LI199

CAVERNA DELL' UCCELLIERA

Primo censitore
FRANCISCOLO M.
Regione
LIGURIA
Provincia
SV
Comune
FINALE LIGURE
Località
SAN BERNARDO
Dimensioni
Sviluppo reale
18.5
Sviluppo planimetrico
18
Estensione
16
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
-1.8
Dislivello totale
-1.8
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4893058
Longitudine
445912
Tipo di coordinate
UTM WGS84 32
Tipo coordinate originali
UTM WGS84 Generiche
Quota altimetrica
120
Quota cartografica
128
Quota GPS
0
Valutazione dato
posizionamento con GPS
Cavità archeologica
Si
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Posizione verificata sul campo da curatore
X
Andamento
ORIZZONTALE
Percorribilità
FACILE
Gruppi
G.S.L. A. ISSEL
AGGIORNAMENTO CATASTALE (2010):
GRUPPO GROTTE BORGIO VEREZZI, GRUPPO SPELEOLOGICO SAVONESE
Note
DATA L'IMPORTANZA PALEOETNOLOGICA DELLA CAVITA' E L'ASSENZA DI DISPOSITIVI DI CHIUSURA DELL'INGRESSO, SI LIMITA LA VISIBILITA' DEI DATI AI SOLI UTENTI REGISTRATI COME "ARCHEOLOGI". H.D.S.

Archeologica
Descrizione
La cavità si apre sul crinale che separa la Valle del Rio Urtà dalla principale Valle dell'Aquila (circa 650 m a Sud di S. Antonino). Ingresso chiuso da un muro in pietra ricoperto di malta, ancora conservata in alcuni punti; successiva costruzione di un altro muro esterno addossato al precedente come a rinforzarlo. Il muro, quello più interno, presenta, oltre all'apertura della porta d'ingresso, anche una finestra. All'interno bassa camera (dimensioni 3x5 m) con presenza di una colonna naturale con scanalatura longitudinale molto particolare, che poi si divide in tre solchi sul pavimento (incerta la manifattura umana forse per la raccolta dell'acqua di stillicidio). Evidenti segni di saggi di scavo archeologico all'interno; ritrovati un dente di leone e un pezzo d'osso non identificato. Un sopraluogo effettuato in un secondo momento ha permesso inoltre di identificare, su di una parete rocciosa interna alla grotta, un'interessate incisione di una figura cornuta. All'esterno della cavità, guardando al mare e con la grotta alle spalle, sono riconoscibili sulla sinistra, a scendere, alcuni gradoni evidentemente scolpiti nella roccia.
Itinerario
Da Finale Ligure si sale a Final Borgo e da qui si prosegue sulla strada per Calice, dopo circa 2 chilometri, si imbocca il bivio a destra per l’abitato di Perti, e superata la piazzetta si prosegue nella valle di Montesordo per circa 700 metri in direzione di Pianmarino. Giunti poco prima della Chiesa di S. Benedetto si abbandona la strada asfaltata e si prosegue sulla sterrata che scende sulla destra in direzione contraria (SUD) sino a raggiungere una prima casa. A questo punto la strada diventa sentiero e prosegue in discesa per raggiungere l'alveo del rio. Lo si attraversa per poi risalire dolcemente sull'altro versante sino a guadagnare il crinale; il sentiero in questo punto costeggia un altra abitazione. Ora la traccia del sentiero si perde e per raggingere l'ingresso della grotta si deve seguire il crinale salendo in direzione di S.Antonino per un centinaio di metri, nel fitto della vegetazione finalese. Si giunge su di un terrazzino (presenza di muri a secco delimitanti il terrazzino in questione e fasce sottostanti) e la grotta presenta l'ingresso rivolto a SUD.

Immagine ingresso
{5f08f613bbc9e_"REGIONE":"LI","PROV":"SV","NUM":"199","SPECIF":"1","DATAGG":"2007-11-30","DRILEV":"1987-12-31","NOME":"CAVERNA DELL' UCCELLIERA","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"FINALE LIGURE","LOCAL":"SAN BERNARDO","ACAR":"CARPANEA - ROCCA DI PERTI","ACARCOD":"SV30","FM":null,"FMCOD":"PDF","AGE":"Miocene","SVILRE":"18.5","SVILPLAN":"18","ESTEN":"16","DPOS":"0","DNEG":"-1.8","DTOT":"-1.8","TC_01":"UTM WGS84 Generiche","latitude":"4893058","longitude":"445912","DC_01":"92 I SO CALICE LIGURE","SC_01":"180","AE_01":"0","QA_01":"120","QC_01":"128","VD_01":"posizionamento con GPS","IDRO":null,"RILEVATORI":"FRANCISCOLO M.","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.L. A. ISSEL\r\nAGGIORNAMENTO CATASTALE (2010):\r\nGRUPPO GROTTE BORGIO VEREZZI, GRUPPO SPELEOLOGICO SAVONESE","NOTE":"DATA L'IMPORTANZA PALEOETNOLOGICA DELLA CAVITA' E L'ASSENZA DI DISPOSITIVI DI CHIUSURA DELL'INGRESSO, SI LIMITA LA VISIBILITA' DEI DATI AI SOLI UTENTI REGISTRATI COME \"ARCHEOLOGI\". H.D.S.\r\n","NOTE2":null,"RCS":"Archeologica","ITINERARIO":"Da Finale Ligure si sale a Final Borgo e da qui si prosegue sulla strada per Calice, dopo circa 2 chilometri, si imbocca il bivio a destra per l\u2019abitato di Perti, e superata la piazzetta si prosegue nella valle di Montesordo per circa 700 metri in direzione di Pianmarino. Giunti poco prima della Chiesa di S. Benedetto si abbandona la strada asfaltata e si prosegue sulla sterrata che scende sulla destra in direzione contraria (SUD) sino a raggiungere una prima casa. A questo punto la strada diventa sentiero e prosegue in discesa per raggiungere l'alveo del rio. Lo si attraversa per poi risalire dolcemente sull'altro versante sino a guadagnare il crinale; il sentiero in questo punto costeggia un altra abitazione. Ora la traccia del sentiero si perde e per raggingere l'ingresso della grotta si deve seguire il crinale salendo in direzione di S.Antonino per un centinaio di metri, nel fitto della vegetazione finalese. Si giunge su di un terrazzino (presenza di muri a secco delimitanti il terrazzino in questione e fasce sottostanti) e la grotta presenta l'ingresso rivolto a SUD.","DESCRIZIONE":"La cavit\u00e0 si apre sul crinale che separa la Valle del Rio Urt\u00e0 dalla principale Valle dell'Aquila (circa 650 m a Sud di S. Antonino). Ingresso chiuso da un muro in pietra ricoperto di malta, ancora conservata in alcuni punti; successiva costruzione di un altro muro esterno addossato al precedente come a rinforzarlo. Il muro, quello pi\u00f9 interno, presenta, oltre all'apertura della porta d'ingresso, anche una finestra. All'interno bassa camera (dimensioni 3x5 m) con presenza di una colonna naturale con scanalatura longitudinale molto particolare, che poi si divide in tre solchi sul pavimento (incerta la manifattura umana forse per la raccolta dell'acqua di stillicidio). Evidenti segni di saggi di scavo archeologico all'interno; ritrovati un dente di leone e un pezzo d'osso non identificato. Un sopraluogo effettuato in un secondo momento ha permesso inoltre di identificare, su di una parete rocciosa interna alla grotta, un'interessate incisione di una figura cornuta. All'esterno della cavit\u00e0, guardando al mare e con la grotta alle spalle, sono riconoscibili sulla sinistra, a scendere, alcuni gradoni evidentemente scolpiti nella roccia.","PERCORRIBILITA":"FACILE","recordinsert":"2010-07-10 01:30:02","recordupdate":"2018-10-07 14:37:55","username":"admin","userupdate":"enricomassa","marina":"N","archeologica":"S","rischioambientale":"N","chiusa":"N","ANDAMENTO":"ORIZZONTALE","verificata":"X","data_verifica":null,"photo1":"P8111043.JPG","groupview":"archeologi,catasto_scrittura,catasto_lettura"}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
enricomassa
Ultima modifica dei dati
07/10/2018

Coordinate:

Scarica scheda per l'aggiornamento