LI360

CAVERNA DELL' AURERA

Altre denominazioni
GROTTA DELL' ORERA;GROTTA SOPRA IL CIMITERO DI FINALBORGO
Regione
LIGURIA
Provincia
SV
Comune
FINALE LIGURE
Località
FINALBORGO
Monte
ROCCA DELL'ORERA
Area carsica
Dimensioni
Sviluppo reale
50
Sviluppo planimetrico
50
Estensione
0
Dislivello positivo
18
Dislivello negativo
0
Dislivello totale
18
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44.1727 N
Longitudine
8.3188 E
Tipo di coordinate
GPS Geografiche WGS84
Tipo coordinate originali
UTM WGS84 Generiche
Quota altimetrica
250
Quota cartografica
255
Quota GPS
0
Valutazione dato
POSIZIONAMENTO CON GPS
Cavità archeologica
Si
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Idrologia
secca
Andamento
ORIZZONTALE
Percorribilità
FACILE
Gruppi
Mario Codebò (1989): REDAZIONE SCHEDA CATASTALE
AGGIORNAMENTO CATASTALE (2010): G.G. BORGIO VEREZZI
Note
La caverna dell'Aurera o dell'Orera (dal nome delle caratteristiche rocce omonime nelle quali si apre, sopraetanti a SW l'abitato di Finalborgo) è indicata dal Bernabò Brea, nel suo volume sulle Grotte del Finalese, come: Caverna del M. Caprazoppa sovrast
Archeologica
Descrizione
Essa è lunga dall'imboccatura al fondo m 16.60, orientata secondo un asse 40° (ingresso) - 220° (fondo). Larga all'imboccatura m 7.70 e alta circa m 10. e' fortemente inclinata dal basso verso l'alto dall'imboccatura verso il fondo (circa + 45° di pendenza). Ha una larghezza massima di m 14.20 (a livello del suolo) tra m 10 e m 10.60 dal fondo, in corrispondenza di una fessura sulla parete NW rpofonda m 3.20 (compresi nei complessivi m 14.20). L'altezza oscilla mediamente sui m 10 - 15. Se il suolo non fosse così inclinato raggiungerebbe, e forse supererebbe, i m 25 in altezza. A m 2.6 dell'ingresso vi è un primo gradino, formato da massi di grandi e medie dimensioni, alto m 2.50. Alla distanza di ulteriori m 2, un secondo gradino alto m 1.26 . Ad ulteriori m 4, un terzo gradino alto m 2.75. Nel complesso la grotta è dunque riempita da una potente frana. Per questo motivo il rilievo topografico risulta piuttosto complesso: parimenti, l'interno della grotta risulta molto irregolare, ricco di anfratti e fessure formati dai massi caduti; numerosi punti sono raggiungibili solo con l'uso di corde. Nel punto più alto della grotta, a m 12.60 dall'ingresso,
praticamente nella volta, sul lato W, ma facilmente raggiungibile a causa del suolo inclinato, si apre un angusto e basso cunicolo di antica origine carsica, ormai fossile, lungo m 18, orientato secondo un osse di circa 120°-130° all'imboccatura e 300°-310° al fondo. Vi si accede superando un dislivello di m +11. La sua larghezza varia da m 4.50 all'ingresso sino a m 0.50 al fondo. L'altezza varia da un minimo di 1.20 a m 10.60 dal fondo fino ad un massimo di circa m 4 a m 14 dal fondo. A m 7 dal fondo essa è di m 2 circa; a m 2 dal fondo è di m 2 circa; il cunicolo non si abbassa maggiormente quanto più ci si avvicina al fondo. Il suolo del cunicolo appare intatto; sulla sua superficie sono stati rinvenuti (cfr. Codebò) cumuli di resti vegetali in più punti, talora associati a resti di piccoli animali, resti a quanto sembra di nidi. Tra le numerose ossa rinvenute: un cranio di roditore.
Itinerario
1° itinerario - dalla chiesa di Verezzi (san Martino)si prende il sentiero verso Finalborgo segnato con tre cerchi di colore rosso pieno disposti a triangolo e lo si percorre fino al raggiungimento di un'ampia depressione prativa di forma circolare, a qualche centinaio di metri dalla chiese, immediatamente a N del sentiero. Si attraversa interamente il prato, o lo si costaeggia sul suo versante orientale, e ci si inoltra nol bosco immediatamente retrostante, dirigendosi praticamente a N ancora per un centinaio di metri e comunque sino al raggiungimento della sella posta a quota m 250 s.l.m . dalla quale si gode un ottimo panorama sulla sottostante valle del Torrente Pora. Da qui si volta a E seguendo un sentiero in direzione circa 80°, che costeggia a NE la base dell parete di roccia (Rocca dell'Orera), percorrendo circa 150 metri sino ad incontrare alcuni piccoli anfratti e ripari alla base della falesia. Da qui a breve si giunge all'imbocco della caverna.

Immagine ingresso
8{_"REGIONE":"LI","PROV":"SV","NUM":"360","SPECIF":"1","DATAGG":"2007-11-30","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"CAVERNA DELL' AURERA","SINON":"GROTTA DELL' ORERA;GROTTA SOPRA IL CIMITERO DI FINALBORGO","RAS":"N","COMUNE":"FINALE LIGURE","LOCAL":"FINALBORGO","MONTE":"ROCCA DELL'ORERA","VALLE":"VALLE PORA","ACAR":"BORGIO - CAPRAZOPPA","ACARCOD":"SV29","FM":null,"FMCOD":"PDF","AGE":"Miocene","SVILRE":"50","SVILPLAN":"50","ESTEN":"0","DPOS":"18","DNEG":"0","DTOT":"18","TC_01":"UTM WGS84 Generiche","latitude":"4891334.5","longitude":"445552.7","DC_01":"92 I SO CALICE LIGURE","SC_01":"280","AE_01":"0","QA_01":"250","QC_01":"255","VD_01":"POSIZIONAMENTO CON GPS","IDRO":"secca","RILEVATORI":null,"GRADORIL":null,"GRUPPI":"Mario Codeb\u00f2 (1989): REDAZIONE SCHEDA CATASTALE\r\nAGGIORNAMENTO CATASTALE (2010): G.G. BORGIO VEREZZI","NOTE":"La caverna dell'Aurera o dell'Orera (dal nome delle caratteristiche rocce omonime nelle quali si apre, sopraetanti a SW l'abitato di Finalborgo) \u00e8 indicata dal Bernab\u00f2 Brea, nel suo volume sulle Grotte del Finalese, come: Caverna del M. Caprazoppa sovrast","NOTE2":null,"RCS":"Archeologica","ITINERARIO":"1\u00b0 itinerario - dalla chiesa di Verezzi (san Martino)si prende il sentiero verso Finalborgo segnato con tre cerchi di colore rosso pieno disposti a triangolo e lo si percorre fino al raggiungimento di un'ampia depressione prativa di forma circolare, a qualche centinaio di metri dalla chiese, immediatamente a N del sentiero. Si attraversa interamente il prato, o lo si costaeggia sul suo versante orientale, e ci si inoltra nol bosco immediatamente retrostante, dirigendosi praticamente a N ancora per un centinaio di metri e comunque sino al raggiungimento della sella posta a quota m 250 s.l.m . dalla quale si gode un ottimo panorama sulla sottostante valle del Torrente Pora. Da qui si volta a E seguendo un sentiero in direzione circa 80\u00b0, che costeggia a NE la base dell parete di roccia (Rocca dell'Orera), percorrendo circa 150 metri sino ad incontrare alcuni piccoli anfratti e ripari alla base della falesia. Da qui a breve si giunge all'imbocco della caverna.","DESCRIZIONE":"Essa \u00e8 lunga dall'imboccatura al fondo m 16.60, orientata secondo un asse 40\u00b0 (ingresso) - 220\u00b0 (fondo). Larga all'imboccatura m 7.70 e alta circa m 10. e' fortemente inclinata dal basso verso l'alto dall'imboccatura verso il fondo (circa + 45\u00b0 di pendenza). Ha una larghezza massima di m 14.20 (a livello del suolo) tra m 10 e m 10.60 dal fondo, in corrispondenza di una fessura sulla parete NW rpofonda m 3.20 (compresi nei complessivi m 14.20). L'altezza oscilla mediamente sui m 10 - 15. Se il suolo non fosse cos\u00ec inclinato raggiungerebbe, e forse supererebbe, i m 25 in altezza. A m 2.6 dell'ingresso vi \u00e8 un primo gradino, formato da massi di grandi e medie dimensioni, alto m 2.50. Alla distanza di ulteriori m 2, un secondo gradino alto m 1.26 . Ad ulteriori m 4, un terzo gradino alto m 2.75. Nel complesso la grotta \u00e8 dunque riempita da una potente frana. Per questo motivo il rilievo topografico risulta piuttosto complesso: parimenti, l'interno della grotta risulta molto irregolare, ricco di anfratti e fessure formati dai massi caduti; numerosi punti sono raggiungibili solo con l'uso di corde. Nel punto pi\u00f9 alto della grotta, a m 12.60 dall'ingresso,\r\npraticamente nella volta, sul lato W, ma facilmente raggiungibile a causa del suolo inclinato, si apre un angusto e basso cunicolo di antica origine carsica, ormai fossile, lungo m 18, orientato secondo un osse di circa 120\u00b0-130\u00b0 all'imboccatura e 300\u00b0-310\u00b0 al fondo. Vi si accede superando un dislivello di m +11. La sua larghezza varia da m 4.50 all'ingresso sino a m 0.50 al fondo. L'altezza varia da un minimo di 1.20 a m 10.60 dal fondo fino ad un massimo di circa m 4 a m 14 dal fondo. A m 7 dal fondo essa \u00e8 di m 2 circa; a m 2 dal fondo \u00e8 di m 2 circa; il cunicolo non si abbassa maggiormente quanto pi\u00f9 ci si avvicina al fondo. Il suolo del cunicolo appare intatto; sulla sua superficie sono stati rinvenuti (cfr. Codeb\u00f2) cumuli di resti vegetali in pi\u00f9 punti, talora associati a resti di piccoli animali, resti a quanto sembra di nidi. Tra le numerose ossa rinvenute: un cranio di roditore.","PERCORRIBILITA":"FACILE","recordinsert":"2010-07-10 01:30:28","recordupdate":"2017-01-02 11:11:25","username":"admin","userupdate":"henrydesantis","marina":"N","archeologica":"S","rischioambientale":"N","chiusa":"N","ANDAMENTO":"ORIZZONTALE","data_verifica":null,"photo1":"2016-12-28 13.31.26.jpg"}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
henrydesantis
Ultima modifica dei dati
14/03/2021

Coordinate WGS84 (Lon,Lat):
Coordinate WGS84 (Lon,Lat):
Coordinate WGS84 UTM (x,y,zone):

Bibliografia

1956Nuove esplorazioni nel finale: la Caverna dell’Aurera GIUGGIOLA OscarVisualizza

Documentazione Delegazione Speleologica Ligure

la visualizzazione della documentazione DSL è riservata ai curatori, eseguire il login per visualizzare le schede

Genera scheda catastale

Rilievi cavità

Codice Grotta
LI360

PIANTA


LI 360 caverna dell'aurera pianta.png
Autore rilievo
Rosalinda Farinazzo, Daniele Vinai, Alessandro Maifredi, Simona Mordeglia, Luca Redoano
Rilevatori
Rosalinda Farinazzo, Daniele Vinai, Alessandro Maifredi, Simona Mordeglia, Luca Redoano
Licenza rilievo
CCPL - Attribuzione - Condividi allo stesso modo 2.5
Descrizione rilievo
RILIEVO INEDITO - VIETATA LA RIPRODUZIONE

Scarica scheda per l'aggiornamento