LI292

GROTTA PRESSO SAN VENERIO

Primo censitore
CIGNA A.
Regione
LIGURIA
Provincia
SP
Comune
PORTOVENERE
Località
ISOLA DEL TINO-SAN VENERIO
Dimensioni
Sviluppo reale
11
Sviluppo planimetrico
0
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
-2
Dislivello totale
2
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4875359
Longitudine
1568206
Tipo di coordinate
Gauss Boaga Zona 1
Tipo coordinate originali
Gauss Boaga Generiche
Quota altimetrica
4
Quota GPS
0
Valutazione dato
BARBAGELATA
Cavità archeologica
No
Cavità marina
Si
Rischio ambientale
No
Gruppi
GRUPPO GROTTE MILANO
Note
Cavità Chiusa
RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino
Cavità marina
Descrizione
Si tratta di una cavità di crollo, come denota la presenza di massi sul pavimento; è costituita da una cavità che si ostruisce dopo una decina di metri circa.
Itinerario
Dal molo di attracco, seguendo la strada che porta al faro e quindi un sentiero, si raggiunge la cava sita nella parte settentrionale dell'isola; aggirando poi uno sperone roccioso presso la costa si perviene alla grotta. L'ingresso presenta due imbocchi praticabili a causa dell'esistenza di un grosso masso. Complessivamente è largo circa m 5 e alto un paio.
{5f0175ee59073_"REGIONE":"LI","PROV":"SP","NUM":"292","SPECIF":"1","DATAGG":null,"DRILEV":"1987-12-31","NOME":"GROTTA PRESSO SAN VENERIO","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"PORTOVENERE","LOCAL":"ISOLA DEL TINO-SAN VENERIO","ACAR":"LAMA DI LA SPEZIA","ACARCOD":"SP38,SP38","FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"11","SVILPLAN":"0","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"-2","DTOT":"2","TC_01":"Gauss Boaga Generiche","latitude":"4875359","longitude":"1568206","DC_01":"95 II NE LERICI","SC_01":"0","AE_01":"0","QA_01":"4","QC_01":null,"VD_01":"BARBAGELATA","IDRO":null,"RILEVATORI":"CIGNA A.","GRADORIL":null,"GRUPPI":"GRUPPO GROTTE MILANO","NOTE":"Cavit\u00e0 Chiusa","NOTE2":"RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino","RCS":"Cavit\u00e0 marina","ITINERARIO":"Dal molo di attracco, seguendo la strada che porta al faro e quindi un sentiero, si raggiunge la cava sita nella parte settentrionale dell'isola; aggirando poi uno sperone roccioso presso la costa si perviene alla grotta. L'ingresso presenta due imbocchi praticabili a causa dell'esistenza di un grosso masso. Complessivamente \u00e8 largo circa m 5 e alto un paio.","DESCRIZIONE":"Si tratta di una cavit\u00e0 di crollo, come denota la presenza di massi sul pavimento; \u00e8 costituita da una cavit\u00e0 che si ostruisce dopo una decina di metri circa.","recordinsert":"2010-07-10 01:30:18","recordupdate":"2015-01-27 21:43:43","username":"admin","userupdate":"gabriellagiordani","marina":"S","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","noteversione":"Descrizione e Itinerario da Catasto Zoia","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
gabriellagiordani
Ultima modifica dei dati
27/01/2015

Coordinate:

Bibliografia

1896Guida per escursioni negli Appennini e nelle Alpi Liguri (con note dí Issel, Mazzuoli, Penzig e Gestro con una appendice di A. Issel)DELLEPIANE GiovanniVisualizza
1967Ricerche speleologiche nelle isole Palmaria, del Tino e del TinettoCIGNA Arrigo, GIORCELLI A., TOZZI CarloVisualizza

Schede storiche Issel - Aggiornamento Zoja:


Scarica scheda per l'aggiornamento