LI297

ARMA DA PORTA A

Primo censitore
CALANDRI G. (2000)
Regione
LIGURIA
Provincia
IM
Dimensioni
Sviluppo reale
18
Sviluppo planimetrico
16
Estensione
0
Dislivello positivo
4
Dislivello negativo
0
Dislivello totale
4
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44°06'34'' N
Longitudine
4°28'20'' Ovest di Monte Mario
Tipo di coordinate
IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)
Tipo coordinate originali
IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)
Quota altimetrica
690
Quota GPS
0
Cavità archeologica
Si
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Gruppi
G.S.IMPERIESE CAI
Note
Coordinate, Itinerario e Descrizione da "Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)
Descrizione
Si apre alla base della falesia, poco sopra la strada sterrata, con un grande ingresso subrettangolare largo 25 metri (alto da 10 a 30 m). Il cavernone è costituito da una grande sala, quasi rettangolare (superf. ca. 600 mq) caratterizzato da megablocchi a spigoli vivi (collassati dalla volta) in parte ricoperti da una fitta vegetazione sciafila. Tutta la parte interna, lungo la parete di fondo, presenta un complesso di grandi colate calcitiche (prodotte dalle acque di percolazione lungo le fratture di distensione ed il contatto stratigrafico), alte 2-3 m rispetto al piano della caverna. Il deposito litogenetico nella parte superiore è disegnato da una serie di vasche (gours) di concrezione, larghe anche un paio di metri, spesso con il bordo festonato (simile ad una Tridacne gigans): sono legate al ristagno delle acque che un tempo (raramente negli ultimi decenni) occupavano completamente questo sistema di laghetti. L'uomo ha in parte tagliato alcune basche (per abbeveraggio del bestiame). SUl lato occidentale della caverna si notano i resti di muri a secco di vecchi ricoveri dei pastori (e forse dei carbonai).
Itinerario
Da Aquila d'Arroscia (7 km dalll'ex statale n.483 della Valle d'Arroscia) seguendo la rotabile (ca.2 km) per il passo di San Giacomo. Dal passo si prende la pista quasi sotto i ruderi del Castello dell'Aquila. La pista scende ripidamente; quindi più dolcemente sui bassi versanti del Bozzaro sino ai resti della Cascina Doglio. La strada sterrata prosegue nel castagneto scendendo rapidamente. Lungo la pista dell'acquedotto si sale con regolare pendenza, superando il rio Curagnone. DOpo ca. 3,5 km da S.Giacomo a sinistra si apre il maestoso antro dell'Arma da Porta A.
{5f35eee453dad_"REGIONE":"LI","PROV":"IM","NUM":"297","SPECIF":"1","DATAGG":"2009-12-12","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"ARMA DA PORTA A","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":null,"LOCAL":null,"ACAR":"PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","ACARCOD":"IM12,IM12","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":"Giurassico Superiore","SVILRE":"18","SVILPLAN":"16","ESTEN":"0","DPOS":"4","DNEG":"0","DTOT":"4","TC_01":"IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","latitude":"44\u00b006'34'' N","longitude":"4\u00b028'20'' Ovest di Monte Mario","DC_01":"92 III NO NASINO","SC_01":null,"AE_01":"0","QA_01":"690","QC_01":null,"VD_01":null,"IDRO":null,"RILEVATORI":"CALANDRI G. (2000)","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.IMPERIESE CAI","NOTE":"Coordinate, Itinerario e Descrizione da \"Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira\" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)","NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"Da Aquila d'Arroscia (7 km dalll'ex statale n.483 della Valle d'Arroscia) seguendo la rotabile (ca.2 km) per il passo di San Giacomo. Dal passo si prende la pista quasi sotto i ruderi del Castello dell'Aquila. La pista scende ripidamente; quindi pi\u00f9 dolcemente sui bassi versanti del Bozzaro sino ai resti della Cascina Doglio. La strada sterrata prosegue nel castagneto scendendo rapidamente. Lungo la pista dell'acquedotto si sale con regolare pendenza, superando il rio Curagnone. DOpo ca. 3,5 km da S.Giacomo a sinistra si apre il maestoso antro dell'Arma da Porta A.","DESCRIZIONE":"Si apre alla base della falesia, poco sopra la strada sterrata, con un grande ingresso subrettangolare largo 25 metri (alto da 10 a 30 m). Il cavernone \u00e8 costituito da una grande sala, quasi rettangolare (superf. ca. 600 mq) caratterizzato da megablocchi a spigoli vivi (collassati dalla volta) in parte ricoperti da una fitta vegetazione sciafila. Tutta la parte interna, lungo la parete di fondo, presenta un complesso di grandi colate calcitiche (prodotte dalle acque di percolazione lungo le fratture di distensione ed il contatto stratigrafico), alte 2-3 m rispetto al piano della caverna. Il deposito litogenetico nella parte superiore \u00e8 disegnato da una serie di vasche (gours) di concrezione, larghe anche un paio di metri, spesso con il bordo festonato (simile ad una Tridacne gigans): sono legate al ristagno delle acque che un tempo (raramente negli ultimi decenni) occupavano completamente questo sistema di laghetti. L'uomo ha in parte tagliato alcune basche (per abbeveraggio del bestiame). SUl lato occidentale della caverna si notano i resti di muri a secco di vecchi ricoveri dei pastori (e forse dei carbonai).","recordinsert":"2010-07-10 01:30:18","recordupdate":"2016-11-06 13:54:04","username":"admin","userupdate":"henrydesantis","marina":"N","archeologica":"S","rischioambientale":"N","chiusa":"N","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
henrydesantis
Ultima modifica dei dati
06/11/2016

Coordinate:

Bibliografia

1958Note su alcune caverne della Val PennavairaDINALE GiovanniVisualizza
1960Le nostre spedizioni in Val PennavaireCARBONE Davide, MAIFREDI PietroVisualizza
1962Ritrovamenti archeologici e giacimenti preistorici nelle grotte della Val PennavairaANFOSSI MILLI LealeVisualizza

Scarica scheda per l'aggiornamento