LI1741

BUS DA CRAVA

Primo censitore
ROBERTO CHIESA
Regione
LIGURIA
Provincia
SV
Comune
BALESTRINO
Località
ROCCA DELLA VOLPE
Monte
ROCCA PIAN DEI PRATI
Formazione geologica
SPM DOLOMIE DI SAN PETRO DEI MONTI
Dimensioni
Sviluppo reale
22
Sviluppo planimetrico
17
Estensione
17
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
11.5
Dislivello totale
11.5
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4886714
Longitudine
432162
Tipo di coordinate
UTM ED50 32
Tipo coordinate originali
GPS UTM WGS84
Quota GPS
1999
Valutazione dato
affidabilità 100% (lettura con 6 satelliti per 15 minuti)
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Idrologia
solo stillicidio
Andamento
IN DISCESA
Percorribilità
FACILE
Gruppi
Gruppo Speleologico Cycnus (Toirano - SV)
Note
All’interno della grotta sono stati rinvenuti due vasetti interi e centinaia di cocci (vasetti utilizzati per la coltura di erbe aromatiche), mentre nella saletta d’ingresso è presente un teschio di una capra utilizzato per rituali(?).
Descrizione
Cavità discendente impostata su diaclasi orientata E-W. L’ampio ingresso è sormontato da un grande masso poggiato a due spalle rocciose che nell’insieme disegnano un triangolo alto 1.6m e largo 3m.
Segue una comoda saletta lunga circa 4m, pianeggiante e con fondo terroso, interamente illuminata dall’esterno. All’estremità si apre un angusto passaggio discendente impostato su diaclasi verticale che dopo due passaggi selettivi si allarga -sezione media di 2m di altezza per oltre 1m di larghezza- e si approfondisce con pavimento di clasti decimetrici spigolosi, e con soffitto di roccia compatta. In questo tratto si incontrano due fratture perpendicolari che originano due slarghi. Proseguendo si passa un terzo passaggio selettivo che immette nel saltino verticale seguito dallo slargo finale, tettonizzato, pseudo-pianeggiante, ingombro di blocchi traslati e incastrati che impediscono il passaggio verso la diaclasi da cui arriva una discreta quantità di aria fredda.
Itinerario
La cavità si apre nel Comune di Balestrino, seguire la strada provinciale Balestrino-Vecersio, circa 1km dopo la borgata Bergalla si incontra un ampio tornante a sinistra (sormontato da casa isolata) con evidentissima devia-zione a destra per la strada delle “Terre Gianche”, che conduce al Villaggio di Rocca Barbena. Seguirla, oltre-passare l’unico nucleo di case ed il successivo tornante a sinistra –dove si cambia versante- e proseguire per po-co più di 1km fino all’evidente stradino che sale ripido a sinistra. Seguirlo sino a dove spiana ed entra nella zona di assorbimento –alberata e ricca di crepacci, scollamenti e doline; pochi metri più a Sud si vede un torrione iso-lato- quindi abbandonarlo e dirigersi a Est per circa 40m scavalcando due crepacci ed un grande masso sotto il quale si apre l’ampio ingresso della cavità.
Fauna
nessuna osservazione
Storia
10-02-2006 scoperta – Andrea Botto.
12-03-2006 esplorata e documentata – Roberto Chiesa, Roy Merlo, Andrea Botto.
15-05-2012 posizionata – Roberto Chiesa.
Note relative a questa versione della scheda
03-08-2012 - Chiesa Roberto - inserita a catasto

Immagine ingresso
Autori immagine ingresso
Roberto Chiesa
Autori testi descrizione
Roberto Chiesa
Autori testi Itinerario
Roberto Chiesa
Autori testi Storia
Roberto Chiesa
{5f3698150c20c_"REGIONE":"LI","PROV":"SV","NUM":"1741","SPECIF":"1","DATAGG":null,"DRILEV":null,"NOME":"BUS DA CRAVA","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"BALESTRINO","LOCAL":"ROCCA DELLA VOLPE","MONTE":"ROCCA PIAN DEI PRATI","VALLE":"VAL VARATELLA","ACARCOD":null,"FM":null,"FMCOD":"SPM","AGE":null,"SVILRE":"22","SVILPLAN":"17","ESTEN":"17","DPOS":"0","DNEG":"11.5","DTOT":"11.5","TC_01":"GPS UTM ED50","latitude":"4886714","longitude":"432162","DC_01":"245060 Zuccarello","SC_01":"707","AE_01":"1999","QA_01":null,"QC_01":null,"VD_01":"affidabilit\u00e0 100% (lettura con 6 satelliti per 15 minuti)","IDRO":"solo stillicidio","RILEVATORI":"ROBERTO CHIESA","GRADORIL":null,"GRUPPI":"Gruppo Speleologico Cycnus (Toirano - SV)","NOTE":"All\u2019interno della grotta sono stati rinvenuti due vasetti interi e centinaia di cocci (vasetti utilizzati per la coltura di erbe aromatiche), mentre nella saletta d\u2019ingresso \u00e8 presente un teschio di una capra utilizzato per rituali(?). ","NOTE2":null,"RCS":null,"ITINERARIO":"La cavit\u00e0 si apre nel Comune di Balestrino, seguire la strada provinciale Balestrino-Vecersio, circa 1km dopo la borgata Bergalla si incontra un ampio tornante a sinistra (sormontato da casa isolata) con evidentissima devia-zione a destra per la strada delle \u201cTerre Gianche\u201d, che conduce al Villaggio di Rocca Barbena. Seguirla, oltre-passare l\u2019unico nucleo di case ed il successivo tornante a sinistra \u2013dove si cambia versante- e proseguire per po-co pi\u00f9 di 1km fino all\u2019evidente stradino che sale ripido a sinistra. Seguirlo sino a dove spiana ed entra nella zona di assorbimento \u2013alberata e ricca di crepacci, scollamenti e doline; pochi metri pi\u00f9 a Sud si vede un torrione iso-lato- quindi abbandonarlo e dirigersi a Est per circa 40m scavalcando due crepacci ed un grande masso sotto il quale si apre l\u2019ampio ingresso della cavit\u00e0.","DESCRIZIONE":"Cavit\u00e0 discendente impostata su diaclasi orientata E-W. L\u2019ampio ingresso \u00e8 sormontato da un grande masso poggiato a due spalle rocciose che nell\u2019insieme disegnano un triangolo alto 1.6m e largo 3m.\r\nSegue una comoda saletta lunga circa 4m, pianeggiante e con fondo terroso, interamente illuminata dall\u2019esterno. All\u2019estremit\u00e0 si apre un angusto passaggio discendente impostato su diaclasi verticale che dopo due passaggi selettivi si allarga -sezione media di 2m di altezza per oltre 1m di larghezza- e si approfondisce con pavimento di clasti decimetrici spigolosi, e con soffitto di roccia compatta. In questo tratto si incontrano due fratture perpendicolari che originano due slarghi. Proseguendo si passa un terzo passaggio selettivo che immette nel saltino verticale seguito dallo slargo finale, tettonizzato, pseudo-pianeggiante, ingombro di blocchi traslati e incastrati che impediscono il passaggio verso la diaclasi da cui arriva una discreta quantit\u00e0 di aria fredda. \r\n","FAUNA":"nessuna osservazione","PERCORRIBILITA":"FACILE","oricoordtype":"GPS UTM WGS84","recordinsert":"0000-00-00 00:00:00","recordupdate":"2016-02-02 22:33:21","username":"admin","userupdate":"robertochiesa","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","ANDAMENTO":"IN DISCESA","data_verifica":null,"hidden":"0","photo1":"1741_Crava_2012_Chiesa_R_ingr.JPG","CRONOLOGIA":"03-08-2012 - Chiesa Roberto - inserita a catasto","STORIA":"10-02-2006 scoperta \u2013 Andrea Botto.\r\n12-03-2006 esplorata e documentata \u2013 Roberto Chiesa, Roy Merlo, Andrea Botto.\r\n15-05-2012 posizionata \u2013 Roberto Chiesa.\r\n","authorphoto1":"Roberto Chiesa","authorDESCRIZIONE":"Roberto Chiesa","authorSTORIA":"Roberto Chiesa","authorITINERARIO":"Roberto Chiesa"}
Dati compilazione
Data importazione
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
robertochiesa
Ultima modifica dei dati
02/02/2016

Coordinate:

Foto della cavità

Numero grotta
LI1741 BUS DA CRAVA

Bus da Crava (interno)


Autore foto
Roberto Chiesa
Licenza rilievo
CCPL - Attribuzione - Condividi allo stesso modo 2.5
Descrizione
sala ingresso con vasetto e teschio utilizzato per rituali(?)

Scarica scheda per l'aggiornamento