LI83

GROTTA PRIMA DI CALA GRANDE

Primo censitore
BENSA P.
Regione
LIGURIA
Provincia
SP
Comune
PORTOVENERE
Località
ISOLA PALMARIA-CALA GRANDE
Dimensioni
Sviluppo reale
0
Sviluppo planimetrico
38
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
-6
Dislivello totale
6
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4876534
Longitudine
1567573
Tipo di coordinate
Gauss Boaga Zona 1
Tipo coordinate originali
Gauss Boaga Generiche
Quota GPS
0
Valutazione dato
BARBAGELATA
Cavità archeologica
No
Cavità marina
Si
Rischio ambientale
No
Gruppi
G.S.L. A. ISSEL
Note
DISLIVELLO -5.7 SOTTO L.M.
Cavità marina
Descrizione
Si tratta di una delle grotte dell'isola già note da tempo. Si apre al contatto tra il conglomerato (rubble-drift) ed il sottostante calcare del retico sup. Lungo il lato settentrionale vi è una cengia sopraelevata sul mare, che permette di raggiungere al fondo della cavità una vasca in cemento ove si raccoglia l'acqua dolce di una piccola sorgente (portata di pochi cc al secondo; salinità 0,6%, NaCl, pH 6,1; temp. acqua dolce 18,9° C; temp. aria 22,8° C, misure del 6 agosto 1956) A metà circa del lato meridionale vi è l'imbocco subacqueo di una galleria che sbocca, come già si è detto, poco più a sud dell'ingresso principale. La sezione a T di questa galleria mostra che essa si è originata in regime di condotta forzata, cui ne è seguito uno con scorrimento di acqua a pelo libero.
Itinerario
Dal mare, oppure seguendo uno dei sentieri che scendono verso Sud dal Semaforo della punta meridionale dell'Isola Palmaria
Fauna
Nell'agosto 1956 sono stati reperiti numerosi esemplari di Halophiloscia conchii (Brian det.).
{5f33b860962a0_"REGIONE":"LI","PROV":"SP","NUM":"83","SPECIF":"1","DATAGG":"2008-02-10","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"GROTTA PRIMA DI CALA GRANDE","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"PORTOVENERE","LOCAL":"ISOLA PALMARIA-CALA GRANDE","ACAR":"LAMA DI LA SPEZIA","ACARCOD":"SP38,SP38","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"0","SVILPLAN":"38","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"-6","DTOT":"6","TC_01":"Gauss Boaga Generiche","latitude":"4876534","longitude":"1567573","DC_01":"95 II SE LERICI","SC_01":null,"AE_01":"0","QA_01":null,"QC_01":null,"VD_01":"BARBAGELATA","IDRO":null,"RILEVATORI":"BENSA P.","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.L. A. ISSEL","NOTE":"DISLIVELLO -5.7 SOTTO L.M.","NOTE2":null,"RCS":"Cavit\u00e0 marina","ITINERARIO":"Dal mare, oppure seguendo uno dei sentieri che scendono verso Sud dal Semaforo della punta meridionale dell'Isola Palmaria","DESCRIZIONE":"Si tratta di una delle grotte dell'isola gi\u00e0 note da tempo. Si apre al contatto tra il conglomerato (rubble-drift) ed il sottostante calcare del retico sup. Lungo il lato settentrionale vi \u00e8 una cengia sopraelevata sul mare, che permette di raggiungere al fondo della cavit\u00e0 una vasca in cemento ove si raccoglia l'acqua dolce di una piccola sorgente (portata di pochi cc al secondo; salinit\u00e0 0,6%, NaCl, pH 6,1; temp. acqua dolce 18,9\u00b0 C; temp. aria 22,8\u00b0 C, misure del 6 agosto 1956) A met\u00e0 circa del lato meridionale vi \u00e8 l'imbocco subacqueo di una galleria che sbocca, come gi\u00e0 si \u00e8 detto, poco pi\u00f9 a sud dell'ingresso principale. La sezione a T di questa galleria mostra che essa si \u00e8 originata in regime di condotta forzata, cui ne \u00e8 seguito uno con scorrimento di acqua a pelo libero.","FAUNA":"Nell'agosto 1956 sono stati reperiti numerosi esemplari di Halophiloscia conchii (Brian det.).","recordinsert":"2010-07-10 01:29:46","recordupdate":"2014-11-30 16:08:41","username":"admin","userupdate":"gabriellagiordani","marina":"S","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","noteversione":"Itinerario, Descrizione e Fauna da Catasto Zoia","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
gabriellagiordani
Ultima modifica dei dati
30/11/2014

Coordinate:

Bibliografia

1900Le grotte dell'Appennino Ligure e delle Alpi MarittimeBENSA PaoloVisualizza
1902Sulle ricerche e osservazioni di Lazzaro Spallanzani a Portovenere e nei dintorni della SpeziaCAPELLINI GiovanniVisualizza
1906Speleologia (Studio delle Caverne)CASELLI CarloVisualizza
1967Ricerche speleologiche nelle isole Palmaria, del Tino e del TinettoCIGNA Arrigo, GIORCELLI A., TOZZI CarloVisualizza
1985Le cavità sotterranee: una risorsa trascurataBARBAGELATA MatteoVisualizza

Schede storiche Issel:

Schede storiche Issel - Aggiornamento Zoja:


Scarica scheda per l'aggiornamento