LI1404

GROTTA DRAGUNAIRA

Primo censitore
R.MASSUCCO, P.PICCARDO, A.SANNA, I.TONERO
Regione
LIGURIA
Provincia
SV
Comune
VENDONE
Località
COLLA D'ONZO/CASTELLERMO
Area carsica
Dimensioni
Sviluppo reale
18
Sviluppo planimetrico
11
Estensione
15
Dislivello positivo
9
Dislivello negativo
0
Dislivello totale
9
Posizione dell'ingresso
Latitudine
4883152
Longitudine
1423822
Tipo di coordinate
Gauss Boaga Zona 1
Tipo coordinate originali
CTR 1:10000 Gauss Boaga
Quota altimetrica
812
Quota GPS
1980
Cavità archeologica
Si
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Idrologia
secca
Gruppi
GRUPPO SPELEOLOGICO SAVONESE
Note
Dati di posizionamento da originale scheda Revisione Catastale
ma è riportato solo un dato ed è un pò pasticciato.
RILIEVO
Descrizione
La grotta è impostata su un’evidente frattura di decompressione (parallela al versante): l’imbocco si apre a Nord (sotto alle falesie del Castellermo), con un maestoso portale (m 3,5 x 7-10) che domina la Val Pennavaire (per raggiungerlo occorre arrampicare per una decina di metri lungo le pareti del ripido canalone in cima al quale si trova la cavità).
Nei primi 12 metri il pavimento della grotta è molto inclinato e segue dapprima la stratificazione della roccia, mascherata poi da grossi blocchi rocciosi staccatisi dalla volta per effetto crio-clastico; in tutto questo tratto le pareti della cavità si mantengono circa parallele.
Superati i massi, si accede alla parte più interna della grotta: un ambiente ad andamento sub-orizzontale, formatosi sull’incrocio di due fasci di fratture, orientate N-S e N45°E.
In quest’ultimo tratto (l’unico a non essere completamente illuminato dall'esterno, rimanendo in una certa penombra) la grotta mantiene un’altezza media attorno ai tre metri; stillicidi provenienti dalle fratture danno origine a due colate concrezionali (nell'ampia nicchia a Sud-Est e in fondo, a Sud-Ovest).
Itinerario
Dal trivio carrabile (quadrivio, se si considera anche il sentiero) della Colla d’Onzo (m 841,3 slm sulla CTR 1:10.000) si segue il sentiero che discende verso la Val Pennavaire, sul versante nord-occidentale del Peso Grande–Castellermo.
Al successivo incrocio si continua a seguire il sentiero di destra, che, nel bosco, si avvicina alla falesia del Castellermo.
Superata una guglia rocciosa immediatamente a sinistra sul sentiero, si seguono per una trentina di metri tracce di sentiero lungo l'nterstrato roccioso immediatamente sottostante alla falesia rocciosa:voltandosi indietro, in direzione Sud-Ovest, si scorge in alto l’ampio e alto imbocco della grotta, la cui base può essere raggiunta inerpicandosi lungo il ripido versante boscoso.
Dalla base si può accedere alla grotta solo tramite un’arrampicata sulle pareti della frattura sulla quale la cavità è impostata.
Note relative a questa versione della scheda
REVISIONE CATASTALE G.S. SAVONESE 1997
{5f2c3135d5c3a_"REGIONE":"LI","PROV":"SV","NUM":"1404","SPECIF":"1","DATAGG":"2010-04-19","DRILEV":"1998-06-28","NOME":"GROTTA DRAGUNAIRA","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"VENDONE","LOCAL":"COLLA D'ONZO\/CASTELLERMO","ACAR":"MONTENERO","ACARCOD":"SV21,SV21","FM":null,"FMCOD":"DMA","AGE":"Triassico Sup. (Norico)","SVILRE":"18","SVILPLAN":"11","ESTEN":"15","DPOS":"9","DNEG":"0","DTOT":"9","TC_01":"CTR 1:10000 Gauss Boaga","latitude":"4883152","longitude":"1423822","DC_01":"RANZO 245090","SC_01":"812","AE_01":"1980","QA_01":"812","QC_01":null,"VD_01":null,"IDRO":"secca","RILEVATORI":"R.MASSUCCO, P.PICCARDO, A.SANNA, I.TONERO","GRADORIL":"5","GRUPPI":"GRUPPO SPELEOLOGICO SAVONESE","NOTE":"Dati di posizionamento da originale scheda Revisione Catastale\r\nma \u00e8 riportato solo un dato ed \u00e8 un p\u00f2 pasticciato.","NOTE2":"RILIEVO","RCS":null,"ITINERARIO":"Dal trivio carrabile (quadrivio, se si considera anche il sentiero) della Colla d\u2019Onzo (m 841,3 slm sulla CTR 1:10.000) si segue il sentiero che discende verso la Val Pennavaire, sul versante nord-occidentale del Peso Grande\u2013Castellermo.\r\nAl successivo incrocio si continua a seguire il sentiero di destra, che, nel bosco, si avvicina alla falesia del Castellermo.\r\nSuperata una guglia rocciosa immediatamente a sinistra sul sentiero, si seguono per una trentina di metri tracce di sentiero lungo l'nterstrato roccioso immediatamente sottostante alla falesia rocciosa:voltandosi indietro, in direzione Sud-Ovest, si scorge in alto l\u2019ampio e alto imbocco della grotta, la cui base pu\u00f2 essere raggiunta inerpicandosi lungo il ripido versante boscoso.\r\nDalla base si pu\u00f2 accedere alla grotta solo tramite un\u2019arrampicata sulle pareti della frattura sulla quale la cavit\u00e0 \u00e8 impostata.","DESCRIZIONE":"La grotta \u00e8 impostata su un\u2019evidente frattura di decompressione (parallela al versante): l\u2019imbocco si apre a Nord (sotto alle falesie del Castellermo), con un maestoso portale (m 3,5 x 7-10) che domina la Val Pennavaire (per raggiungerlo occorre arrampicare per una decina di metri lungo le pareti del ripido canalone in cima al quale si trova la cavit\u00e0).\r\nNei primi 12 metri il pavimento della grotta \u00e8 molto inclinato e segue dapprima la stratificazione della roccia, mascherata poi da grossi blocchi rocciosi staccatisi dalla volta per effetto crio-clastico; in tutto questo tratto le pareti della cavit\u00e0 si mantengono circa parallele.\r\nSuperati i massi, si accede alla parte pi\u00f9 interna della grotta: un ambiente ad andamento sub-orizzontale, formatosi sull\u2019incrocio di due fasci di fratture, orientate N-S e N45\u00b0E.\r\nIn quest\u2019ultimo tratto (l\u2019unico a non essere completamente illuminato dall'esterno, rimanendo in una certa penombra) la grotta mantiene un\u2019altezza media attorno ai tre metri; stillicidi provenienti dalle fratture danno origine a due colate concrezionali (nell'ampia nicchia a Sud-Est e in fondo, a Sud-Ovest).","recordinsert":"2010-07-10 01:33:07","recordupdate":"2015-08-18 08:16:02","username":"admin","userupdate":"henrydesantis","marina":"N","archeologica":"S","rischioambientale":"N","chiusa":"N","data_verifica":null,"hidden":"0","CRONOLOGIA":"REVISIONE CATASTALE G.S. SAVONESE 1997"}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
henrydesantis
Ultima modifica dei dati
18/08/2015

Coordinate:

Bibliografia

1998Il campo archeologico alla Grotta Dragunaira (M.Castellermo, Vendone, SV)PICCARDO Pino, SANNA Adele, VICINO GiuseppeVisualizza

Documentazione Delegazione Speleologica Ligure

la visualizzazione della documentazione DSL è riservata ai curatori, eseguire il login per visualizzare le schede

Scarica scheda per l'aggiornamento