. Racchiusa ad Est dalla Valle Aquila, a Sud dalla sella di Perti Alto, a Est dalla Val Pora e a Nord dai terreni impermeabili sottostanti alla Rocca Carpanea, presenta un estensione di circa 2,7 per 1,6 km con una superficie areale di quasi 3 kmq. Il carso è prevalentemente coperto da vegetazione, costituita da macchia mediterranea, lecceta e aree prative (Pianmarino), con ripide falesie in corrispondenza delle profonde incisioni che caratterizzano un po’ tutte la valli finalesi.
Le morfologie esterne sono caratterizzate da valli troncate (la Valle Erxea è un tipico esempio di valle fossile) e da vaste depressioni carsiche (la valle fossile di Pianmarino e le numerose doline che ne drenano le acque ivi ruscellanti, alcune delle quali idrovore). Numerose sono le microforme quali scannellature e docce di erosione, sulle verticali falesie mioceniche della Valle di Montesordo, e le vaschette di corrosione, più sovente localizzate sulla cima degli altipiani. Le morfologie ipogee, a differenza di altri settori del Finalese, presentano generalmente vasti ambienti e considerevoli sviluppi (gli ampi saloni di crollo dell’Arma Pollera, la Caverna della Matta, i meandri del Buio, ecc…).
Piuttosto limitati gli insediamenti antropici, prevalentemente localizzati lungo la Valle du Rian (la borgata di Case Valle e la borgata di Montesordo), presentano ancora limitate attività agricole (uliveti e vigneti) mentre risulta del tutto abbandonata l’attività estrattiva: si ricordano per vastità la Cava della Rocca di Perti, attiva sino agli anni ’80, e le cave della Rocca Carpanea. Alcuni pozzi attivi in Valle dell'Aquila sono attualmente utilizzati per scopi irrigui e idropotabili. Una frequentazione abbastanza rilevante è inoltre imputabile alle attività sportive di outdoor tra le quali l’arrampicata, la mountain bike e l’escursionismo.
Inquadramento geologico
L’area è caratterizzata da un esteso affioramento, a giacitura sub orizzontale, costituito dalla formazione denominata Pietra di Finale (Miocene, 20-5 Ma), una roccia carbonatica sedimentaria, di origine marina, costituita prevalentemente da calcari bioclastici a cemento calcitico (per il 90% è composta da frammenti di conchiglie, gusci di echinodermi, denti di pesci e di altri resti fossili). In particolare, questo affioramento è costituito in minima parte dall’unità litologica denominata “Membro di Monte Caprazzoppa” e più estesamente dall’unità “Membro di Monte Cucco” la quale, potente sino a circa 200 metri, costituisce nel suo complesso circa il 90% degli affioramenti di tutto il calcare di Finale.
Al di sotto di questa, la sequenza stratigrafica vede quello che viene chiamato il Complesso di Base (30-24 Ma) (affioramenti presso Castel Gavone e Perti Alto), costituito essenzialmente da alternanze di marne, arenarie e conglomerati, depositi sedimentari di mare poco profondo o di costa.
Limitati gli affioramenti giurassici i quali, discordanti rispetto alla copertura miocenica, sono costituiti dai Calcari di Val Tanarello (Giurassico superiore, 150-140 Ma) poco erodibili, ma estremamente solubili (prevalentemente a Nord della Rocca di Perti), mentre risultano pressoché assenti gli affioramenti delle Dolomie di San Pietro ai Monti risalenti al Trias medio (225-190 Ma). Quest’ultime, pur non affiorando in superficie nell’area in oggetto, si comportano sovente da basamento impermeabile in quanto risultano essere meno carsificabili rispetto alla copertura miocenica; pertanto, nonostante il potenziale carsico dell’area sia di oltre 300 m, limitato risulta essere lo sviluppo e la profondità dei reticoli ipogei ad oggi conosciuti.

Grotte conosciute in quest'area: 32


LI1780 GARBU DU SURDU wgs84: 44.2003428N 8.3140722E Q.270.4
LI217 GROTTICELLA DELLA CAVA DI PERTI wgs84: 44.1928729N 8.308906E Q.240
LI24 ARMA POLLERA wgs84: 44.2006122N 8.3146396E Q.284
LI2037 wgs84: 44.199305N 8.3118604E Q.300
LI2035 GROTTA DEL CAPRONE 2 wgs84: 44.1916667N 8.31725E Q.
LI2034 GROTTINO DELL'ULIVO wgs84: 44.1878056N 8.3188611E Q.
LI2033 GROTTA DEL CAPRONE 1 wgs84: 44.1908611N 8.3174722E Q.
LI2031 RIPARO DEL BRIC DELLE ROSE wgs84: 44.2053333N 8.3437778E Q.
LI245 CAVERNETTA DEL BRIC DELLA CROCE N°2 wgs84: 44.1944404N 8.3140819E Q.290
LI2025 ARMA DELLE ANIME wgs84: 44.1941944N 8.3146944E Q.
LI1950 RIPARO DEI CASTELLETTI wgs84: 44.2018982N 8.3095507E Q.360
LI2022 GROTTA LE PILE 2 wgs84: 44.2023722N 8.3236806E Q.
LI204 ARMA DO PARREGO wgs84: 44.1981929N 8.3228236E Q.380
LI205 CAVERNA DEI FRATI wgs84: 44.1983255N 8.3224091E Q.290
LI203 ARMA DEI PASSI CATTIVI wgs84: 44.1986087N 8.3231067E Q.360
LI99 ARMA DO FRATTE wgs84: 44.2059675N 8.3206068E Q.280
LI206 ARMA SOTTERAA' wgs84: 44.1990278N 8.3198889E Q.306
LI28 ARMA DO SAMBRUGO wgs84: 44.1965222N 8.3189383E Q.280
LI144 ARMA DI PERTI wgs84: 44.1844473N 8.3194151E Q.150
LI449 GROTTA DEGLI ORSI wgs84: 44.1936083N 8.3104626E Q.270
LI442 ANTRO DELLA SELLETTA wgs84: 44.1917998N 8.3121354E Q.280
LI441 GROTTA DELLA PIETRAIA wgs84: 44.1917998N 8.3121354E Q.250
LI362 GROTTA SOPRA VILLA CHIAZZARI wgs84: 44.1904083N 8.3113007E Q.200
LI244 CAVERNETTA DEL BRIC DELLA CROCE wgs84: 44.1948527N 8.3122751E Q.300
LI216 GROTTA SUPERIORE DELLA ROCCA DI PERTI wgs84: 44.1945765N 8.3097756E Q.295
LI178 ARMA DE TRE SOE' wgs84: 44.1937426N 8.3103234E Q.290
LI477 CAVERNETTA DEL MURETTO wgs84: 44.201245N 8.3228262E Q.270
LI214 ARMA DO PILIN wgs84: 44.2026304N 8.3106077E Q.360
LI208 ARMA DI CROVI wgs84: 44.1951319N 8.3228336E Q.170
LI200 ARMA DO CIANEE wgs84: 44.1956868N 8.3238033E Q.165
LI171 ARMA INFERIORE DO PRINCIPA'A wgs84: 44.1988929N 8.3149063E Q.220
LI1403 GROTTA CISQUE wgs84: 44.1939815N 8.3150872E Q.310