LI301

A GIERA

Primo censitore
G.S.I. (2001)
Regione
LIGURIA
Provincia
IM
Località
PENDICI ROCCA DEL BOZZARO
Dimensioni
Sviluppo reale
115
Sviluppo planimetrico
85
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
-52
Dislivello totale
52
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44° 06' 25.90'' N
Longitudine
07° 59' 14.80'' E
Tipo di coordinate
GPS Geografiche WGS84
Tipo coordinate originali
GPS Geografiche WGS84
Quota altimetrica
790
Quota GPS
0
Valutazione dato
Il dato non corrispondeva, sostituito con coordinate GPS (accuratezza 10m)
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Gruppi
G.S.IMPERIESE CAI
Note
Coordinate, quota, Itinerario e Descrizione da "Carsismo e Grotte dell'ALta Val Pennavaira" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)
Descrizione
Il primo tratto, ca 15 m, è una galleria discendente, con il suolo di terriccio e pietrame che si restringe in un meandro, tra due pareti di roccia,larghe poche decine di centimetri, strapiombante in un pozzo di una dozzina di metri. Da qui tutta la grotta, di tipo esclusivamente tettonico, è formata da un'altissima (anche più di 40 m) galleria con enormi blocchi e pietrame incastrato tra le pareti: è infatti costituita da una grande frattura verticale, a labbra parallele, a direzione ENE-SSW.
Sotto il pozzo iniziale un breve scivolo di pietrame e grossi massi, verso Nord, è ostruito dopo una decina di metri. La galleria principale prosegue con un ripido pendio di massi a spigoli vivi,molto instabili, sino ad un nuovo pozzetto di ca 7 m; poi ancora una scivolo di grossi blocchi ed un nuovo salto di una decina di metri. La cavità si stringe ulteriormente, lungo piani di fratture ortogonali, il passaggio va cercato tra i numerosi massi incastrati tra le pareti. Dopo due saltini la frattura diviene impraticabile.
Cavità molto pericolosa riservata solo a speleologi esperti.
Itinerario
Dalla rotabile Passo S.Giacomo (da Aquila) verso Caprauna dopo la Rocca del Bozzaro si prende (segnaletica) l'itinerario verso Giera e Ravinella, al bivio, dopo il dosso erboso, si scende (segnavia) sino all'apertura subtriangolare, contornata da muschi e felci, della cavità.

Immagine ingresso
{5f323ae7a8150_"REGIONE":"LI","PROV":"IM","NUM":"301","SPECIF":"1","DATAGG":"2009-12-12","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"A GIERA","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":null,"LOCAL":"PENDICI ROCCA DEL BOZZARO","ACAR":"PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","ACARCOD":"IM12","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":"Eocene","SVILRE":"115","SVILPLAN":"85","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"-52","DTOT":"52","TC_01":"GPS Geografiche WGS84","latitude":"44\u00b0 06' 25.90'' N","longitude":"07\u00b0 59' 14.80'' E","DC_01":"92 III NO NASINO","SC_01":null,"AE_01":"0","QA_01":"790","QC_01":null,"VD_01":"Il dato non corrispondeva, sostituito con coordinate GPS (accuratezza 10m)","IDRO":null,"RILEVATORI":"G.S.I. (2001)","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.IMPERIESE CAI","NOTE":"Coordinate, quota, Itinerario e Descrizione da \"Carsismo e Grotte dell'ALta Val Pennavaira\" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)","NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"Dalla rotabile Passo S.Giacomo (da Aquila) verso Caprauna dopo la Rocca del Bozzaro si prende (segnaletica) l'itinerario verso Giera e Ravinella, al bivio, dopo il dosso erboso, si scende (segnavia) sino all'apertura subtriangolare, contornata da muschi e felci, della cavit\u00e0.","DESCRIZIONE":"Il primo tratto, ca 15 m, \u00e8 una galleria discendente, con il suolo di terriccio e pietrame che si restringe in un meandro, tra due pareti di roccia,larghe poche decine di centimetri, strapiombante in un pozzo di una dozzina di metri. Da qui tutta la grotta, di tipo esclusivamente tettonico, \u00e8 formata da un'altissima (anche pi\u00f9 di 40 m) galleria con enormi blocchi e pietrame incastrato tra le pareti: \u00e8 infatti costituita da una grande frattura verticale, a labbra parallele, a direzione ENE-SSW.\r\nSotto il pozzo iniziale un breve scivolo di pietrame e grossi massi, verso Nord, \u00e8 ostruito dopo una decina di metri. La galleria principale prosegue con un ripido pendio di massi a spigoli vivi,molto instabili, sino ad un nuovo pozzetto di ca 7 m; poi ancora una scivolo di grossi blocchi ed un nuovo salto di una decina di metri. La cavit\u00e0 si stringe ulteriormente, lungo piani di fratture ortogonali, il passaggio va cercato tra i numerosi massi incastrati tra le pareti. Dopo due saltini la frattura diviene impraticabile. \r\nCavit\u00e0 molto pericolosa riservata solo a speleologi esperti.","recordinsert":"2010-07-10 01:30:19","recordupdate":"2013-01-31 12:01:01","username":"admin","userupdate":"michelenoberasco","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","data_verifica":null,"photo1":"11.08.14.jpg"}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
michelenoberasco
Ultima modifica dei dati
31/01/2013

Coordinate:

Bibliografia

1960Le nostre spedizioni in Val PennavaireAnonimoVisualizza
1962Ritrovamenti archeologici e giacimenti preistorici nelle grotte della Val PennavairaANFOSSI MILLI LealeVisualizza
1971-1972Attività Alto-CapraunaGHERSI MarcoVisualizza

Scarica scheda per l'aggiornamento