LI304

O PERTUSELLO

Altre denominazioni
GROTTA DEL PERTUSELLO
Primo censitore
CALANDRI G. (GSI) - NOBERASCO M. (SCP) 2001
Regione
LIGURIA
Provincia
IM
Località
RIVA DX
Dimensioni
Sviluppo reale
47
Sviluppo planimetrico
46
Estensione
0
Dislivello positivo
6
Dislivello negativo
0
Dislivello totale
6
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44°06'16'' N
Longitudine
4°27'13'' Ovest di Monte Mario
Tipo di coordinate
IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)
Tipo coordinate originali
IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)
Quota altimetrica
570
Quota GPS
0
Cavità archeologica
Si
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Gruppi
G.S.I.-S.C.P.
Note
Coordinate, Itinerario e Descrizione da "Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira" (G. Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)
Descrizione
E' uno dei più estesi cavernoni della Pennavaira: spettacolare è il grande ingresso triangolare diviso alla base da imponenti blocchi di crollo. Il vasto sale iniziale (impostato su frattura N210°) a pianta subrettangolare, ha una superficie di ca. 300 mq, caratterizzato da pietrame collassato e depositi concrezionari. Si sale quindi tra grandi colate di calcite, con vasche. Tutto il settore sino al termine è costituito da gallerie e cunicoli contorti: ci si muove tra continui, potenti depositi litogenetici. La varietà e grandiosità dei depositi è, a tratti, spettacolare: colonne, formazioni stalattitiche e stalagmitiche, con colorazioni bianco latte - arancio.
Itinerario
Seguire la provinciale da Martinetto (6 km da Albenga) verso Alto, sotto il paese ad un netto tornante (da cui si sviluppa la vecchia carreggiabile per Caprauna) si prende, un sentierino che a stretti tornanti scende al rio Pennavaira, traversato il quale ci si trova di fronte all'allungato ingresso dell'Arma della Stefanin. Da qui, risalendo (in riva dx) il Pennavaira tra enormi massi, dopo la prima ansa si risale il ripidissimo pendio (difficile) sino alla base della balza alta, dove si apre il Pertusello (raggiungibile dal ponte della vecchia mulattiera tra Alto e Aquila, verso valle poi risalendo per incerte tracce sino alla base della falesia alta). Entrambi i percorsi sono attualmente pericolosi.
1{_"REGIONE":"LI","PROV":"IM","NUM":"304","SPECIF":"1","DATAGG":"2009-12-12","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"O PERTUSELLO","SINON":"GROTTA DEL PERTUSELLO","RAS":"N","COMUNE":null,"LOCAL":"RIVA DX","ACAR":"PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","ACARCOD":"IM12","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"47","SVILPLAN":"46","ESTEN":"0","DPOS":"6","DNEG":"0","DTOT":"6","TC_01":"IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","latitude":"44\u00b006'16'' N","longitude":"4\u00b027'13'' Ovest di Monte Mario","DC_01":"92 III NO NASINO","SC_01":null,"AE_01":"0","QA_01":"570","QC_01":null,"VD_01":null,"IDRO":null,"RILEVATORI":"CALANDRI G. (GSI) - NOBERASCO M. (SCP) 2001","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.I.-S.C.P.","NOTE":"Coordinate, Itinerario e Descrizione da \"Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira\" (G. Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)","NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"Seguire la provinciale da Martinetto (6 km da Albenga) verso Alto, sotto il paese ad un netto tornante (da cui si sviluppa la vecchia carreggiabile per Caprauna) si prende, un sentierino che a stretti tornanti scende al rio Pennavaira, traversato il quale ci si trova di fronte all'allungato ingresso dell'Arma della Stefanin. Da qui, risalendo (in riva dx) il Pennavaira tra enormi massi, dopo la prima ansa si risale il ripidissimo pendio (difficile) sino alla base della balza alta, dove si apre il Pertusello (raggiungibile dal ponte della vecchia mulattiera tra Alto e Aquila, verso valle poi risalendo per incerte tracce sino alla base della falesia alta). Entrambi i percorsi sono attualmente pericolosi.","DESCRIZIONE":"E' uno dei pi\u00f9 estesi cavernoni della Pennavaira: spettacolare \u00e8 il grande ingresso triangolare diviso alla base da imponenti blocchi di crollo. Il vasto sale iniziale (impostato su frattura N210\u00b0) a pianta subrettangolare, ha una superficie di ca. 300 mq, caratterizzato da pietrame collassato e depositi concrezionari. Si sale quindi tra grandi colate di calcite, con vasche. Tutto il settore sino al termine \u00e8 costituito da gallerie e cunicoli contorti: ci si muove tra continui, potenti depositi litogenetici. La variet\u00e0 e grandiosit\u00e0 dei depositi \u00e8, a tratti, spettacolare: colonne, formazioni stalattitiche e stalagmitiche, con colorazioni bianco latte - arancio.","recordinsert":"2010-07-10 01:30:19","recordupdate":"2018-08-31 09:12:29","username":"admin","userupdate":"henrydesantis","marina":"N","archeologica":"S","rischioambientale":"N","chiusa":"N","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
henrydesantis
Ultima modifica dei dati
31/08/2018

Coordinate:

Bibliografia

1952Nuove grotte preistoriche in Val Pennavaire (Albenga)CHIAPPELLA Virginia GinettaVisualizza
1955Grotte di Val PennavaireCHIAPPELLA Virginia GinettaVisualizza
1958Note su alcune caverne della Val PennavairaDINALE GiovanniVisualizza
1960Le nostre spedizioni in Val PennavaireAnonimoVisualizza
1962Ritrovamenti archeologici e giacimenti preistorici nelle grotte della Val PennavairaANFOSSI MILLI LealeVisualizza

Scarica scheda per l'aggiornamento