LI738

CIOTTU DA STRIA

Altre denominazioni
CIOTTO DELLA STREGA;CAVITA' S 2
Primo censitore
CALANDRI G., CAPOTONDI
Regione
LIGURIA
Provincia
IM
Comune
VENTIMIGLIA
Località
SEGLIA
Monte
MONTE MAGLIOCCA
Area carsica
Dimensioni
Sviluppo reale
43.5
Sviluppo planimetrico
37
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
16
Dislivello totale
16
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4852100 N
Longitudine
385533 E
Tipo di coordinate
UTM ED50 32
Tipo coordinate originali
CTR 1:10000 UTM
Quota altimetrica
460
Quota GPS
1979
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Idrologia
secca
Andamento
PREVALENTEMENTE VERTICALE
Percorribilità
SEMPRE
Gruppi
GRUPPO SPELEOLOGICO IMPERIESE C.A.I.
Note
REVISIONE CATASTALE 1995
Dati posizionamento da scheda originale Revisione Catastale
RILIEVO
Descrizione
La cavità, venuta a giorno per processi di crollo (l'apertura si può assimilare ad una dolina a pozzo di sprofondamento) si sviluppa completamente nei conglomerati a ciottoli poligenici (con prevalenza di calcari arenacei di provenienza flyscioide) eterometrici,a cemento calcareo del pliocene, strutturati in bancate immerse a SE con inclinazione di ca. 25°.
L'ingresso della dolina-pozzo è a sezione subcircolare, tipica morfologia di collasso, imbutiforme, profonda una decina di metri, con le pareti occupate da arbusti ...
Al fondo dell'imbuto, con clastici irregolari di varie dimensioni, inizia il vacuo principale della cavità, allungato su litoclasti subverticale a direzione appross. NNE-SSW.
Dapprima le dimensioni sono subtriangolari, lungo il piano della frattura. Segue un salone, a sezione subtriangolare, con la parete a monte pressoché verticale occupata da un'ampia colata stalattitica dovuta alla percolazione delle acque lungo il piano della litoclasi. Sul lato a valle sono più accentuati i processi di crollo e smottamento. Il pendio franoso termina a ca. -20 metri (fessure discendenti impraticabili). In direzione sud occidentale (sempre in dipendenza del piano della frattura principale) il pavimento risale ripidamente restringendosi progressivamente sino a chiudere in una saletta di clastici cementati da depositi litogenetici. Il soffitto della cavità è separato dall'esterno da una decina di metri di copertura rocciosa ed ..?
Itinerario
Da Ventimiglia seguire la rotabile (str.provinciale) per Seglia e S.Lorenzo. All'ultima curva, prima del bivio per Castel d'Appio prendere una strada con fondo in cemento in leggera ascesa e seguirla sino al primo bivio. Da qui carrareccia (a sinistra), poi sentiero sul fianco orientale del Magliocca che porta ad un ripetitore telegrafico, una quindicina di metri più in basso di questo, sul lato meridionale, si apre l'ampio ingresso della cavità.
Fauna
Rhinolophus ferrum-equinum, Rhinolophus hypposideros, Dolichopoda azami-ligustica, Gryllomorpha dalmatina, Oxychilus draparnaudi, Apopestes spectrum.

Immagine ingresso
Autori immagine ingresso
Archivio Speleo Club CAI Sanremo
{5f37b98846ddc_"REGIONE":"LI","PROV":"IM","NUM":"738","SPECIF":"1","DATAGG":"2010-11-30","DRILEV":"1995-10-31","NOME":"CIOTTU DA STRIA","SINON":"CIOTTO DELLA STREGA;CAVITA' S 2","RAS":"N","COMUNE":"VENTIMIGLIA","LOCAL":"SEGLIA","MONTE":"MONTE MAGLIOCCA","VALLE":"ROJA","ACAR":"MAGLIOCCA","ACARCOD":"IM2","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":"Pliocene","SVILRE":"43.5","SVILPLAN":"37","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"16","DTOT":"16","TC_01":"CTR 1:10000 UTM","latitude":"4852100 N","longitude":"385533 E","DC_01":"257150 Torri","SC_01":null,"AE_01":"1979","QA_01":"460","QC_01":null,"VD_01":null,"IDRO":"secca","RILEVATORI":"CALANDRI G., CAPOTONDI","GRADORIL":"5D","GRUPPI":"GRUPPO SPELEOLOGICO IMPERIESE C.A.I.","NOTE":"REVISIONE CATASTALE 1995\r\nDati posizionamento da scheda originale Revisione Catastale","NOTE2":"RILIEVO","RCS":null,"ITINERARIO":"Da Ventimiglia seguire la rotabile (str.provinciale) per Seglia e S.Lorenzo. All'ultima curva, prima del bivio per Castel d'Appio prendere una strada con fondo in cemento in leggera ascesa e seguirla sino al primo bivio. Da qui carrareccia (a sinistra), poi sentiero sul fianco orientale del Magliocca che porta ad un ripetitore telegrafico, una quindicina di metri pi\u00f9 in basso di questo, sul lato meridionale, si apre l'ampio ingresso della cavit\u00e0.","DESCRIZIONE":"La cavit\u00e0, venuta a giorno per processi di crollo (l'apertura si pu\u00f2 assimilare ad una dolina a pozzo di sprofondamento) si sviluppa completamente nei conglomerati a ciottoli poligenici (con prevalenza di calcari arenacei di provenienza flyscioide) eterometrici,a cemento calcareo del pliocene, strutturati in bancate immerse a SE con inclinazione di ca. 25\u00b0.\r\nL'ingresso della dolina-pozzo \u00e8 a sezione subcircolare, tipica morfologia di collasso, imbutiforme, profonda una decina di metri, con le pareti occupate da arbusti ...\r\nAl fondo dell'imbuto, con clastici irregolari di varie dimensioni, inizia il vacuo principale della cavit\u00e0, allungato su litoclasti subverticale a direzione appross. NNE-SSW.\r\nDapprima le dimensioni sono subtriangolari, lungo il piano della frattura. Segue un salone, a sezione subtriangolare, con la parete a monte pressoch\u00e9 verticale occupata da un'ampia colata stalattitica dovuta alla percolazione delle acque lungo il piano della litoclasi. Sul lato a valle sono pi\u00f9 accentuati i processi di crollo e smottamento. Il pendio franoso termina a ca. -20 metri (fessure discendenti impraticabili). In direzione sud occidentale (sempre in dipendenza del piano della frattura principale) il pavimento risale ripidamente restringendosi progressivamente sino a chiudere in una saletta di clastici cementati da depositi litogenetici. Il soffitto della cavit\u00e0 \u00e8 separato dall'esterno da una decina di metri di copertura rocciosa ed ..?","FAUNA":"Rhinolophus ferrum-equinum, Rhinolophus hypposideros, Dolichopoda azami-ligustica, Gryllomorpha dalmatina, Oxychilus draparnaudi, Apopestes spectrum.","PERCORRIBILITA":"SEMPRE","recordinsert":"2010-07-10 01:31:29","recordupdate":"2020-04-06 17:31:42","username":"admin","userupdate":"alessandropastorelli","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","ANDAMENTO":"PREVALENTEMENTE VERTICALE","data_verifica":null,"photo1":"Ingresso Ciottu da Stria.jpg","authorphoto1":"Archivio Speleo Club CAI Sanremo"}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
alessandropastorelli
Ultima modifica dei dati
06/04/2020

Coordinate:

Bibliografia

1972Grotte della Provincia di Imperia. Elenco catastale dal n. 572 al n. 751 Li/IM, Amm. Prov. ImperiaCALANDRI GilbertoVisualizza
1976I chirotteri: Le catture dal dicembre 1975 al dicembre 1976AMELIO MauroVisualizza
1990L'anidride carbonica nel Ciottu da Stria 738 LI/IM (Ventimiglia, IM)CALANDRI GilbertoVisualizza
1992-93Ricerche sulla CO2 nelle grotte dell'estremo Ponente LigureCALANDRI GilbertoVisualizza
1997L'anidride carbonica nelle grotte della Liguria OccidentaleCALANDRI GilbertoVisualizza

Documentazione Delegazione Speleologica Ligure

la visualizzazione della documentazione DSL è riservata ai curatori, eseguire il login per visualizzare le schede

Scarica scheda per l'aggiornamento