LI1859

GROTTA DELLA CASA

Primo censitore
MARCO CORVI
Regione
LIGURIA
Provincia
GE
Comune
RECCO
Area carsica
Formazione geologica
FAN FORMAZIONE DEL M. ANTOLA
Dimensioni
Sviluppo reale
10
Dislivello negativo
1
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44.381108 N
Longitudine
9.149978 E
Tipo di coordinate
GPS Geografiche WGS84
Tipo coordinate originali
GPS Geografiche WGS84
Quota altimetrica
43
Idrologia
emittente temporanea
Andamento
ORIZZONTALE
Note
Relazioni di Marco Corvi:

Molti i depositi di concrezionamento (quelli che ho dovuto spaccare avevano uno sp[essore di parecchi cm, quello in fondo sembra di piu ancora) e tanto anche il fango.
la roccia e` ardesia, con vene di calcite.

una pozza d'acqua. lo scorrimento e` esiguo e per lo piu`
filtra sotto il punto transitabile. Aria assente. Presenza di ragni, e altri animali troglofili. unici animali ch epotrebbero essere troglibi sono dei diplopodi bianchi presenti nella parte finale.

le coordinate sono nel file dei dati. l'altezza dovrebbe essere ortometrica.
Descrizione
il primo tratto, in leggera discesa, conduce ad una prima strettoia oltre la quale c'era un ambientino [ora ingombro di materiale di riporto, sassi e fango, dello scavo della seconda strettoia].
Si passa una seconda strettoia oltre la quale si riesce a continuare per pochi metri, sembra strisciando in uno spazio angusto.

La grotta sembra esser originata da una sorgente, anche se attualmente esce poca acqua (che per lo più filtra sotto).

Ha la morfologia di una condotta scavata e poi riempita di fango e depositi di concrezione a pavimento. Infatti la seconda strettoia era un deposito calcitico, e la parte finale è un altro ingente deposito.
Itinerario
Dall'uscita della autostrada di Recco dirigersi verso Testana al ponte romano prendere il torrente Testana e risalirlo per circa cento m fino ad un rudere sulla parte idrografica destra. Risalire il versante appena dopo il rudere per circa 20 m. L'ingresso si trova in cima ad un piccolo alveo.
Autori testi descrizione
Marco Corvi
Autori testi Itinerario
Marco Corvi
1{_"REGIONE":"LI","PROV":"GE","NUM":"1859","SPECIF":null,"DATAGG":null,"DRILEV":null,"NOME":"GROTTA DELLA CASA","SINON":null,"RAS":null,"COMUNE":"RECCO","LOCAL":null,"ACAR":null,"ACARCOD":"CG_GE1,CG_GE1","FM":null,"FMCOD":"FAN","AGE":null,"SVILRE":"10","SVILPLAN":null,"ESTEN":null,"DPOS":null,"DNEG":"1","DTOT":null,"TC_01":"GPS Geografiche WGS84","latitude":"44.381108 N","longitude":"9.149978 E","DC_01":null,"SC_01":null,"AE_01":null,"QA_01":"43","QC_01":null,"VD_01":null,"IDRO":"emittente temporanea","RILEVATORI":"MARCO CORVI","GRADORIL":null,"NOTE":"Relazioni di Marco Corvi:\r\n\r\nMolti i depositi di concrezionamento (quelli che ho dovuto spaccare avevano uno sp[essore di parecchi cm, quello in fondo sembra di piu ancora) e tanto anche il fango.\r\nla roccia e` ardesia, con vene di calcite.\r\n\r\nuna pozza d'acqua. lo scorrimento e` esiguo e per lo piu`\r\nfiltra sotto il punto transitabile. Aria assente. Presenza di ragni, e altri animali troglofili. unici animali ch epotrebbero essere troglibi sono dei diplopodi bianchi presenti nella parte finale.\r\n\r\nle coordinate sono nel file dei dati. l'altezza dovrebbe essere ortometrica.","DATARIL":null,"NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"Dall'uscita della autostrada di Recco dirigersi verso Testana al ponte romano prendere il torrente Testana e risalirlo per circa cento m fino ad un rudere sulla parte idrografica destra. Risalire il versante appena dopo il rudere per circa 20 m. L'ingresso si trova in cima ad un piccolo alveo.","DESCRIZIONE":"il primo tratto, in leggera discesa, conduce ad una prima strettoia oltre la quale c'era un ambientino [ora ingombro di materiale di riporto, sassi e fango, dello scavo della seconda strettoia].\r\nSi passa una seconda strettoia oltre la quale si riesce a continuare per pochi metri, sembra strisciando in uno spazio angusto.\r\n\r\nLa grotta sembra esser originata da una sorgente, anche se attualmente esce poca acqua (che per lo pi\u00f9 filtra sotto).\r\n\r\nHa la morfologia di una condotta scavata e poi riempita di fango e depositi di concrezione a pavimento. Infatti la seconda strettoia era un deposito calcitico, e la parte finale \u00e8 un altro ingente deposito.","recordinsert":"2014-04-11 15:59:41","recordupdate":"2014-05-22 21:30:54","username":"alessandrovernassa","userupdate":"alessandrovernassa","ANDAMENTO":"ORIZZONTALE","data_verifica":null,"authorDESCRIZIONE":"Marco Corvi","authorITINERARIO":"Marco Corvi"}
Dati compilazione
Data importazione
11/04/2014
Utente che ha inserito i dati
alessandrovernassa
Utente che ha aggiornato i dati
alessandrovernassa
Ultima modifica dei dati
22/05/2014

Coordinate:

Scarica scheda per l'aggiornamento