LI299

ARMA DO CUPA

Altre denominazioni
ARMA DO COPPA
Primo censitore
CALANDRI G. (2001)
Regione
LIGURIA
Provincia
IM
Dimensioni
Sviluppo reale
50
Sviluppo planimetrico
50
Estensione
1
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
0
Dislivello totale
0
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44°06'24''' N
Longitudine
4°28'34'' Ovest di Monte Mario
Tipo di coordinate
IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)
Tipo coordinate originali
IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)
Quota altimetrica
840
Quota GPS
0
Cavità archeologica
Si
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Gruppi
G.S.IMPERIESE CAI
Note
Coordinate e Descrizione da "Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)
Descrizione
Cavernone di dimensioni imponenti (a pianta subtriangolare allungata verso SE), quasi pianeggiante, lunga 45 m, con una superficie di circa 1000 metri quadrati. Sul lato settentrionale, scalinato dalla stratificazione dei calcari, con grandi blocchi da crollo collassati si sviluppano piccole diramazioni e nicchie. La parte interna presenta ampi depositi calcitici, in gran parte fossili, in particolare un grandioso duomo stalagmitico. Sul lato NE si innalza la grossa stalagmite a pilastro conico, con un solco inciso dall'uomo (è l'idolo di M.Leale Anfossi). Sulla parete meridionale si sviluppa un camino, con una bella colata di calcite arancione, da cui nei periodi di forti precipitazioni sgorga una cascatella.
La cavità termina con un cunicolo, in direz SE, a sezione subtriangolare, di tipo tettonico, con minuti clastici.
Itinerario
Le grotte della Val Ferraia si raggiungono o seguendo il sentiero che parte all'inizio della strada per la Diga di Ferraia, o da quest'ultima traversando la galleria artificiale, per la condotta, lunga ca. 80 metri, (usciti dalla galleria si sale a destra il sentierino sino al grande ingresso rettangolare largo una trentina di metri (alto ca. 13 m).
Da Aquila d'Arroscia (7 km dalll'ex statale n.483 della Valle d'Arroscia) seguendo la rotabile (ca.2 km) per il passo di San Giacomo, quindi continuando in direzione di Caprauna, per quasi 2 km: l'inizio del sentiero è ben indicato. SI scende a destra per ca. 200 m sino al primo bivio (frecce in legno). Si prosegue in discesa traversando un piccolo rio. Il sentiero scende ripidamente con una serie di tornanti e si prosegue lungo la base delle balze sino al grande cavernone dell'Arma Ravinella e poco avanti alla cavernetta vicina.Da qui il percorso continua suborizzontale sino ad un poggetto, per poi scendere nella boscaglia sino alla base della balza per poi salire ripidamente seguendo il tracciato della condotta proveniente dalla diga di Ferraia, al bivio si prosegue in orizzontale lungo la parete sino a portarsi poco prima della galleria artificiale. A sinistra il sentiero sale fino al grandioso antro.
{5efe3452c39f4_"REGIONE":"LI","PROV":"IM","NUM":"299","SPECIF":"1","DATAGG":"2009-12-12","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"ARMA DO CUPA","SINON":"ARMA DO COPPA","RAS":"N","COMUNE":null,"LOCAL":null,"ACAR":"PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","ACARCOD":"IM12,IM12","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":"Giurassico Superiore","SVILRE":"50","SVILPLAN":"50","ESTEN":"1","DPOS":"0","DNEG":"0","DTOT":"0","TC_01":"IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","latitude":"44\u00b006'24''' N","longitude":"4\u00b028'34'' Ovest di Monte Mario","DC_01":"92 III NO NASINO","SC_01":null,"AE_01":"0","QA_01":"840","QC_01":null,"VD_01":null,"IDRO":null,"RILEVATORI":"CALANDRI G. (2001)","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.IMPERIESE CAI","NOTE":"Coordinate e Descrizione da \"Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira\" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)","NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"Le grotte della Val Ferraia si raggiungono o seguendo il sentiero che parte all'inizio della strada per la Diga di Ferraia, o da quest'ultima traversando la galleria artificiale, per la condotta, lunga ca. 80 metri, (usciti dalla galleria si sale a destra il sentierino sino al grande ingresso rettangolare largo una trentina di metri (alto ca. 13 m).\r\nDa Aquila d'Arroscia (7 km dalll'ex statale n.483 della Valle d'Arroscia) seguendo la rotabile (ca.2 km) per il passo di San Giacomo, quindi continuando in direzione di Caprauna, per quasi 2 km: l'inizio del sentiero \u00e8 ben indicato. SI scende a destra per ca. 200 m sino al primo bivio (frecce in legno). Si prosegue in discesa traversando un piccolo rio. Il sentiero scende ripidamente con una serie di tornanti e si prosegue lungo la base delle balze sino al grande cavernone dell'Arma Ravinella e poco avanti alla cavernetta vicina.Da qui il percorso continua suborizzontale sino ad un poggetto, per poi scendere nella boscaglia sino alla base della balza per poi salire ripidamente seguendo il tracciato della condotta proveniente dalla diga di Ferraia, al bivio si prosegue in orizzontale lungo la parete sino a portarsi poco prima della galleria artificiale. A sinistra il sentiero sale fino al grandioso antro.","DESCRIZIONE":"Cavernone di dimensioni imponenti (a pianta subtriangolare allungata verso SE), quasi pianeggiante, lunga 45 m, con una superficie di circa 1000 metri quadrati. Sul lato settentrionale, scalinato dalla stratificazione dei calcari, con grandi blocchi da crollo collassati si sviluppano piccole diramazioni e nicchie. La parte interna presenta ampi depositi calcitici, in gran parte fossili, in particolare un grandioso duomo stalagmitico. Sul lato NE si innalza la grossa stalagmite a pilastro conico, con un solco inciso dall'uomo (\u00e8 l'idolo di M.Leale Anfossi). Sulla parete meridionale si sviluppa un camino, con una bella colata di calcite arancione, da cui nei periodi di forti precipitazioni sgorga una cascatella.\r\nLa cavit\u00e0 termina con un cunicolo, in direz SE, a sezione subtriangolare, di tipo tettonico, con minuti clastici.","recordinsert":"2010-07-10 01:30:19","recordupdate":"2016-11-06 13:58:50","username":"admin","userupdate":"henrydesantis","marina":"N","archeologica":"S","rischioambientale":"N","chiusa":"N","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
henrydesantis
Ultima modifica dei dati
06/11/2016

Coordinate:

Bibliografia

1958Note su alcune caverne della Val PennavairaDINALE GiovanniVisualizza
1960Le nostre spedizioni in Val PennavaireCARBONE Davide, MAIFREDI PietroVisualizza
1962Ritrovamenti archeologici e giacimenti preistorici nelle grotte della Val PennavairaANFOSSI MILLI LealeVisualizza
1984Contributo per una storia degli aspetti religiosi delle grotte della Liguria occidentaleBONZANO Claudio, CALANDRI GilbertoVisualizza
2003L'itinerario speleo-naturalistico dell'Arma do Cupà (valle Pennavaira di Aquila d'Arroscia)CALANDRI GilbertoVisualizza

Scarica scheda per l'aggiornamento