LI276

GROTTA DEL SEMAFORO

Primo censitore
CIGNA A.
Regione
LIGURIA
Provincia
SP
Comune
PORTOVENERE
Località
ISOLA PALMARIA-SEMAFORO
Dimensioni
Sviluppo reale
10
Sviluppo planimetrico
0
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
-2
Dislivello totale
2
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4876909
Longitudine
1567316
Tipo di coordinate
Gauss Boaga Zona 1
Tipo coordinate originali
Gauss Boaga Generiche
Quota altimetrica
200
Quota GPS
0
Valutazione dato
BARBAGELATA
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Gruppi
GRUPPO GROTTE MILANO
Note

RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino
Descrizione
La grotta consta di una cavità sviluppantesi parallelamente alla superficie rocciosa esterna. Sono in atto fenomeni di crollo. Le lepri, numerose sull'isola, vi si rifugiano sovente.
Itinerario
Dalla strada militare, immediatamente prima del Semaforo, lungo un sentiero verso Nord Ovest per 150 m circa, poi verso il limite dell'altopiano.
L'ingresso è costituito da un'apertura angusta poco visibile tra la vegetazione erbacea:
1{_"REGIONE":"LI","PROV":"SP","NUM":"276","SPECIF":"1","DATAGG":null,"DRILEV":"1987-12-31","NOME":"GROTTA DEL SEMAFORO","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"PORTOVENERE","LOCAL":"ISOLA PALMARIA-SEMAFORO","ACAR":"LAMA DI LA SPEZIA","ACARCOD":"SP38,SP38","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"10","SVILPLAN":"0","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"-2","DTOT":"2","TC_01":"Gauss Boaga Generiche","latitude":"4876909","longitude":"1567316","DC_01":"95 II SE LERICI","SC_01":"0","AE_01":"0","QA_01":"200","QC_01":null,"VD_01":"BARBAGELATA","IDRO":null,"RILEVATORI":"CIGNA A.","GRADORIL":null,"GRUPPI":"GRUPPO GROTTE MILANO","NOTE":null,"NOTE2":"RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino","RCS":null,"ITINERARIO":"Dalla strada militare, immediatamente prima del Semaforo, lungo un sentiero verso Nord Ovest per 150 m circa, poi verso il limite dell'altopiano.\r\nL'ingresso \u00e8 costituito da un'apertura angusta poco visibile tra la vegetazione erbacea:","DESCRIZIONE":"La grotta consta di una cavit\u00e0 sviluppantesi parallelamente alla superficie rocciosa esterna. Sono in atto fenomeni di crollo. Le lepri, numerose sull'isola, vi si rifugiano sovente.","recordinsert":"2010-07-10 01:30:15","recordupdate":"2014-12-04 16:26:49","username":"admin","userupdate":"gabriellagiordani","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","noteversione":"Itinerario e Descrizione da Catasto Zoia","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
gabriellagiordani
Ultima modifica dei dati
04/12/2014

Coordinate:

Bibliografia

1967Ricerche speleologiche nelle isole Palmaria, del Tino e del TinettoCIGNA Arrigo, GIORCELLI A., TOZZI CarloVisualizza
1985Catasto delle cavità sotterranee naturali della Provincia della SpeziaBARBAGELATA MatteoVisualizza

Schede storiche Issel - Aggiornamento Zoja:


Scarica scheda per l'aggiornamento