LI413

SPRUGOLA DI ZEGORI

Primo censitore
PEDROLINI G.A.-
Regione
LIGURIA
Provincia
SP
Comune
RICCO' DEL GOLFO DI SPEZIA
Località
S. BENEDETTO-PIANA DI ZEGORI
Area carsica
Dimensioni
Sviluppo reale
110
Sviluppo planimetrico
0
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
-24
Dislivello totale
24
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4886909
Longitudine
1562456
Tipo di coordinate
Gauss Boaga Zona 1
Tipo coordinate originali
Gauss Boaga Generiche
Quota altimetrica
175
Quota cartografica
175
Quota GPS
0
Valutazione dato
BARBAGELATA
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Idrologia
assorbente permanente
Gruppi
A.S.G.SAN GIORGIO
Note

RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino
Cavità a rischio ambientale
Descrizione
GROTTA ORIGINALE:

Dall'ingresso superiore si entra direttamente in una dialcasi profonda circa 8 metri il cui fondo parte concrezionato e in parte argilloso, presenta detriti vegetali e ospita una fauna relativamente ricca. Presso l'ingresso di questa dialcasi, a circa 2 metri di profondità, si trova un cunicolo che, tramite un pozzo di circa 16 metri comunica con la parte sottostante della cavità.
L'ingresso inferiore immette invece in un'ampia stanza, la stessa in cui termina il pozzo di cui sopra; da questa si dipartono due cunicoli principali. Uno prosegue in piano per una ventina di metri, l'altro, dopo un salto di circa 3 metri, si sviluppa subito in discesa, poi in piano, per circa 40 metri. Entrambi i cunicoli sono coperti di fango e in quello inferiore sono presenti pozze d'acqua anche in regime di secca. Il livello d'acqua in regime di piena è indicato sul rilievo (sez. A-A'), il cunicolo inferiore risulta allora completamente sommerso e quello superiore parzialmente allagato. Sia la stanza che il cunicolo superiore presentano abbondanti detriti portati dall'acqua ed una fauna ricca e varia.

SITUAZIONE ATTUALE:

Attualmente si presenta come un enorme inghiottitoio che porta ad una galleria orizzontale con il pavimento composto da fango.
Itinerario
Arrivati all'ultima casa di S.Benedetto (procedendo verso La Spezia), presso la fermata della corriera, ci si dirige verso il fondo della valletta sottostante spostandosi sul lato a Ovest della stessa. Procedendo per 150 m dalla valletta si trova, poco dopo un largo pozzo profondo pochi metri che funziona da punto di assorbimento per le acque piovane (è allagato per molto tempo durante l'inverno), il canale lasciato dall'acqua piovana che dai monti circostanti perviene sul fondo di questa valle chiusa. L'ingresso della grotta si trova al termine di questo canale ed è il principale punto di assorbimento della zona. Il secondo ingresso dsi trova pochi metri più in alto del primo.
Fauna
Nelle pozze d'acqua presenti nell'ampia stanza dell'ingresso inferiore sono stati trovati: Niphargus, Duvalius, Trecus, Stafilinidi, Isopodi; Ragni nei detriti, principalmente legno; uno Pseudoscorpione vagante sull'argilla a metà del cunicolo superiore.
Storia
Notizie sulla Sprugola di Zegori da "Memorie di Storia Lunigianese" vol. I e II 1919
L'area dei terreni che scolano direttamente nelle sprugole di Zegori è di kmq 6,820. Quella dei terreni che scolano nell'adiacente Sprugola di Caresana è di kmq 1,120.
Le acque che cadono nelle conche di San Benedetto e di Caresana non hanno alcuna via esterna di uscita e devono perciò necessariamente inabissarsi attraverso le bocche o craterinei canali sotterranei. E' da ritenersi quindi attendibile l'ipotesi che, in detti canali defluisca almeno il 75% dell'acqua piovana caduta in tali bacini (kmq 6,820+1,120) ed anche, per le ragioni precedentemente indicate, il 30% dell'acqua piovana dell'Alta Graveglia:

Immagine ingresso
1{_"REGIONE":"LI","PROV":"SP","NUM":"413","SPECIF":"1","DATAGG":"2008-01-14","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"SPRUGOLA DI ZEGORI","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"RICCO' DEL GOLFO DI SPEZIA","LOCAL":"S. BENEDETTO-PIANA DI ZEGORI","ACAR":"LAMA DI LA SPEZIA","ACARCOD":"SP38","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"110","SVILPLAN":"0","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"-24","DTOT":"24","TC_01":"Gauss Boaga Generiche","latitude":"4886909","longitude":"1562456","DC_01":"95 II NO LA SPEZIA","SC_01":"175","AE_01":"0","QA_01":"175","QC_01":"175","VD_01":"BARBAGELATA","IDRO":"assorbente permanente","RILEVATORI":"PEDROLINI G.A.-","GRADORIL":null,"GRUPPI":"A.S.G.SAN GIORGIO","NOTE":null,"NOTE2":"RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino","RCS":"Cavit\u00e0 a rischio ambientale","ITINERARIO":"Arrivati all'ultima casa di S.Benedetto (procedendo verso La Spezia), presso la fermata della corriera, ci si dirige verso il fondo della valletta sottostante spostandosi sul lato a Ovest della stessa. Procedendo per 150 m dalla valletta si trova, poco dopo un largo pozzo profondo pochi metri che funziona da punto di assorbimento per le acque piovane (\u00e8 allagato per molto tempo durante l'inverno), il canale lasciato dall'acqua piovana che dai monti circostanti perviene sul fondo di questa valle chiusa. L'ingresso della grotta si trova al termine di questo canale ed \u00e8 il principale punto di assorbimento della zona. Il secondo ingresso dsi trova pochi metri pi\u00f9 in alto del primo. ","DESCRIZIONE":"GROTTA ORIGINALE:\r\n\r\nDall'ingresso superiore si entra direttamente in una dialcasi profonda circa 8 metri il cui fondo parte concrezionato e in parte argilloso, presenta detriti vegetali e ospita una fauna relativamente ricca. Presso l'ingresso di questa dialcasi, a circa 2 metri di profondit\u00e0, si trova un cunicolo che, tramite un pozzo di circa 16 metri comunica con la parte sottostante della cavit\u00e0. \r\nL'ingresso inferiore immette invece in un'ampia stanza, la stessa in cui termina il pozzo di cui sopra; da questa si dipartono due cunicoli principali. Uno prosegue in piano per una ventina di metri, l'altro, dopo un salto di circa 3 metri, si sviluppa subito in discesa, poi in piano, per circa 40 metri. Entrambi i cunicoli sono coperti di fango e in quello inferiore sono presenti pozze d'acqua anche in regime di secca. Il livello d'acqua in regime di piena \u00e8 indicato sul rilievo (sez. A-A'), il cunicolo inferiore risulta allora completamente sommerso e quello superiore parzialmente allagato. Sia la stanza che il cunicolo superiore presentano abbondanti detriti portati dall'acqua ed una fauna ricca e varia. \r\n\r\nSITUAZIONE ATTUALE:\r\n\r\nAttualmente si presenta come un enorme inghiottitoio che porta ad una galleria orizzontale con il pavimento composto da fango.","FAUNA":"Nelle pozze d'acqua presenti nell'ampia stanza dell'ingresso inferiore sono stati trovati: Niphargus, Duvalius, Trecus, Stafilinidi, Isopodi; Ragni nei detriti, principalmente legno; uno Pseudoscorpione vagante sull'argilla a met\u00e0 del cunicolo superiore.","recordinsert":"2010-07-10 01:30:37","recordupdate":"2020-02-03 09:22:33","username":"admin","userupdate":"alessandrovernassa","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","noteversione":"Itinerario, Descrizione, Fauna e Storia da Catasto Zoia","data_verifica":null,"photo1":"501a690e-d4bd-40c2-b7b0-94c6c622dc36.jpeg","STORIA":"Notizie sulla Sprugola di Zegori da \"Memorie di Storia Lunigianese\" vol. I e II 1919\r\nL'area dei terreni che scolano direttamente nelle sprugole di Zegori \u00e8 di kmq 6,820. Quella dei terreni che scolano nell'adiacente Sprugola di Caresana \u00e8 di kmq 1,120.\r\nLe acque che cadono nelle conche di San Benedetto e di Caresana non hanno alcuna via esterna di uscita e devono perci\u00f2 necessariamente inabissarsi attraverso le bocche o craterinei canali sotterranei. E' da ritenersi quindi attendibile l'ipotesi che, in detti canali defluisca almeno il 75% dell'acqua piovana caduta in tali bacini (kmq 6,820+1,120) ed anche, per le ragioni precedentemente indicate, il 30% dell'acqua piovana dell'Alta Graveglia:"}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
alessandrovernassa
Ultima modifica dei dati
03/02/2020

Coordinate:

Bibliografia

1892Il Barone Luigi d'Isengard e la Storia del golfo della SpeziaCAPELLINI GiovanniVisualizza
1896Caverne e brecce ossifere nei dintorni del Golfo della SpeziaCAPELLINI GiovanniVisualizza
1902Sulle ricerche e osservazioni di Lazzaro Spallanzani a Portovenere e nei dintorni della SpeziaCAPELLINI GiovanniVisualizza
1906Speleologia (Studio delle Caverne)CASELLI CarloVisualizza
1919Una discesa nella sprugola di ZegoriMAZZINI UmbertoVisualizza
1919-1920Grotte e caverne della LunigianaCASELLI CarloVisualizza
1926La Lunigiana geologica e preistoricaCASELLI CarloVisualizza
1935La Geologia del Golfo della SpeziaZACCAGNA DomenicoVisualizza
1939Liguria geologicaROVERETO GaetanoVisualizza
1957Breve storia di due famose caverne spezzineAMBROSI Augusto CesareVisualizza
1994Degrado delle aree carsiche - una ricerca sulle province di Genova e La SpeziaBRACCO RodolfoVisualizza
2001Input per l'infernoJESU MaurizioVisualizza

Schede storiche Issel - Aggiornamento Zoja:


Scarica scheda per l'aggiornamento