LI468

SPRUGOLA DEI BRANZI

Altre denominazioni
GROTTA DEI BRANZI
Primo censitore
PEDROLINI G.A.
Regione
LIGURIA
Provincia
SP
Comune
LERICI
Località
LA SERRA-MONTE BRANZI
Area carsica
Dimensioni
Sviluppo reale
110
Sviluppo planimetrico
0
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
96
Dislivello totale
96
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44° 4' 41.41'' N
Longitudine
9° 55' 44.90'' E
Tipo di coordinate
GPS Geografiche WGS84
Tipo coordinate originali
GPS Geografiche WGS84
Quota altimetrica
300
Quota GPS
0
Valutazione dato
media 5 rilievi GPS, precisione circa 5 m.
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Data ultima verifica sul campo
26/10/2019 00:00:00
Idrologia
torrenti temporanei
Andamento
VERTICALE
Gruppi
GRUPPO SPELEOLOGICO PIPISTRELLI
G.S.Martel
Note

RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino
Cavità a rischio ambientale
Descrizione
Si scende il pozzo iniziale di 25 m con cengia a 2/3 della lunghezza (pto 2); alla base si trova lo scivolo (pto 3) che arriva direttamente al P20 e dove si possono ancora trovare proiettili e bombe inesplosi della II guerra mondiale. Alla base di questo (pto 5) c'è un accumulo di grandi massi tra cui si passa per giungere ad una strettoia verticale che arriva a -96 m. Nel pto 5 si trovano ossa di orso e altri animali in parte concrezionati col pavimento. L' ultima parte è al limite della percorribilità ed è stata scesa nell'ottobre del1967 da Giorgio Pottiche e Maurizio Rossi.
Itinerario
Dai caselli autostradali di La Spezia (A15) o Sarzana (A12) prendere la SP331 (Via Provinciale) sino alla rotatoria in località Pugliola, quindi la SP38 (Via Barcola poi Via Bacigalupi) in direzione de La Serra di Lerici.
Superato il cimitero svoltare a Sx ed imboccare la strada detta "Le Codine" per Rocchetta fino al tornante in localtà Redarca (ben identificata dalla presenza dell'omonima Osteria) dove è possibile parcheggiare.
Da qui salire per circa 300m l'unica strada privata sterrata, quindi a Sx imboccare il sentiero detto "i Tornantini" che conduce alla sommità del Monte Branzi.
In corrispondenza del primo tornante verso Dx, abbandonare il sentiero principale e continuare in linea retta verso O per circa 150m, seguendo i nastri bianco-rossi legati agli alberi.
Sequenza pozzi
25,20

Immagine ingresso
Autori immagine ingresso
Francesco Saffioti
Autori testi Itinerario
Francesco Saffioti
{5f0d5f2899ef6_"REGIONE":"LI","PROV":"SP","NUM":"468","SPECIF":"1","DATAGG":null,"DRILEV":"1987-12-31","NOME":"SPRUGOLA DEI BRANZI","SINON":"GROTTA DEI BRANZI","RAS":"N","COMUNE":"LERICI","LOCAL":"LA SERRA-MONTE BRANZI","ACAR":"MONTEMARCELLO","ACARCOD":"SP37","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"110","SVILPLAN":"0","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"96","DTOT":"96","TC_01":"GPS Geografiche WGS84","latitude":"44\u00b0 4' 41.41'' N","longitude":"9\u00b0 55' 44.90'' E","DC_01":null,"SC_01":"317","AE_01":"0","QA_01":"300","QC_01":null,"VD_01":"media 5 rilievi GPS, precisione circa 5 m.","IDRO":"torrenti temporanei","RILEVATORI":"PEDROLINI G.A.","GRADORIL":null,"GRUPPI":"GRUPPO SPELEOLOGICO PIPISTRELLI\r\nG.S.Martel","NOTE":null,"NOTE2":"RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino","RCS":"Cavit\u00e0 a rischio ambientale","ITINERARIO":"Dai caselli autostradali di La Spezia (A15) o Sarzana (A12) prendere la SP331 (Via Provinciale) sino alla rotatoria in localit\u00e0 Pugliola, quindi la SP38 (Via Barcola poi Via Bacigalupi) in direzione de La Serra di Lerici.\r\nSuperato il cimitero svoltare a Sx ed imboccare la strada detta \"Le Codine\" per Rocchetta fino al tornante in localt\u00e0 Redarca (ben identificata dalla presenza dell'omonima Osteria) dove \u00e8 possibile parcheggiare.\r\nDa qui salire per circa 300m l'unica strada privata sterrata, quindi a Sx imboccare il sentiero detto \"i Tornantini\" che conduce alla sommit\u00e0 del Monte Branzi.\r\nIn corrispondenza del primo tornante verso Dx, abbandonare il sentiero principale e continuare in linea retta verso O per circa 150m, seguendo i nastri bianco-rossi legati agli alberi.\r\n","DESCRIZIONE":"Si scende il pozzo iniziale di 25 m con cengia a 2\/3 della lunghezza (pto 2); alla base si trova lo scivolo (pto 3) che arriva direttamente al P20 e dove si possono ancora trovare proiettili e bombe inesplosi della II guerra mondiale. Alla base di questo (pto 5) c'\u00e8 un accumulo di grandi massi tra cui si passa per giungere ad una strettoia verticale che arriva a -96 m. Nel pto 5 si trovano ossa di orso e altri animali in parte concrezionati col pavimento. L' ultima parte \u00e8 al limite della percorribilit\u00e0 ed \u00e8 stata scesa nell'ottobre del1967 da Giorgio Pottiche e Maurizio Rossi. ","POZZI":"25,20","recordinsert":"2010-07-10 01:30:45","recordupdate":"2019-10-28 10:49:56","username":"admin","userupdate":"francescosaffioti","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","ANDAMENTO":"VERTICALE","data_verifica":"2019-10-26","photo1":"Li468_Ingresso.png","authorphoto1":"Francesco Saffioti","authorITINERARIO":"Francesco Saffioti"}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
francescosaffioti
Ultima modifica dei dati
28/10/2019

Coordinate:

Bibliografia

1987Le nostre grotteBIXIO Roberto, CULOTTA Nadia, DE BIASI Mario, FERRI Giuseppe, FORTI Paolo, LECCIOLI Sergio, MAIFREDI Pietro, MAINERI Dario, MAIOLINO Luciano, MASSUCCO Rinaldo, ODETTI Giuliva, PAGANO Leandro, REPETTO Francesco, ZOIA StefanoVisualizza
2003Grotte e caverne della provincia della Spezia CAVALLO Carlo, MAGGIALI Giulio Visualizza

Schede storiche Issel - Aggiornamento Zoja:


Scarica scheda per l'aggiornamento