LI1093

TANETTA DEL MONTE CARO

Primo censitore
CALANDRI G.
Regione
LIGURIA
Provincia
IM
Comune
CHIUSANICO
Località
MONTE CARO
Dimensioni
Sviluppo reale
7.5
Sviluppo planimetrico
7
Estensione
5
Dislivello positivo
0
Dislivello negativo
1.5
Dislivello totale
1.5
Posizione dell'ingresso
Latitudine
43°58'11'' N
Longitudine
8°01'8''' E
Tipo di coordinate
Geografiche ED50
Tipo coordinate originali
CTR 1:10000 Geografiche ED50
Quota altimetrica
818
Quota GPS
1979
Valutazione dato
REVISIONE CATASTALE
Cavità archeologica
No
Cavità marina
No
Rischio ambientale
No
Idrologia
secca
Gruppi
GRUPPO SPELEOLOGICO IMPERIESE C.A.I.
Note
REVISIONE CATASTALE 2000
Dati di posizionamento da originale scheda Revisione Catastale

(A.V.)
Le coordinate consegnate sulla scheda catastale 2000 PDF sono incoerenti. erano segnate come 8°01'8''',45°58'11'' ma sono 8°01'8''',43°58'11''
RILIEVO
Descrizione
Piccola cavità tettonica sviluppata in corrispondenza di megastrati calcilutitici metrici della formazione di Sanremo-Saccarello. Angusto ingresso obliquo che immette in un basso cunicolo su interstrato in direzione SE. Il pavimento è occupato da terriccio e piccoli clastici. La cavità, sempre discendente, seguendo l'immersione della serie flyscioide, piega a destra riducendo progressivamente le dimensioni sino a chiudere, occupata completamente da pietrame eterometrico che caratterizza tutta la seconda parte della cavità.
Itinerario
Da Imperia Oneglia si segue la statale n.28 sino a Pontedassio. Dal paese si prende la rotabile per Diano Aretino, sorpassando le case de i Monti, sino al passo Grillarine, spartiacque tra valle Impero e Valli Dianesi. Qui, verso nord, inizia il sentiero (segnato) che seguendo grosso modo il filo di cresta supera i monti, Lesie, Chiappa d'Aretino, Abrighetti e Grimaldi. Quindi con marcato dislivello si raggiunge l'allungata cresta del Monte Caro. Il primo poggio è quotato 809 metri. Si prosegue sino al secondo poggio quotato 822,5, a sinistra (NE) del quale a poco più di 8 metri di distanza, sotto uno scalino roccioso si apre l'angusto ingresso della cavità.
1{_"REGIONE":"LI","PROV":"IM","NUM":"1093","SPECIF":"1","DATAGG":"2006-05-11","DRILEV":"2003-05-09","NOME":"TANETTA DEL MONTE CARO","SINON":null,"RAS":"N","COMUNE":"CHIUSANICO","LOCAL":"MONTE CARO","ACARCOD":null,"FM":null,"FMCOD":"ELM","AGE":"Cretaceo Superiore","SVILRE":"7.5","SVILPLAN":"7","ESTEN":"5","DPOS":"0","DNEG":"1.5","DTOT":"1.5","TC_01":"CTR 1:10000 Geografiche ED50","latitude":"43\u00b058'11'' N","longitude":"8\u00b001'8''' E","DC_01":"STELLANELLO 259010","SC_01":null,"AE_01":"1979","QA_01":"818","QC_01":null,"VD_01":"REVISIONE CATASTALE","IDRO":"secca","RILEVATORI":"CALANDRI G.","GRADORIL":"5D","GRUPPI":"GRUPPO SPELEOLOGICO IMPERIESE C.A.I.","NOTE":"REVISIONE CATASTALE 2000\r\nDati di posizionamento da originale scheda Revisione Catastale\r\n\r\n(A.V.)\r\nLe coordinate consegnate sulla scheda catastale 2000 PDF sono incoerenti. erano segnate come 8\u00b001'8''',45\u00b058'11'' ma sono 8\u00b001'8''',43\u00b058'11''","NOTE2":"RILIEVO","RCS":null,"ITINERARIO":"Da Imperia Oneglia si segue la statale n.28 sino a Pontedassio. Dal paese si prende la rotabile per Diano Aretino, sorpassando le case de i Monti, sino al passo Grillarine, spartiacque tra valle Impero e Valli Dianesi. Qui, verso nord, inizia il sentiero (segnato) che seguendo grosso modo il filo di cresta supera i monti, Lesie, Chiappa d'Aretino, Abrighetti e Grimaldi. Quindi con marcato dislivello si raggiunge l'allungata cresta del Monte Caro. Il primo poggio \u00e8 quotato 809 metri. Si prosegue sino al secondo poggio quotato 822,5, a sinistra (NE) del quale a poco pi\u00f9 di 8 metri di distanza, sotto uno scalino roccioso si apre l'angusto ingresso della cavit\u00e0.","DESCRIZIONE":"Piccola cavit\u00e0 tettonica sviluppata in corrispondenza di megastrati calcilutitici metrici della formazione di Sanremo-Saccarello. Angusto ingresso obliquo che immette in un basso cunicolo su interstrato in direzione SE. Il pavimento \u00e8 occupato da terriccio e piccoli clastici. La cavit\u00e0, sempre discendente, seguendo l'immersione della serie flyscioide, piega a destra riducendo progressivamente le dimensioni sino a chiudere, occupata completamente da pietrame eterometrico che caratterizza tutta la seconda parte della cavit\u00e0.","recordinsert":"2010-07-10 01:32:26","recordupdate":"2011-03-31 14:35:44","username":"admin","userupdate":"alessandrovernassa","marina":"N","archeologica":"N","rischioambientale":"N","chiusa":"N","data_verifica":null}
Dati compilazione
Data importazione
10/07/2010
Utente che ha inserito i dati
admin
Utente che ha aggiornato i dati
alessandrovernassa
Ultima modifica dei dati
31/03/2011

Coordinate:

Bibliografia

1996Il Pizzo d'Evigno: carateri geomorfologiciCALANDRI GilbertoVisualizza

Documentazione Delegazione Speleologica Ligure

la visualizzazione della documentazione DSL è riservata ai curatori, eseguire il login per visualizzare le schede

Scarica scheda per l'aggiornamento