LI1807

LUNGAIE SUPERIORE

Primo censitore
ALESSANDRO VERNASSA
Regione
LIGURIA
Provincia
GE
Comune
ROVEGNO
Dimensioni
Sviluppo reale
81
Sviluppo planimetrico
0
Estensione
0
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
29
Dislivello totale
0
Posizione dell'ingresso
Latitudine
44° 32' 25.143'' N
Longitudine
9° 19' 47.361'' E
Tipo di coordinate
GPS Geografiche WGS84
Tipo coordinate originali
GPS Geografiche WGS84
Quota altimetrica
1097
Quota GPS
0
Valutazione dato
media due misurazioni
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Note accesso alla grotta
L'accesso alla cavità si trova quasi al centro di un'area piuttosto impervia: un accumulo di enormi blocchi rocciosi distaccatisi dalla cresta soprastante e percorsi da numerose faglie e profondi crepacci, i pochi lembi piani dov'è rimasta un poco di terra ospitano arbusti di ginepro ed altre piante spinose che rendono difficoltoso il passaggio.
Sebbene non indispensabile, nella discesa tra i massi potrebbe essere opportuno assicurarsi con una corda lunga almeno 50m, per progredire con maggiore tranquillità; utile anche uno strumento per aprirsi un varco tra gli arbusti.
Data ultima verifica sul campo
30/11/2019 00:00:00
Gruppi
G.S.MARTEL - S.C.RIBALDONE
Note
Il riferimento alle Lungaie è certamente improprio, perché la località con quel nome si trova più a Nord, probabilmente l'imprecisa attribuzione del toponimo è dovuta ad un equivoco nell'interprertazione del nome relativo al corso d'acqua principale che solca la zona: "Fosso delle Lugale"; in ogni caso la sovrapposizione della traccia GPS con la cartografia regionale elimina ogni dubbio residuo.
Descrizione
La grotta è formata da un salone costituito da grossi massi di crollo.
Sulla volta si trovano varie aperture comunicanti con l' esterno.
Itinerario
Per raggiungere la zona, partendo dal centro dell'abitato di Fontanigorda (SP18), si percorre la strada asfaltata che porta alla località detta "Bosco delle Fate" (OSM way 146980809 e 500044977), quindi, con un mezzo idoneo, la carrareccia forestale (OSM way 500044504 e 499912319) che, superando il campo sportivo, conduce nella faggeta al limite meridionale del Campo del Degano, sulle estreme pendici occidentali del Monte Roccabruna.
Abbandonato il mezzo si prosegue a piedi, salendo per circa 200m verso E nel bosco, sino a quando si incontra un'ampia macchia di abeti ed, al margine settentrionale di essa, la cresta rocciosa che delimita dall'alto l'area di accesso.

Immagine ingresso
Autori testi descrizione
Piote
Autori testi Itinerario
Piote
{5f35caf471221_"REGIONE":"LI","PROV":"GE","NUM":"1807","SPECIF":"1","DATAGG":null,"DRILEV":null,"NOME":"LUNGAIE SUPERIORE","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"ROVEGNO","LOCAL":null,"ACARCOD":null,"FM":null,"FMCOD":null,"AGE":null,"SVILRE":"81","SVILPLAN":"0","ESTEN":"0","DPOS":"0","DNEG":"29","DTOT":"0","TC_01":"GPS Geografiche WGS84","latitude":"44\u00b0 32' 25.143'' N","longitude":"9\u00b0 19' 47.361'' E","DC_01":null,"SC_01":"1143","AE_01":"0","QA_01":"1097","QC_01":null,"VD_01":"media due misurazioni","IDRO":null,"RILEVATORI":"ALESSANDRO VERNASSA","GRADORIL":null,"GRUPPI":"G.S.MARTEL - S.C.RIBALDONE","NOTE":"Il riferimento alle Lungaie \u00e8 certamente improprio, perch\u00e9 la localit\u00e0 con quel nome si trova pi\u00f9 a Nord, probabilmente l'imprecisa attribuzione del toponimo \u00e8 dovuta ad un equivoco nell'interprertazione del nome relativo al corso d'acqua principale che solca la zona: \"Fosso delle Lugale\"; in ogni caso la sovrapposizione della traccia GPS con la cartografia regionale elimina ogni dubbio residuo.","NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"Per raggiungere la zona, partendo dal centro dell'abitato di Fontanigorda (SP18), si percorre la strada asfaltata che porta alla localit\u00e0 detta \"Bosco delle Fate\" (OSM way 146980809 e 500044977), quindi, con un mezzo idoneo, la carrareccia forestale (OSM way 500044504 e 499912319) che, superando il campo sportivo, conduce nella faggeta al limite meridionale del Campo del Degano, sulle estreme pendici occidentali del Monte Roccabruna.\r\nAbbandonato il mezzo si prosegue a piedi, salendo per circa 200m verso E nel bosco, sino a quando si incontra un'ampia macchia di abeti ed, al margine settentrionale di essa, la cresta rocciosa che delimita dall'alto l'area di accesso.","DESCRIZIONE":"La grotta \u00e8 formata da un salone costituito da grossi massi di crollo.\r\nSulla volta si trovano varie aperture comunicanti con l' esterno. ","recordinsert":"0000-00-00 00:00:00","recordupdate":"2019-12-01 16:08:52","username":"admin","userupdate":"francescosaffioti","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","data_verifica":"2019-11-30","photo1":"Li-1807.png","authorDESCRIZIONE":"Piote","authorITINERARIO":"Piote","chiusaaccesso":"L'accesso alla cavit\u00e0 si trova quasi al centro di un'area piuttosto impervia: un accumulo di enormi blocchi rocciosi distaccatisi dalla cresta soprastante e percorsi da numerose faglie e profondi crepacci, i pochi lembi piani dov'\u00e8 rimasta un poco di terra ospitano arbusti di ginepro ed altre piante spinose che rendono difficoltoso il passaggio.\r\nSebbene non indispensabile, nella discesa tra i massi potrebbe essere opportuno assicurarsi con una corda lunga almeno 50m, per progredire con maggiore tranquillit\u00e0; utile anche uno strumento per aprirsi un varco tra gli arbusti.\r\n"}
Dati compilazione
Data importazione
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
francescosaffioti
Ultima modifica dei dati
01/12/2019

Coordinate:

Scarica scheda per l'aggiornamento