LI294

FOSSA DEL TINETTO

Primo censitore
CIGNA A.
Regione
LIGURIA
Provincia
SP
Comune
PORTOVENERE
Località
ISOLA DEL TINETTO
Dimensioni
Sviluppo reale
60
Sviluppo planimetrico
40
Estensione
0
Dislivello positivo
1
Dislivello negativo
-30
Dislivello totale
31
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4874909
Longitudine
1568266
Tipo di coordinate
Gauss Boaga Zona 1
Tipo coordinate originali
Gauss Boaga Generiche
Quota altimetrica
2
Quota GPS
0
Valutazione dato
BARBAGELATA
Cavità archeologica
No
Cavità marina
Si
Rischio ambientale
No
Gruppi
GRUPPO GROTTE MILANO
Note
DISLIVELLO - 40 SOTTO L.M.
Cavità Chiusa
RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino
Cavità marina
Descrizione
Ingresso: frattura negli strati sub-orizzontali, larga m 1 e lunga una decina. La frattura ha dato origine ad una grotticella di scarsa importanza, lunga circa m 3 situata al di sopra del pelo dell'acqua. Sott'acqua la frattura prosegue e si allarga. All'epoca dell'esplorazione del 1956 uno scandaglio di m 14,5 al di sotto del livello del mare, calato dall'ingresso superiore non aveva raggiungo il fondo. Successivamente il giornale genovese "Il Secolo XIX" del 3 settembre 1959, riportava la notizia che tra pescatori subacquei avevano scoperto una grotta sottomarina nel lato occidentale dell'isola. La cavità, a forma di gomito, misurava, sempre secondo quella fonte, m18 nel punto più largo e m 60 da un ingresso all'altro. Non sono riusciti i tentativi di mettersi in contatto conn qualcuno degli scopritori. Una successiva immersione veniva effettuata nel luglio 1966 da T.Samorè, L. De Sanctis e G.Cappa. A quest'ultimo si deve il rilievo della parte subacquea eseguito a memoria (e pertanto approssimato).
Itinerario
Accesso nella parte settentrionale dell'isola
1{_"REGIONE":"LI","PROV":"SP","NUM":"294","SPECIF":"1","DATAGG":null,"DRILEV":"1987-12-31","NOME":"FOSSA DEL TINETTO","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"PORTOVENERE","LOCAL":"ISOLA DEL TINETTO","ACAR":"LAMA DI LA SPEZIA","ACARCOD":"SP38,SP38","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"60","SVILPLAN":"40","ESTEN":"0","DPOS":"1","DNEG":"-30","DTOT":"31","TC_01":"Gauss Boaga Generiche","latitude":"4874909","longitude":"1568266","DC_01":"95 II SE LERICI","SC_01":"0","AE_01":"0","QA_01":"2","QC_01":null,"VD_01":"BARBAGELATA","IDRO":null,"RILEVATORI":"CIGNA A.","GRADORIL":null,"GRUPPI":"GRUPPO GROTTE MILANO","NOTE":"DISLIVELLO - 40 SOTTO L.M.\r\nCavit\u00e0 Chiusa","NOTE2":"RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino","RCS":"Cavit\u00e0 marina","ITINERARIO":"Accesso nella parte settentrionale dell'isola","DESCRIZIONE":"Ingresso: frattura negli strati sub-orizzontali, larga m 1 e lunga una decina. La frattura ha dato origine ad una grotticella di scarsa importanza, lunga circa m 3 situata al di sopra del pelo dell'acqua. Sott'acqua la frattura prosegue e si allarga. All'epoca dell'esplorazione del 1956 uno scandaglio di m 14,5 al di sotto del livello del mare, calato dall'ingresso superiore non aveva raggiungo il fondo. Successivamente il giornale genovese \"Il Secolo XIX\" del 3 settembre 1959, riportava la notizia che tra pescatori subacquei avevano scoperto una grotta sottomarina nel lato occidentale dell'isola. La cavit\u00e0, a forma di gomito, misurava, sempre secondo quella fonte, m18 nel punto pi\u00f9 largo e m 60 da un ingresso all'altro. Non sono riusciti i tentativi di mettersi in contatto conn qualcuno degli scopritori. Una successiva immersione veniva effettuata nel luglio 1966 da T.Samor\u00e8, L. De Sanctis e G.Cappa. A quest'ultimo si deve il rilievo della parte subacquea eseguito a memoria (e pertanto approssimato).","recordinsert":"2010-07-10 01:30:18","recordupdate":"2015-01-27 22:00:52","username":"admin","userupdate":"gabriellagiordani","marina":"S","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","noteversione":"Descrizione e Itinerario da Catasto Zoia","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
gabriellagiordani
Ultima modifica dei dati
27/01/2015

Coordinate:

Bibliografia

1967Ricerche speleologiche nelle isole Palmaria, del Tino e del TinettoCIGNA Arrigo, GIORCELLI A., TOZZI CarloVisualizza
1994Studio biotonico comparativo di alcune grotte marine sommerse: definizione di una scala di confinamentoBIANCHI Carlo Nike, MORRI CarlaVisualizza
1994Principali aree di interesse speleomarino lungo le coste italianeALVISI M., COLANTONI P.Visualizza
1997-1998Variazioni spaziali e gradienti ambientali nella grotta marina dell'isola del Tinetto (Golfo di La Spezia)UGOLINI UgoVisualizza
2003Indagine ecologica sulla grotta sottomarina dell'isola del Tinetto (Golfo di La Spezia, Mar Ligure orientale): dati preliminariUGOLINI U. et alVisualizza

Schede storiche Issel - Aggiornamento Zoja:


Scarica scheda per l'aggiornamento