LI1781

GROTTA DELL' AGNELLINO

Primo censitore
Rosalinda Finazzo, Daniele Vinai, Elena Quaglia, Enrico Massa
Regione
LIGURIA
Provincia
SV
Comune
BARDINETO
Località
AGNELLINO
Monte
AGNELLINO
Area carsica
Formazione geologica
SPM DOLOMIE DI SAN PETRO DEI MONTI
Dimensioni
Sviluppo reale
74
Sviluppo planimetrico
50
Estensione
30
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
35
Dislivello totale
35
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4895005
Longitudine
1434262
Tipo di coordinate
Gauss Boaga Zona 1
Tipo coordinate originali
CTR 1:5000  Gauss Boaga
Quota cartografica
1225
Valutazione dato
POSIZIONAMENTO CON GPS
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Posizione verificata sul campo da curatore
X
Data ultima verifica sul campo
19/12/2004 00:00:00
Idrologia
assorbente temporanea,torrenti temporanei
Andamento
VERTICALE
Percorribilità
DIFFICILE
Gruppi
GRUPPO SPELEOLOGICO BORGIO VEREZZI
Descrizione
L'ingresso si presenta cica 70 metri sotto la cima del Bric Agnellino, sul versante nord-occidentale ove, in corrispondenza di una modesta depressione carsica (dolina), si apre l'angusto ingresso. Uno ripido scivolo in terra adduce al primo salto verticale di circa 2,5 metri. Alla sua base un breve meandro restringe in una selettiva strettoia di circa 8 metri di lunghezza sino ad affaccairsi su vasto e gradonato pozzo di circa 20 metri di profondità. Il modesto ruscellamento di acqua che precorre la grotta nel periodo di pioggia, prosegue in un meandro sempre più stretto, termine attuale delle esplorazioni, ma in corso di lavori di allargamento. Pochi metri sopra il fondo del P20, una finestra adduce a una modesta saletta di crollo, interessata da diversi arrivi (camini), nella quale sono presenti circolazioni d'aria ancora da interpretare. La cavità risulta estremanete interessante dal punto di vista speleologico per la sua strategica poszione, in quanto l'ingresso è attualmente uno dei più altri tra gli imbocchi conosciuti sulla dorsale Agnellino-Montegrosso-Brico Bedò. Poco distante (in direzione Nord-Ovest) si trova la Valle cieca del Rio Cuneo, principale zona di asssorbimento del sistema Rampiùn-Fontana Garesca. Le esplorazioni sono attualmemtente condotte da speleologi del Gruppo Speleologico Borgio Verezzi.
Itinerario
Dalla carrozzabile sterrata che dal Colle del Melogno conduce Case Catalano, poco dopo i tornanti a Sud-Est di Montegrosso, in corrispondenza dell'attraversamento sul Rio Cuneo, si risale tramite strada di taglio forestale si risale il ripido versante nord-Ovest del Brico Agnellino sino ad incontrare la dolina dell'ingresso.
{5f2b07815e30a_"REGIONE":"Liguria","PROV":"SV","NUM":"1781","SPECIF":null,"DATAGG":"2009-07-09","DRILEV":null,"NOME":"GROTTA DELL' AGNELLINO","SINON":null,"RAS":null,"COMUNE":"BARDINETO","LOCAL":"AGNELLINO","MONTE":"AGNELLINO","VALLE":"VALLE CIECA DEL RIO CUNEO","ACAR":null,"ACARCOD":"SV20","FM":null,"FMCOD":"SPM","AGE":"Triassico","SVILRE":"74","SVILPLAN":"50","ESTEN":"30","DPOS":"0","DNEG":"35","DTOT":"35","TC_01":"CTR 1:5000 \u00a0Gauss Boaga","latitude":"4895005","longitude":"1434262","DC_01":null,"SC_01":"1224","AE_01":null,"QA_01":null,"QC_01":"1225","VD_01":"POSIZIONAMENTO CON GPS","IDRO":"assorbente temporanea,torrenti temporanei","RILEVATORI":"Rosalinda Finazzo, Daniele Vinai, Elena Quaglia, Enrico Massa","GRADORIL":null,"GRUPPI":"GRUPPO SPELEOLOGICO BORGIO VEREZZI","NOTE":null,"DATARIL":null,"NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"Dalla carrozzabile sterrata che dal Colle del Melogno conduce Case Catalano, poco dopo i tornanti a Sud-Est di Montegrosso, in corrispondenza dell'attraversamento sul Rio Cuneo, si risale tramite strada di taglio forestale si risale il ripido versante nord-Ovest del Brico Agnellino sino ad incontrare la dolina dell'ingresso.","DESCRIZIONE":"L'ingresso si presenta cica 70 metri sotto la cima del Bric Agnellino, sul versante nord-occidentale ove, in corrispondenza di una modesta depressione carsica (dolina), si apre l'angusto ingresso. Uno ripido scivolo in terra adduce al primo salto verticale di circa 2,5 metri. Alla sua base un breve meandro restringe in una selettiva strettoia di circa 8 metri di lunghezza sino ad affaccairsi su vasto e gradonato pozzo di circa 20 metri di profondit\u00e0. Il modesto ruscellamento di acqua che precorre la grotta nel periodo di pioggia, prosegue in un meandro sempre pi\u00f9 stretto, termine attuale delle esplorazioni, ma in corso di lavori di allargamento. Pochi metri sopra il fondo del P20, una finestra adduce a una modesta saletta di crollo, interessata da diversi arrivi (camini), nella quale sono presenti circolazioni d'aria ancora da interpretare. La cavit\u00e0 risulta estremanete interessante dal punto di vista speleologico per la sua strategica poszione, in quanto l'ingresso \u00e8 attualmente uno dei pi\u00f9 altri tra gli imbocchi conosciuti sulla dorsale Agnellino-Montegrosso-Brico Bed\u00f2. Poco distante (in direzione Nord-Ovest) si trova la Valle cieca del Rio Cuneo, principale zona di asssorbimento del sistema Rampi\u00f9n-Fontana Garesca. Le esplorazioni sono attualmemtente condotte da speleologi del Gruppo Speleologico Borgio Verezzi.","PERCORRIBILITA":"DIFFICILE","recordinsert":"2011-02-11 15:49:16","recordupdate":"2011-12-04 11:31:08","username":"enricomassa","userupdate":"enricomassa","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","ANDAMENTO":"VERTICALE","verificata":"X","data_verifica":"2004-12-19","hidden":"0"}
Dati compilazione
Data importazione
11/02/2011
Utente che ha inserito i dati
enricomassa
Utente che ha aggiornato i dati
enricomassa
Ultima modifica dei dati
04/12/2011

Coordinate:

Scarica scheda per l'aggiornamento