LI425

TANA DELLA FATA

Primo censitore
CARLINI W.
Regione
LIGURIA
Provincia
SV
Comune
BORMIDA
Località
CIMITERO
Formazione geologica
TAR CALCARI DI VAL TANARELLO
Dimensioni
Sviluppo reale
62.5
Sviluppo planimetrico
44
Estensione
25
Dislivello positivo
10.5
Dislivello negativo
-11
Dislivello totale
21.5
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4903242
Longitudine
1438818
Tipo di coordinate
Gauss Boaga Zona 1
Tipo coordinate originali
Gauss Boaga Generiche
Quota altimetrica
550
Quota cartografica
560
Quota GPS
0
Valutazione dato
POSIZIONAMENTO MEDIANTE POLIGONALE
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Posizione verificata sul campo da curatore
X
Data ultima verifica sul campo
07/02/2004 00:00:00
Idrologia
secca
Andamento
SUB ORIZZONTALE
Percorribilità
FACILE
Gruppi
GRUPPO GROTTE FERRANIA
AGGIORNAMENTO CATASTALE (2010): G.G. SAVONESE
Note
Dopo il rinvenimento e l’esplorazione da parte di cavatori di inizio secolo, la cavità è stata documentata con rilievo topografico (mai pubblicato) e inserita nel catasto Speleologico Ligure (425 Li/SV) dal Grippo Grotte Ferrania negli anni 50 allora molt
Descrizione
L’ingresso a forma triangolare, è alto circa 2,5 m e largo alla base 1,55. La galleria iniziale, lievemente ascendente si inoltra nella montagna con direzione SUD-OVEST per una trentina di metri divenendo sul fondo una stretta forra di circa 10 mt di altezza. A 20 metri dall’ingresso una diramazione scende fortemente inclinata (- 45°) con un angusto cunicolo verso il fondo in direzione EST sino a restringere su riempimenti terrigeni impraticabili.
Itinerario
Dalla provinciale Pallare – Melogno, un centinaio di metri dopo il bivio per Pian Soprano, in corrispondenza di una torretta di trasformazione dell’ENEL, un breve ponticello guada il Rio della Chiesa. Dal ponte un strada sterrata , attualmente infestata da vegetazione arbustiva, conduce (200 mt) alla cava abbandonata. La cavità si apre sul versante Nord del fonte di cava alla sommità della conoide detritica della scarpata, in corrispondenza del soprastante muro di cinta del cimitero di Bormida.
Fauna
Cospicua presenza di dolicopodi.
{5f2f0e8e517b9_"REGIONE":"LI","PROV":"SV","NUM":"425","SPECIF":"1","DATAGG":"2011-02-01","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"TANA DELLA FATA","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"BORMIDA","LOCAL":"CIMITERO","VALLE":"VALLE BORMIDA DI PALLARE","ACARCOD":null,"FM":null,"FMCOD":"TAR","AGE":"Giurassico","SVILRE":"62.5","SVILPLAN":"44","ESTEN":"25","DPOS":"10.5","DNEG":"-11","DTOT":"21.5","TC_01":"Gauss Boaga Generiche","latitude":"4903242","longitude":"1438818","DC_01":"92 I NO MALLARE","SC_01":null,"AE_01":"0","QA_01":"550","QC_01":"560","VD_01":"POSIZIONAMENTO MEDIANTE POLIGONALE","IDRO":"secca","RILEVATORI":"CARLINI W.","GRADORIL":null,"GRUPPI":"GRUPPO GROTTE FERRANIA\r\nAGGIORNAMENTO CATASTALE (2010): G.G. SAVONESE","NOTE":"Dopo il rinvenimento e l\u2019esplorazione da parte di cavatori di inizio secolo, la cavit\u00e0 \u00e8 stata documentata con rilievo topografico (mai pubblicato) e inserita nel catasto Speleologico Ligure (425 Li\/SV) dal Grippo Grotte Ferrania negli anni 50 allora molt","NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"Dalla provinciale Pallare \u2013 Melogno, un centinaio di metri dopo il bivio per Pian Soprano, in corrispondenza di una torretta di trasformazione dell\u2019ENEL, un breve ponticello guada il Rio della Chiesa. Dal ponte un strada sterrata , attualmente infestata da vegetazione arbustiva, conduce (200 mt) alla cava abbandonata. La cavit\u00e0 si apre sul versante Nord del fonte di cava alla sommit\u00e0 della conoide detritica della scarpata, in corrispondenza del soprastante muro di cinta del cimitero di Bormida.","DESCRIZIONE":"L\u2019ingresso a forma triangolare, \u00e8 alto circa 2,5 m e largo alla base 1,55. La galleria iniziale, lievemente ascendente si inoltra nella montagna con direzione SUD-OVEST per una trentina di metri divenendo sul fondo una stretta forra di circa 10 mt di altezza. A 20 metri dall\u2019ingresso una diramazione scende fortemente inclinata (- 45\u00b0) con un angusto cunicolo verso il fondo in direzione EST sino a restringere su riempimenti terrigeni impraticabili.","FAUNA":"Cospicua presenza di dolicopodi.","PERCORRIBILITA":"FACILE","recordinsert":"2010-07-10 01:30:38","recordupdate":"2011-02-01 23:15:34","username":"admin","userupdate":"enricomassa","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","ANDAMENTO":"SUB ORIZZONTALE","verificata":"X","data_verifica":"2004-02-07"}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
enricomassa
Ultima modifica dei dati
01/02/2011

Coordinate:

Bibliografia

1966Grotte catastateBOARINO Bruno, CARLINI Valter, EMILIANI RobertoVisualizza
1969Brevi notizie e rilievo di alcune grotte poco note della Valle Bormida (Savona)CARLINI ValterVisualizza

Scarica scheda per l'aggiornamento