LI1083

GROTTA DEL DELITTO

Primo censitore
REVETRIA G. E A.,ORTALE
Regione
LIGURIA
Provincia
SV
Comune
NASINO
Località
PENTENE
Area carsica
Formazione geologica
SPM DOLOMIE DI SAN PETRO DEI MONTI
Dimensioni
Sviluppo reale
30
Sviluppo planimetrico
22
Estensione
10
Dislivello positivo
4.1
Dislivello negativo
14.9
Dislivello totale
19
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4887000 N
Longitudine
420432 E
Tipo di coordinate
UTM ED50 32
Tipo coordinate originali
CTR 1:10000 UTM
Quota altimetrica
799
Quota cartografica
810
Quota GPS
1980
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Idrologia
assorbente permanente
Andamento
ASCENDENTE - DISCENDENTE
Percorribilità
SEMPRE
Gruppi
S.C. PANDA
G.S.L. A. Issel
Note
REVISIONE CATASTALE 1995
Dati di posizionamento da originale scheda Revisione Catastale
RILIEVO
Descrizione
Cavità dalla morfologia piuttosto complessa posta in una zona di contatto tra i calcari della Val Tanarello ed un affioramento di Dolomie di S.Pietro ai Monti. La cavità si apre ai piedi di una piccola parete rocciosa con tre ingressi, due dei quali accessibili, disposti in diagonale.
La grotta,nella sua parte iniziale è formata da due tratti principali.Il primo dei quali ascendente, al quale ne segue uno discendente, prevalentemente strutturato a gradoni che si conclude in una piccola camera.
L'evoluzione della cavità è stata influenzata da tre sistemi di piani di erosione preferenziale, pressochè perpendicolari tra loro. Il primo di questi suborizzontale, è identificato dalla quota dell'ingresso superiore (y) (che individua un passaggio all'interno non praticabile), dalla quota dell'ingresso principale (o), e dai ripiani dei gradini del tratto discendente. Degli altri due sistemi ad andamento subverticale, il primo ha direzione NE-SO, ed è individuato dal pozzetto che collega l'ingresso superiore a quello principale, da un condottino verticale non percorribile (sez.R) e dallo stesso ramo discendente. Il secondo sistema, con orientazione NO-SE è identificato dalla direzione del tratto ascendente, dalle alzate dei gradini del tratto discendente e dalle litoclasi presenti nella parte terminale, una delle quali conduce all'esterno mediante un piccolo ingresso ostruito da detriti clastici. Il tratto ascendente e quello discendente risultano in parte sovrapposti e comunicanti tra loro tramite una serie di aperture.
Il tratto ascendente si presenta asciutto e praticamente privo di concrezioni. Il tratto discendente, idrologicamente attivo, ha una morfologia gradonata, teminante in un deposito clastico a pavimento della parte più bassa. In corrispondenza dei ripiani gradonati sono presenti forme concrezionali "a vaschetta" ed a "cavolfiore". A tetto scarsa presenza di concrezioni, solo crostelli e depositi delle acque percolanti lungo i piani di frattura: La presenza d'acqua è costante durante tutto l'anno, anche se in modesta quantità, probabilmente derivata da stillicidio nella parte più interna della cavità. Durante il lavoro di rilievo è stata scoperta una prosecuzione della cavità in direzione opposta all'ingresso, che risale il condotto idrologicamente attivo.
Il nome è dovuto al ritrovamento nella camera terminale del tratto discendente di due corpi umani occultati probabilmente nel periodo della 2^ guerra mondiale.
Itinerario
Oltre fraz.Vignolo si prosegue su strada sterrata risalendo la Valle del Rio Ravinazzo. Giunti al 1° tornante oltre i ruderi della chiesa di S.Pietro, si imbocca la pista a sinistra che porta a due prese d'acqua l'ultima delle quali in corrispondenza del Rio Ravinazzo. Si oltrepassa il Rio risalendo per breve tratto una grossa frana, tenendosi a destra. Si continua a risalire a destra nel bosco fino ad uno slargo (antica carbonaia) ai piedi di un torrione calcareo, da cui è visibile l'ingresso che si apre alla base di una parete rocciosa.
Fauna
Abbondante la fauna, specie nel tratto più prossimo all'ingresso: ortotteri (dolichopoda sp.), aracnidi (opiliones gen., aranae gen.) geotritone (speleomantes sp.), gasteropodi (oxychilus sp), lepidotteri.
9{_"REGIONE":"LI","PROV":"SV","NUM":"1083","SPECIF":"1","DATAGG":"2018-09-30","DRILEV":"1995-10-31","NOME":"GROTTA DEL DELITTO","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"NASINO","LOCAL":"PENTENE","VALLE":"RIO RAVINAZZO","ACAR":"RAVINAZZO","ACARCOD":"SV22","FM":null,"FMCOD":"SPM","AGE":"Triassico Medio","SVILRE":"30","SVILPLAN":"22","ESTEN":"10","DPOS":"4.1","DNEG":"14.9","DTOT":"19","TC_01":"CTR 1:10000 UTM","latitude":"4887000 N","longitude":"420432 E","DC_01":"245050 Castelbianco","SC_01":null,"AE_01":"1980","QA_01":"799","QC_01":"810","VD_01":null,"IDRO":"assorbente permanente","RILEVATORI":"REVETRIA G. E A.,ORTALE","GRADORIL":"5D","GRUPPI":"S.C. PANDA\r\nG.S.L. A. Issel","NOTE":"REVISIONE CATASTALE 1995\r\nDati di posizionamento da originale scheda Revisione Catastale","NOTE2":"RILIEVO","RCS":null,"ITINERARIO":"Oltre fraz.Vignolo si prosegue su strada sterrata risalendo la Valle del Rio Ravinazzo. Giunti al 1\u00b0 tornante oltre i ruderi della chiesa di S.Pietro, si imbocca la pista a sinistra che porta a due prese d'acqua l'ultima delle quali in corrispondenza del Rio Ravinazzo. Si oltrepassa il Rio risalendo per breve tratto una grossa frana, tenendosi a destra. Si continua a risalire a destra nel bosco fino ad uno slargo (antica carbonaia) ai piedi di un torrione calcareo, da cui \u00e8 visibile l'ingresso che si apre alla base di una parete rocciosa.","DESCRIZIONE":"Cavit\u00e0 dalla morfologia piuttosto complessa posta in una zona di contatto tra i calcari della Val Tanarello ed un affioramento di Dolomie di S.Pietro ai Monti. La cavit\u00e0 si apre ai piedi di una piccola parete rocciosa con tre ingressi, due dei quali accessibili, disposti in diagonale.\r\nLa grotta,nella sua parte iniziale \u00e8 formata da due tratti principali.Il primo dei quali ascendente, al quale ne segue uno discendente, prevalentemente strutturato a gradoni che si conclude in una piccola camera. \r\nL'evoluzione della cavit\u00e0 \u00e8 stata influenzata da tre sistemi di piani di erosione preferenziale, pressoch\u00e8 perpendicolari tra loro. Il primo di questi suborizzontale, \u00e8 identificato dalla quota dell'ingresso superiore (y) (che individua un passaggio all'interno non praticabile), dalla quota dell'ingresso principale (o), e dai ripiani dei gradini del tratto discendente. Degli altri due sistemi ad andamento subverticale, il primo ha direzione NE-SO, ed \u00e8 individuato dal pozzetto che collega l'ingresso superiore a quello principale, da un condottino verticale non percorribile (sez.R) e dallo stesso ramo discendente. Il secondo sistema, con orientazione NO-SE \u00e8 identificato dalla direzione del tratto ascendente, dalle alzate dei gradini del tratto discendente e dalle litoclasi presenti nella parte terminale, una delle quali conduce all'esterno mediante un piccolo ingresso ostruito da detriti clastici. Il tratto ascendente e quello discendente risultano in parte sovrapposti e comunicanti tra loro tramite una serie di aperture. \r\nIl tratto ascendente si presenta asciutto e praticamente privo di concrezioni. Il tratto discendente, idrologicamente attivo, ha una morfologia gradonata, teminante in un deposito clastico a pavimento della parte pi\u00f9 bassa. In corrispondenza dei ripiani gradonati sono presenti forme concrezionali \"a vaschetta\" ed a \"cavolfiore\". A tetto scarsa presenza di concrezioni, solo crostelli e depositi delle acque percolanti lungo i piani di frattura: La presenza d'acqua \u00e8 costante durante tutto l'anno, anche se in modesta quantit\u00e0, probabilmente derivata da stillicidio nella parte pi\u00f9 interna della cavit\u00e0. Durante il lavoro di rilievo \u00e8 stata scoperta una prosecuzione della cavit\u00e0 in direzione opposta all'ingresso, che risale il condotto idrologicamente attivo.\r\nIl nome \u00e8 dovuto al ritrovamento nella camera terminale del tratto discendente di due corpi umani occultati probabilmente nel periodo della 2^ guerra mondiale. ","FAUNA":"Abbondante la fauna, specie nel tratto pi\u00f9 prossimo all'ingresso: ortotteri (dolichopoda sp.), aracnidi (opiliones gen., aranae gen.) geotritone (speleomantes sp.), gasteropodi (oxychilus sp), lepidotteri.","PERCORRIBILITA":"SEMPRE","recordinsert":"2010-07-10 01:32:25","recordupdate":"2018-09-30 12:09:30","username":"admin","userupdate":"andrearoccatagliata","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","ANDAMENTO":"ASCENDENTE - DISCENDENTE","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
andrearoccatagliata
Ultima modifica dei dati
30/09/2018

Coordinate WGS84 (Lon,Lat):
Coordinate WGS84 (Lon,Lat):
Coordinate WGS84 UTM (x,y,zone):

Bibliografia

2001La Grotta del Delitto (Val Pennavaira, prov. SV)PASTORELLI Alessandro, NOBERASCO MicheleVisualizza
2001La Grotta del Delitto (Val Pennavaire prov. SV)NOBERASCO Michele, PASTORELLI AlessandroVisualizza
2001Note preliminari su alcune sorgenti carsiche del Rio Ravinazzo (Val Pennavaire -SV-)PASTORELLI Alessandro, REVETRIA GiovanniVisualizza

Documentazione Delegazione Speleologica Ligure

la visualizzazione della documentazione DSL è riservata ai curatori, eseguire il login per visualizzare le schede

Genera scheda catastale

Rilievi cavità

Codice Grotta
LI1083

Rilievo 1999


Rilevatori
Pastorelli, Serri, Norberasco, Revetria G., Revetria A., Ortale

Codice Grotta
LI1083

Rilievo


Descrizione rilievo
Rilievo scansionato da Gabriella Giordani

Scarica scheda per l'aggiornamento