LI298

ARMA DA PORTA B

Primo censitore
CALANDRI G. (GSI) - NOBERASCO M. (SCP) - 2001
Regione
LIGURIA
Provincia
SV
Dimensioni
Sviluppo reale
53
Sviluppo planimetrico
51
Estensione
0
Dislivello positivo
4
Dislivello negativo
0
Dislivello totale
4
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44°06'35''N
Longitudine
4°28'23''.5 Ovest di Monte Mario
Tipo di coordinate
IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)
Tipo coordinate originali
IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)
Quota altimetrica
695
Quota GPS
0
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Gruppi
G.S.I.-S.C.P.
Note
Coordinate, Itinerario e Descrizione da "Carsismo e Grotte dell'ALta Val Pennavaira" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)
Descrizione
La grotta ha un ingresso perfettamente rettangolare (largo anche oltre 40 metri e alto più di 20 metri). In questo cavernone è ancora più netta la corrispondenza tra i grandi blocchi poliedrici, metrici, ed il profilo della volta, mentre la parte interna è a gradoni: la genesi classica è legata alla base scistosa della bancata di calcari giurassici ed a fratture di decompressione parallele alle falesie (infatti la parete di fondo è una liscia bancata di calcare, verticale molto regolare). In posizione centrale sotto la parete si sviluppa un basso cunicolo suborizzontale.
Sul lato occidentale del grande cavernone di crollo, superati i cumuli di blocchi, si sviluppa una breve galleria tettonica ascendente con regolari massi cubici.Verso Est si prolunga un'angusta galleria orizzontale divisa in due parti da alcune colonne stalattitiche: il pavimento è un tappeto di concrezioni calcitiche da arancio a bianche, anche vaschette con acqua.
Itinerario
Da Aquila d'Arroscia (7 km dalll'ex statale n.483 della Valle d'Arroscia) seguendo la rotabile (ca.2 km) per il passo di San Giacomo. Dal passo si prende la pista quasi sotto i ruderi del Castello dell'Aquila. La pista scende ripidamente; quindi più dolcemente sui bassi versanti del Bozzaro sino ai resti della Cascina Doglio. La strada sterrata prosegue nel castagneto scendendo rapidamente. Lungo la pista dell'acquedotto si sale con regolare pendenza, superando il rio Curagnone. DOpo ca. 3,5 km da S.Giacomo a sinistra si apre il maestoso antro dell'Arma da Porta A.
Poche decine di metri oltre si perviene all'Arma da Porta B.
1{_"REGIONE":"LI","PROV":"SV","NUM":"298","SPECIF":"1","DATAGG":"2009-12-12","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"ARMA DA PORTA B","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":null,"LOCAL":null,"ACAR":"PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","ACARCOD":"IM12","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":"Giurassico Superiore","SVILRE":"53","SVILPLAN":"51","ESTEN":"0","DPOS":"4","DNEG":"0","DTOT":"4","TC_01":"IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","latitude":"44\u00b006'35''N","longitude":"4\u00b028'23''.5 Ovest di Monte Mario","DC_01":"92 III NO NASINO","SC_01":null,"AE_01":"0","QA_01":"695","QC_01":null,"VD_01":null,"IDRO":null,"RILEVATORI":"CALANDRI G. (GSI) - NOBERASCO M. (SCP) - 2001","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.I.-S.C.P.","NOTE":"Coordinate, Itinerario e Descrizione da \"Carsismo e Grotte dell'ALta Val Pennavaira\" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)","NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"Da Aquila d'Arroscia (7 km dalll'ex statale n.483 della Valle d'Arroscia) seguendo la rotabile (ca.2 km) per il passo di San Giacomo. Dal passo si prende la pista quasi sotto i ruderi del Castello dell'Aquila. La pista scende ripidamente; quindi pi\u00f9 dolcemente sui bassi versanti del Bozzaro sino ai resti della Cascina Doglio. La strada sterrata prosegue nel castagneto scendendo rapidamente. Lungo la pista dell'acquedotto si sale con regolare pendenza, superando il rio Curagnone. DOpo ca. 3,5 km da S.Giacomo a sinistra si apre il maestoso antro dell'Arma da Porta A.\r\nPoche decine di metri oltre si perviene all'Arma da Porta B. ","DESCRIZIONE":"La grotta ha un ingresso perfettamente rettangolare (largo anche oltre 40 metri e alto pi\u00f9 di 20 metri). In questo cavernone \u00e8 ancora pi\u00f9 netta la corrispondenza tra i grandi blocchi poliedrici, metrici, ed il profilo della volta, mentre la parte interna \u00e8 a gradoni: la genesi classica \u00e8 legata alla base scistosa della bancata di calcari giurassici ed a fratture di decompressione parallele alle falesie (infatti la parete di fondo \u00e8 una liscia bancata di calcare, verticale molto regolare). In posizione centrale sotto la parete si sviluppa un basso cunicolo suborizzontale. \r\nSul lato occidentale del grande cavernone di crollo, superati i cumuli di blocchi, si sviluppa una breve galleria tettonica ascendente con regolari massi cubici.Verso Est si prolunga un'angusta galleria orizzontale divisa in due parti da alcune colonne stalattitiche: il pavimento \u00e8 un tappeto di concrezioni calcitiche da arancio a bianche, anche vaschette con acqua. ","recordinsert":"2010-07-10 01:30:18","recordupdate":"2013-11-11 15:06:57","username":"admin","userupdate":"michelenoberasco","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
michelenoberasco
Ultima modifica dei dati
11/11/2013

Coordinate:

Bibliografia

1960Le nostre spedizioni in Val PennavaireCARBONE Davide, MAIFREDI PietroVisualizza
1960Le nostre spedizioni in Val PennavaireAnonimoVisualizza

Scarica scheda per l'aggiornamento