LI229

CAVERNA OSSIFERA DELLA VALLETTA

Altre denominazioni
GROTTA DELLA VALLETTA
Primo censitore
CODDE' E.
Regione
LIGURIA
Provincia
SP
Comune
LERICI
Località
LA SERRA-VALLETTA
Dimensioni
Sviluppo reale
0
Sviluppo planimetrico
35
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
-14
Dislivello totale
14
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44.06641 N
Longitudine
9.94219 E
Tipo di coordinate
Geografiche WGS84
Tipo coordinate originali
WGS84 Generiche
Quota altimetrica
355
Valutazione dato
posizionamento possibile accesso
Cavità archeologica
Si
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Cavità distrutta
Parzialmente
Gruppi
G.S.L. A. ISSEL
Note
Ingresso attualmente distrutto.
distrutta da avanzamento cava, RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino
Catasto terreni: 28/322
Descrizione
Fu proprio durante un lavoro nella cava di portoro di un certo Giorgi di Carrara, che nel 1924 venne alla luce una piccola caverna.
Gli operai, che dalle notizie dell’epoca, dovevano essere di Serra e di Tellaro, fecero saltare l’entrata.
La caverna consisteva in due sale. La prima larga due metri, scendeva per circa 14 metri e portava a una seconda sala lunga circa 13 metri, larga 10 e alta 9 metri che terminava in un piccolo cunicolo. All’interno furono recuperati alcuni crani fossili che vennero spaccati per recuperarne i denti, divisi tra gli operai. La notizia del ritrovamento, fortunatamente, venne segnalata a Carlo Caselli, che recatosi nel luogo recuperò e classificò,dopo una difficile ricerca tra le concrezioni calcaree e i materiali di risulta, ossa di Ursus speleus , Capreolus caprea, e Felis silvestris e, forse un dente di felis leo. Nel sito,( grotta dell’orso) si recuperarono anche alcuni manufatti litici.
Tra i reperti, un lisciatoio silicico rossastro, lungo 11 centimetri per 6,5 e spesso 2, risalente al periodo del mesolitico, e un raschiatoio di selce grigia di centimetri 4,5 per 3,4 , alto 1,5 centimetri.
Le pietre non hanno alcun corrispettivo nella parte orientale del golfo e nei monti della regione. Il Caselli ritrovò anche un piccolo nodulo di selce rosso-cupo, che si incontra presso Biassa e una scheggia di selce rosso-pallida, sconosciuta nel nostro territorio. Tranne quanto descritto, che è conservato ed esposto presso il Museo Civico di La Spezia, il resto andò disperso. Alcuni anni fa, ho avuto la fortuna di vedere e di toccare parte di un cranio con mascella e denti dell’ursus speleus in una abitazione privata, ma non mi fu consentito di fotografarlo. Alcune frecce furono ritrovate alla Rocchetta alcuni anni prima, e un’ascia, dal dott. Ottorino Carletti, presso Capo Corvo.

(tratto da articolo scritto da Gino Cabano)
Itinerario
Tra i monti Bandita e Gorriana (?) a 350 metri in cava di Portoro. Distrutta da avanzamento cava.
Autori testi descrizione
Gino Cabano
Autori testi Storia
Gino Cabano
11{_"REGIONE":"LI","PROV":"SP","NUM":"229","SPECIF":"1","DATAGG":null,"DRILEV":"1987-12-31","NOME":"CAVERNA OSSIFERA DELLA VALLETTA","SINON":"GROTTA DELLA VALLETTA","RAS":"N","COMUNE":"LERICI","LOCAL":"LA SERRA-VALLETTA","ACAR":"LAMA DI LA SPEZIA","ACARCOD":"SP37,SP37","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"0","SVILPLAN":"35","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"-14","DTOT":"14","TC_01":"WGS84 Generiche","latitude":"44.06641 N","longitude":"9.94219 E","DC_01":null,"SC_01":null,"AE_01":null,"QA_01":"355","QC_01":null,"VD_01":"posizionamento possibile accesso","IDRO":null,"RILEVATORI":"CODDE' E.","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.L. A. ISSEL","NOTE":"Ingresso attualmente distrutto. ","NOTE2":"distrutta da avanzamento cava, RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino\r\nCatasto terreni: 28\/322","RCS":null,"ITINERARIO":"Tra i monti Bandita e Gorriana (?) a 350 metri in cava di Portoro. Distrutta da avanzamento cava.","DESCRIZIONE":"Fu proprio durante un lavoro nella cava di portoro di un certo Giorgi di Carrara, che nel 1924 venne alla luce una piccola caverna. \r\nGli operai, che dalle notizie dell\u2019epoca, dovevano essere di Serra e di Tellaro, fecero saltare l\u2019entrata. \r\nLa caverna consisteva in due sale. La prima larga due metri, scendeva per circa 14 metri e portava a una seconda sala lunga circa 13 metri, larga 10 e alta 9 metri che terminava in un piccolo cunicolo. All\u2019interno furono recuperati alcuni crani fossili che vennero spaccati per recuperarne i denti, divisi tra gli operai. La notizia del ritrovamento, fortunatamente, venne segnalata a Carlo Caselli, che recatosi nel luogo recuper\u00f2 e classific\u00f2,dopo una difficile ricerca tra le concrezioni calcaree e i materiali di risulta, ossa di Ursus speleus , Capreolus caprea, e Felis silvestris e, forse un dente di felis leo. Nel sito,( grotta dell\u2019orso) si recuperarono anche alcuni manufatti litici. \r\nTra i reperti, un lisciatoio silicico rossastro, lungo 11 centimetri per 6,5 e spesso 2, risalente al periodo del mesolitico, e un raschiatoio di selce grigia di centimetri 4,5 per 3,4 , alto 1,5 centimetri. \r\nLe pietre non hanno alcun corrispettivo nella parte orientale del golfo e nei monti della regione. Il Caselli ritrov\u00f2 anche un piccolo nodulo di selce rosso-cupo, che si incontra presso Biassa e una scheggia di selce rosso-pallida, sconosciuta nel nostro territorio. Tranne quanto descritto, che \u00e8 conservato ed esposto presso il Museo Civico di La Spezia, il resto and\u00f2 disperso. Alcuni anni fa, ho avuto la fortuna di vedere e di toccare parte di un cranio con mascella e denti dell\u2019ursus speleus in una abitazione privata, ma non mi fu consentito di fotografarlo. Alcune frecce furono ritrovate alla Rocchetta alcuni anni prima, e un\u2019ascia, dal dott. Ottorino Carletti, presso Capo Corvo.\r\n\r\n(tratto da articolo scritto da Gino Cabano)","recordinsert":"0000-00-00 00:00:00","recordupdate":"2015-08-01 16:06:57","username":"admin","userupdate":"alessandrovernassa","marina":"N","archeologica":"S","rischioambientale":"N","chiusa":"N","distrutta":"P","noteversione":"Scheda integrata con alcuni dati Catasto Zoia","data_verifica":null,"authorDESCRIZIONE":"Gino Cabano","authorSTORIA":"Gino Cabano"}
Dati compilazione
Data importazione
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
alessandrovernassa
Ultima modifica dei dati
01/08/2015

Coordinate WGS84 (Lon,Lat):
Coordinate WGS84 (Lon,Lat):
Coordinate WGS84 UTM (x,y,zone):

Bibliografia

1924La caverna ossifera della Valletta (Golfo della Spezia)CASELLI CarloVisualizza
1924Una nuova caverna ossiferaAnonimoVisualizza
1926La Lunigiana geologica e preistoricaCASELLI CarloVisualizza
1985Catasto delle cavità sotterranee naturali della Provincia della SpeziaBARBAGELATA MatteoVisualizza

Schede storiche Issel:

Schede storiche Issel - Aggiornamento Zoja:


Genera scheda catastale

Rilievi cavità

Codice Grotta
LI229

Pianta


Codice Grotta
LI229

Sezione


Codice Grotta
LI229

Rilievo


Descrizione rilievo
Rilievo importato automaticamente tra quelli scansionati.

Scarica scheda per l'aggiornamento