LI63

TANNA DO SANTO

Altre denominazioni
GROTTA DI SANT'ILARIO, TAN-NA DU SANTU
Primo censitore
FRANCISCOLO M.
Regione
LIGURIA
Provincia
GE
Comune
GENOVA
Località
S.ILARIO
Monte
CORDONA
Area carsica
Dimensioni
Sviluppo reale
0
Sviluppo planimetrico
20
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
6
Dislivello totale
6
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44° 24' 20.3 '' N
Longitudine
09° 04' 30.6'' E
Tipo di coordinate
Geografiche WGS84
Tipo coordinate originali
WGS84 Generiche
Quota GPS
0
Valutazione dato
posizionamento scheda storica ISSEL
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Data ultima verifica sul campo
06/03/2020 00:00:00
Andamento
DISCENDENTE
Percorribilità
FACILE
Gruppi
G.S.L. A. ISSEL
ASG San Giorgio
Note
il 06 Marzo 2020 dopo molte ricerche (grazie ad alcune indicazioni del Sig. Aldo Leporatti di Sant'Ilario) abbiamo ritrovato e riposizionato con precisione di 3 m la cavità. Coordinate e Altitudine indicate corrispondono all'Ingresso Superiore (principale). L'altro ingresso (inferiore) si trova un po' più in basso. In passato non eravamo riusciti a trovarla perchè segnalata a quota 600. L'incendio che ha devastato la pineta una ventina di anni fa ha reso inoltre di difficile percorribilità la zona dovendo districarsi tra tronchi abbattuti e rovi.

Nelle schede storiche Issel scansionate nel 2020, erano presenti le descrizioni di due grotte diverse nella stessa scheda con lo stesso nome e numero.
Si è capito che la prima fa riferimento alla Grotta di Canascra, la seconda alla TANNA DO SANTO.
Per questa scheda sono stati presi i dati relativi alla seconda.
Itinerario e foto ricavati da:

http://www.santilarionline.it/index.php?&set=114&dom_id=&dom_sld=santilarionline&dom_tld=it&no_tags=1&sito_gratis=&sito=&local_page=territorio
Descrizione
ingresso a due fessure.
Due imbocchi. il più grande 1,50x1; Abbastanza asciutta specie nella parte verso l'esterno.
Itinerario
La grotta si trova alle pendici su ovest del M.Cordona,alle origini del Rio Costalunga affluente che contribuisce alla nascita del Rio Nervi. Dalla Provinciale Cornua/Apparizione si raggiunge la sella ad est del Cordona e si inizia a scendere verso Nervi lungo il sentiero segnato (Itinerario Colombiano). Dopo una decina di minuti in discesa il sentiero raggiunge la panoramica cresta sud ovest. A questo punto si lascia il sentiero segnato cercando di individuare sulla destra, poco più in basso, una lieve traccia di sentiero che taglia il versante sud ovest. Grossomodo la traccia parte a quota m.630 e man mano che si percorre diventa più evidente e facile da seguire.Una trentina di metri prima di raggiungere il marcato canale (Rio Costalunga) che scende ripido a valle, si sale con difficoltà tra i resti carbonizzati di quello che resta (poco) della pineta di Barabino. Si sale per una trentina di metri fino a scorgere una paretina di roccia alta circa 3 m alla base della quale si apre tra i rovi l'ingresso inferiore. Il ben più evidente ingresso superiore si trova pochi metri più in alto.

Immagine ingresso
Autori immagine ingresso
Aldo Leporatti
Autori testi Itinerario
Bruno De Bernardis/Maurizio Gabuti
1{_"REGIONE":"LI","PROV":"GE","NUM":"63","SPECIF":"1","DATAGG":"2006-07-27","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"TANNA DO SANTO","SINON":"GROTTA DI SANT'ILARIO, TAN-NA DU SANTU","RAS":"N","COMUNE":"GENOVA","LOCAL":"S.ILARIO","MONTE":"CORDONA","ACARCOD":"CG_GE1","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"0","SVILPLAN":"20","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"6","DTOT":"6","TC_01":"WGS84 Generiche","latitude":"44\u00b0 24' 20.3 '' N","longitude":"09\u00b0 04' 30.6'' E","DC_01":"83 III SO NERVI","SC_01":"659","AE_01":"0","QA_01":null,"QC_01":null,"VD_01":"posizionamento scheda storica ISSEL","IDRO":null,"RILEVATORI":"FRANCISCOLO M.","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.L. A. ISSEL\r\nASG San Giorgio","NOTE":"il 06 Marzo 2020 dopo molte ricerche (grazie ad alcune indicazioni del Sig. Aldo Leporatti di Sant'Ilario) abbiamo ritrovato e riposizionato con precisione di 3 m la cavit\u00e0. Coordinate e Altitudine indicate corrispondono all'Ingresso Superiore (principale). L'altro ingresso (inferiore) si trova un po' pi\u00f9 in basso. In passato non eravamo riusciti a trovarla perch\u00e8 segnalata a quota 600. L'incendio che ha devastato la pineta una ventina di anni fa ha reso inoltre di difficile percorribilit\u00e0 la zona dovendo districarsi tra tronchi abbattuti e rovi. \r\n\r\nNelle schede storiche Issel scansionate nel 2020, erano presenti le descrizioni di due grotte diverse nella stessa scheda con lo stesso nome e numero. \r\nSi \u00e8 capito che la prima fa riferimento alla Grotta di Canascra, la seconda alla TANNA DO SANTO. \r\nPer questa scheda sono stati presi i dati relativi alla seconda.","NOTE2":"Itinerario e foto ricavati da:\r\n\r\nhttp:\/\/www.santilarionline.it\/index.php?&set=114&dom_id=&dom_sld=santilarionline&dom_tld=it&no_tags=1&sito_gratis=&sito=&local_page=territorio","RCS":null,"ITINERARIO":"La grotta si trova alle pendici su ovest del M.Cordona,alle origini del Rio Costalunga affluente che contribuisce alla nascita del Rio Nervi. Dalla Provinciale Cornua\/Apparizione si raggiunge la sella ad est del Cordona e si inizia a scendere verso Nervi lungo il sentiero segnato (Itinerario Colombiano). Dopo una decina di minuti in discesa il sentiero raggiunge la panoramica cresta sud ovest. A questo punto si lascia il sentiero segnato cercando di individuare sulla destra, poco pi\u00f9 in basso, una lieve traccia di sentiero che taglia il versante sud ovest. Grossomodo la traccia parte a quota m.630 e man mano che si percorre diventa pi\u00f9 evidente e facile da seguire.Una trentina di metri prima di raggiungere il marcato canale (Rio Costalunga) che scende ripido a valle, si sale con difficolt\u00e0 tra i resti carbonizzati di quello che resta (poco) della pineta di Barabino. Si sale per una trentina di metri fino a scorgere una paretina di roccia alta circa 3 m alla base della quale si apre tra i rovi l'ingresso inferiore. Il ben pi\u00f9 evidente ingresso superiore si trova pochi metri pi\u00f9 in alto.","DESCRIZIONE":"ingresso a due fessure.\r\nDue imbocchi. il pi\u00f9 grande 1,50x1; Abbastanza asciutta specie nella parte verso l'esterno.","PERCORRIBILITA":"FACILE","recordinsert":"2010-07-10 01:29:43","recordupdate":"2020-03-18 17:39:20","username":"admin","userupdate":"mauriziogabuti","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","ANDAMENTO":"DISCENDENTE","data_verifica":"2020-03-06","photo1":"santilarionline_it_1197209450.jpg","authorphoto1":"Aldo Leporatti","authorITINERARIO":"Bruno De Bernardis\/Maurizio Gabuti"}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
mauriziogabuti
Ultima modifica dei dati
18/03/2020

Coordinate:

Bibliografia

1930I Coleotteri Cavernicoli Italiani. Elenco geografico delle grotte con indicazione delle specie e varietà dei coleotteri cavernicoli finora trovati in ItaliaMULLER GiuseppeVisualizza
1950Le grotte della Provincia di Genova e la loro faunaSANFILIPPO NinoVisualizza
1950Aracnidi cavernicoli liguriDI CAPORIACCO LudovicoVisualizza

Schede storiche Issel:


Scarica scheda per l'aggiornamento