"Regione","Provincia","Numero","SPECIF","Data agg. catastale","DRILEV","Nome","Altra denominazione","RAS","Comune","Località","Monte","Valle","ACAR","Area carsica","FM","Formazione","Età","Sviluppo reale","Sviluppo planimetrico","Estensione","Dislivello positivo","Dislivello negativo","Dislivello totale","Tipo di coordinate","Latitudine","Longitudine","Denominazione","Quota GPS","Edizione","Quota altimetrica","Quota cartografica","Valutazione dato","Idrologia","Inserita a catasto da","GRADORIL","GRUPPI","NOTE","DATARIL","Informazioni aggiuntive","Riferimenti a censimenti speciali","DATAAGG","ITINERARIO","DESCRIZIONE","Fauna","Sequenza pozzi","Percorribilità","Convertite da","Inserito","Ultima modifica","Inserita da","Aggiornata da","Cavità marina","Cavità archeologica","Rischio ambientale","Cavità chiusa","Cavità distrutta","Note relative a questa versione della scheda","Andamento","Posizione verificata sul campo da curatore","Data ultima verifica sul campo","Livello di visibilità dei dati","Immagine ingresso","Limita la visualizzazione del contenuto a questi gruppi","Cronologia catastale","Storia","Grotte collegate","Autori immagine ingresso","Autori testi descrizione","authorININERARIO","Autori testi Fauna","Autori testi Storia","Autori testi Itinerario","Meteorologia","Geologia","Note accesso alla grotta","Limits the edit of the content in these groups" "LI","GE","2041","0","","","GROTTA DEL LAGO FREDDO","","","RECCO","I","","","","CG_GE1","","FAN","","30","","","0","0","0","GPS Geografiche WGS84","44.37249 N","9.15274 E","","","","","","APPROSSIMATIVO","torrenti + laghi","ALESSANDRO VERNASSA","","","","","","","","","Cavità distrutta durante la costruzione del viadotto autostradale di Recco, attualmente è presente solamente il canale di scolo delle acque provenienti dalla cavità naturale","","","","","2018-10-07 14:16:15","2019-03-21 14:52:53","alessandrovernassa","alessandrovernassa","N","N","N","N","X","","ORIZZONTALE","","","","P1230060.JPG","","","","","","","","","","","","","","" "LI","GE","1873","","","","GROTTA PRESSO IL CASELLO DI NERVI","GROTTA DELL'OMETTO","","GENOVA","CASELLO DI GENOVA NERVI","","","","CG_GE1","","FAN","","6","3","","5","1","6","GPS Geografiche WGS84","44º 23' 48.8'' N","9º 00' 54.8''","","","","127","","","","LEO PAGANO","","ISSEL ","","","","","","dal Casello di Genova Nervi raggiungere via Palmiro Togliatti fino al campo di calcio. La grotta è raggiungibile risalendo il bosco fino ad intercettare la vecchia strada utilizzata da Autostrade. La grotta si apre sul lato della strada stessa.","La cavità alla base è ostruita da sassi e detriti, probabilmente è stata riempita durante i lavori autostradali. A pochi metri dalla grotta si apre un pozzetto verticale di 4 metri anch'esso ostruito da detriti. Pare che prima della chiusura fosse attraversata da un rigagnolo.","","","FACILE","","2015-01-17 12:12:24","2019-03-21 11:47:52","alessandrovernassa","alessandrovernassa","N","N","N","N","P","","","","","0","casello_nervi_ingresso.jpeg","","","","","Alessandro Vernassa","Alessandro Vernassa","","","","Alessandro Vernassa","","","","" "LI","GE","2045","0","","","RISORGENZA DELLA POLVERIERA","RATTAIOLA","","GENOVA","LAGACCIO","","","","CG_GE1","","FLY","","7","7","7","0","0","0","GPS Geografiche WGS84","44°25'51.7 N","8°55'03.8'' E","","","","201","","","cavità emittente temporanea","","","A.S.G. Sangiorgio S.C.Ribaldone","","","","","","Da Lagaccio risalire il sentiero ""Il Brucone"", quindi prendere il sentiero a destra che porta a una polveriera. L'ingresso si trova sul lato est, Durante i periodi di piena la grotta è completamente allagata","","","","","","2019-03-03 10:04:07","2019-03-04 09:12:23","alessandrovernassa","alessandrovernassa","","","","","","","ORIZZONTALE","","","","ingresso.jpeg","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","454","1","2007-11-30","1987-12-31","GROTTA DI MONTESORDO","","N","FINALE LIGURE","MONTESORDO","","","SAN BERNARDINO - ORCO","SV32","","","","20","0","0","0","0","0","GPS Geografiche WGS84","44.199305 N","8.311537 E","92 I SO CALICE LIGURE","300","0","320","","dato importato da file ozi Explorer di Enrico Massa","","BENSA P./MEIRANA","","G.S.L. A. ISSEL","","","","Archeologica","","","","","","","","2010-07-10 01:30:43","2019-02-09 13:19:33","admin","henrydesantis","N","S","N","N","","","","","","","IMG_20190209_130554_8.jpg","","","","","","","","","","","","","","" "Liguria","SV","2040","0","","","GROTTA DEL RIO MORTÁ","F94","","FINALE LIGURE","LACREMÁ","","","","SV32","","PDF","Miocene","10","","","0","0","0","GPS Geografiche WGS84","44°11'49.3” N","8°21'09.9'' E","","202","","","","Coordinate gentilmente fornite da Luca Sibona","completamente secca","HENRY DE SANTIS","","S.C. Ribaldone","","","","","","","","","","FACILE","","2018-10-07 13:57:31","2019-01-14 18:09:01","enricomassa","henrydesantis","N","N","N","N","","","ORIZZONTALE","","","","IMG_20190112_133345_5.jpg","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","484","1","2007-11-30","1987-12-31","GROTTA DEL FAGGIO","","N","FINALE LIGURE","BRIC SCALA","","","SAN BERNARDINO - ORCO","SV32","","","","30","0","0","0","0","0","GPS Geografiche WGS84","44°11'50.6'' N","8°21'04.1'' E","92 I SE FINALE LIGURE","245","0","225","","dato importato da file ozi Explorer di Enrico Massa","","MEIRANA/RAVACCIA C.","","G.S.L. A. ISSEL","","","","Archeologica","","","","","","","","2010-07-10 01:30:48","2019-01-13 22:22:50","admin","henrydesantis","N","S","N","N","","","","","","","IMG_20190112_122756_9.jpg","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SP","2044","0","","","POZZO BEFANA","","","RICCO' DEL GOLFO DI SPEZIA","","BERMEGO","","","SP38","","","","15","","","","15","","GPS Geografiche WGS84","44°07' 41.9'N","9°45'52''E","","","","561","","","","","","Speleo Club Ribaldone","","","","","","Da Pozzo si percorre la mulattiera per il lato ovest di Bermego, dopo 300 metri risalire il bosco per 300 metri fino a quota 560. È consigliato l'uso del gps.","La grotta è formata da un breve salto di 3 metri che immette in una strettoia direttamente collegata ad un pozzo perfettamente verticale di 10 metri con sezione 1,5m x 2.5m.","","","","","2019-01-01 21:29:27","2019-01-07 09:56:21","alessandrovernassa","alessandrovernassa","N","N","N","N","","","VERTICALE","","","","Pozzo_palanchini.jpg","","","La grotta è stata trovata nel dicembre 2017 da Henry De Santis e Alessandro Vernassa durante una battuta. Il 1 gennaio 2019 è stato allargato l'ingresso e scesa per i primi 4 metri. Il 6 gennaio 2018 dopo avere allargato la strettoia, è stato raggiunto il fondo per la prima volta da Alessandro Vernassa e Erik Edelman.","","Alessandro Vernassa","","","","","","","","","" "LI","SV","1940","","2009-03-07","","RIPARO DI SAN MARTINO","F323, GROTTA PINOCCHIO","","FINALE LIGURE","SAN MARTINO DI VEREZZI","ROCCHE DELL'ORERA","VALLE DEL RIO FINE","","SV29","","PDF","Miocene","15","15","15","0","0","0","UTM WGS84 Generiche","4890769.2","445554.3","","","","264","261","POSIZIONAMENTO MEDIANTE GPS","secca","FRANCESCO PISANO","","S.C.RIBALDONE","","","","","","","Piccolo riparo nei pressi della Cava di San Martino alla borgata Crosa di Verezzi","","","FACILE","","2016-01-01 19:52:45","2019-01-05 19:43:12","alessandrovernassa","enricomassa","","","","","","","ORIZZONTALE","","2009-03-07","","Pinocchio.jpg","","INSERITA A CATASTO DAL S.C. RIBALDONE, AGGIORNAMENTO CATASTALE GRUPPO SPELEOLOGICO SAVONESE, GRUPPO GROTTE BORGIO VEREZZI","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","179","1","2007-11-30","1987-12-31","TANA DELLA CAVA","F233","N","FINALE LIGURE","SAN MARTINO DI VEREZZI - CROSA","ROCCHE ORERA","VALLE DEL RIO FINE","BORGIO-CAPRAZOPPA","SV29","","PDF","Miocene","12","12","26","0","0","0","UTM WGS84 Generiche","4890803.3","445543.7","","","","256","256","posizionamento con GPS","SECCA","CODDE' E.","","G.S.L. A. ISSEL","ERA A CATASTO SENZA ALCUNA DESCRIZIONE, SAREBBE DA VERIFICARE CHE SI TRATTI EFFETTIVAMENTE DI QUELLA SEGNALATA DA CODDE'","","","","","","TRATTASI DI PICCOLA CAVITA' CHE SI APRE LUNGO LE PARETI DI UNA CAVA DI PIETRA DEL FINALE IN DISUSO. LA GROTTA E' PRESENTE NEL CATASTO DI BORBONESE CON LA SIGLA F233.","","","FACILE","","0000-00-00 00:00:00","2019-01-05 19:13:21","admin","enricomassa","N","S","N","N","","","ORIZZONTALE","X","2009-03-07","","","","","","","","HENRY DE SANTIS","","","","","","","","" "LI","SV","2043","0","","","BURANCO DELLA LUMACA","","","PIETRA LIGURE","CIAZZA MUNDA","MONTE CARMO","VALLE MAREMOLA","","SV24","","","","24","","","","12","","GPS Geografiche WGS84","44° 10.525","8° 11.841","","1195","","","","","","MAURIZIO GABUTI","","Associazione Speleologica Genovese San Giorgio","","","","","","","","","","","","2018-12-11 14:26:03","2018-12-13 08:59:46","alessandrovernassa","alessandrovernassa","","","","","","","VERTICALE","","","","vlcsnap-2018-12-11-12h56m30s080.png","","","Il minuscolo ingresso impercorribile è stato trovato durante una battuta nel 2014 da Luca e Roberto Panaro. La disostruzone dell'ingresso da parte del San Giorgio è iniziata nell'inverno 2016 e nello stesso periodo è stato sceso anche il primo pozzetto . La cavità è in corso di esplorazione ","","","","","","","","soffia in inverno","","","" "LI","SP","1041","1","","1987-12-31","RISORGENTE DI CASSANA","","N","BORGHETTO DI VARA","CASSANA-CANALE PRESSO MULINO DEL PONTE","","","LAMA DI LA SPEZIA","SP38","","","","2043","0","0","0","62","62","GPS Geografiche WGS84","44° 12' 40'' N","9° 41' 34''","95 IV SE LEVANTO","0","0","162","0","","cavità emittente permanente","ARENA P. - VIOTTO L.","","G.S.LUNENSE","","","fino al 2005, la grotta era percorribile solo per poche decine di metri dall’ingresso ed esclusivamente solo nel ramo attivo, in diverse esplorazioni successive venne trovato un ramo fossile al di sopra del ramo attivo che per 250 metri ( tratto blu ), percorribili in condizioni estreme, tra fango, strettoie e non ben precisati passaggi al di sotto di frane, si ricongiunge con il ramo principale ( tratto verde ), un meandro di rara bellezza che solo il trascorrere di milioni di anni può creare. Il percorso in questo tratto diventa più facile, e finalmente possiamo muoverci in posizione eretta, il meandro con i suoi 200 metri terminava su una frana concludendo una campagna di ricerca durata un decennio. Nel febbraio 2005 ,per un caso fortuito, la frana viene superata, rivelando oltre di essa un ambiente completamente nuovo sia come formazione che grandiosità (tratto rosso ). Ora, oltre al ramo principale, sempre percorso dall’acqua , esistono più livelli di gallerie che corrono parallele al ramo principale.","Cavità chiusa","","Sulla strada che dalla via Aurelia (statale n.1) porta a Cassana e quindi a Pignone, si prosegue fino ad attraversareil torrente (Canale di cassana) e quindi fino al primo tornantedella strada, in corrispondenza del bivio per Cassana. Sullastrada, lato a monte in corrispondenza del bivio, si apre questa cavità. ","","","","","","2010-07-10 01:32:17","2018-12-13 08:56:08","admin","alessandrovernassa","N","N","N","S","","","","X","2011-02-19","","Rilievo_Cassana_2009-ingresso.jpg","","","","1041","","","","","","","","","","" "LI","SV","2039","0","2018-10-02","","W LE BIMBE","","","BARDINETO","FRASCHERI","BRIC CORNAVENTO","RIO DELLE GORE","","SV20","","SPM","","380","380","206","0","-30","-30","WGS84 Generiche","44° 11' 7.45'","8° 8' 53''","","","","743","743","acquisizione mediante GPS","grotta assorbente temporanea + torrenti permanenti","ENRICO MASSA","","Gruppo Speleologico Savonese","La grotta W Le bimbe si sviluppa all’interno dell’area carsica di Bardineto, alle pendici del versante sud-ovest del Bric Cornavento. La cavità, un antico inghiottitoio ormai pressoché fossile, si apre in sponda destra al del Rio delle Gore, circa 3 metri sopra l’attuale alveo e, sviluppandosi parallelamente a questo, ne drena le portate di magra, costituendo di fatto, l’alveo sotterraneo perenne del tratto prossimo all’abitato di Bardineto. Il torrente in superficie si attiva esclusivamente in caso di piena mentre all’interno della cavità, le acque defluiscono verso valle sino ad un sifone attualmente intransitabile per poi essere raggiungere, per vie ad oggi ancora inesplorate, la zona delle le risorgenze delle Dotte, in località Frascheri, poche centinaia di metri più a nord ovest. Ad oggi purtroppo, stante l’assenza di verifiche dirette con traccianti idrologici, i deflussi ipogei del tratto terminale del Rio delle Gore, non risultano ancora individuati con precisione. Poco fuori dell’abitato di Bardineto, subito a monte del fabbricato della centrale del latte di Frascheri, si diparte una strada sterrata, che mediante un ponte in ferro, attraversa il Rio delle Gore e lo risale in sponda destra, per un circa 400 metri sino a pervenire a una verde radura, che si percorre interamente, costeggiando l’argine del rio, sino alla sua fine dove, dopo poche decine di metri, si guadagna l’ingresso della cavità.","","","","","","Complessivamente la grotta si sviluppa per circa 380 di metri, con un dislivello massimo di 30 metri, seguendo due principali lineazioni tettoniche pressoché parallele, impostate lungo un asse sud est-nord ovest. L’ingresso si presenta come un angusto pozzetto che, intasato da grossi ciottoli fluitati, è stato in occasione delle prime esplorazioni, adeguatamente allargato, fino a risultare umanamente percorribile. Con semplici passaggi verticali, disarrampicando tra i blocchi, si guadagna una prima galleria che, parallela all’alveo del Rio delle Gore, risale la valle per una ottantina di metri sino ad intersecare il ramo principale della grotta, ove scorre già citato corso d’acqua perenne. Verso monte è possibile risalire il fiume per un centinaio di metri, superando bassi laghetti, sino a passaggi decisamente angusti e tuttora intransitabili. Verso valle invece si procede, per oltre un centinaio di metri, in ambienti via via più ampi, sino a raggiungere il sifone terminale, posto a quota – 30 m circa dall’ingresso. Importanti accumuli fangosi testimoniano l’ormai prossimo livello della falda. Durante le esplorazioni, in concomitanza con un periodo particolarmente siccitoso, è stato possibile avanzare per un’altra cinquantina di metri, oltre il limite consueto del sifone terminale, senza peraltro consentire l0individuazione di ulteriori interessanti diramazioni. Attualmente le esplorazioni sono pertanto ferme, sia verso monte, che verso valle, su passaggi allagati, ma le osservazioni condotte in questi ultimi anni, lascerebbero ipotizzare che in occasione di periodi fortemente siccitosi, il livello delle acque potrebbe abbassarsi sufficientemente sino a rendere transitabili ulteriori possibili prosecuzioni. ","","","FACILE","","2018-10-02 23:40:11","2018-10-02 23:40:11","enricomassa","enricomassa","N","N","N","N","","","ORIZZONTALE","X","2018-10-02","0","","","2018-10-02 primo accatastamento","Esplorata dal GSS nell'anno 2009","","","","","","","",""," Il contesto geologico che caratterizza questo settore è rappresentato in primis da rocce carbonatiche dolomitiche (Serie sedimentaria del Brianzonese ligure), fortemente carsificabili, costituite da Dolomie di San Pietro dei Monti (Trias medio, Anisico-Ladinico), poste a tetto di un complesso impermeabile, saltuariamente anche affiorante per sovrascorrimenti (sulla sommità dei Campi Avoiai). Queste rocce impermeabili che, nonostante la loro natura, condizionano marcatamente lo sviluppo del carsismo e i deflussi idrici sia superficiali che ipogei, sono rappresentate da gneiss del Massiccio cristallino di Calizzano, metamorfiti pretriassiche (Porfiroidi del Melogno e Scisti di Gorra) e Quarziti di Ponte di Nava. ","accesso libero","" "LI","SV","1083","1","2018-09-30","1995-10-31","GROTTA DEL DELITTO","","N","NASINO","PENTENE","","RIO RAVINAZZO","RAVINAZZO","SV22","","SPM","Triassico Medio","30","22","10","4.1","14.9","19","CTR 1:10000 UTM","4887000 N","420432 E","245050 Castelbianco","","1980","799","810","","cavità assorbente permanente","REVETRIA G. E A.,ORTALE","5D","S.C. PANDA G.S.L. A. Issel","REVISIONE CATASTALE 1995 Dati di posizionamento da originale scheda Revisione Catastale","","RILIEVO","","","Oltre fraz.Vignolo si prosegue su strada sterrata risalendo la Valle del Rio Ravinazzo. Giunti al 1° tornante oltre i ruderi della chiesa di S.Pietro, si imbocca la pista a sinistra che porta a due prese d'acqua l'ultima delle quali in corrispondenza del Rio Ravinazzo. Si oltrepassa il Rio risalendo per breve tratto una grossa frana, tenendosi a destra. Si continua a risalire a destra nel bosco fino ad uno slargo (antica carbonaia) ai piedi di un torrione calcareo, da cui è visibile l'ingresso che si apre alla base di una parete rocciosa.","Cavità dalla morfologia piuttosto complessa posta in una zona di contatto tra i calcari della Val Tanarello ed un affioramento di Dolomie di S.Pietro ai Monti. La cavità si apre ai piedi di una piccola parete rocciosa con tre ingressi, due dei quali accessibili, disposti in diagonale. La grotta,nella sua parte iniziale è formata da due tratti principali.Il primo dei quali ascendente, al quale ne segue uno discendente, prevalentemente strutturato a gradoni che si conclude in una piccola camera. L'evoluzione della cavità è stata influenzata da tre sistemi di piani di erosione preferenziale, pressochè perpendicolari tra loro. Il primo di questi suborizzontale, è identificato dalla quota dell'ingresso superiore (y) (che individua un passaggio all'interno non praticabile), dalla quota dell'ingresso principale (o), e dai ripiani dei gradini del tratto discendente. Degli altri due sistemi ad andamento subverticale, il primo ha direzione NE-SO, ed è individuato dal pozzetto che collega l'ingresso superiore a quello principale, da un condottino verticale non percorribile (sez.R) e dallo stesso ramo discendente. Il secondo sistema, con orientazione NO-SE è identificato dalla direzione del tratto ascendente, dalle alzate dei gradini del tratto discendente e dalle litoclasi presenti nella parte terminale, una delle quali conduce all'esterno mediante un piccolo ingresso ostruito da detriti clastici. Il tratto ascendente e quello discendente risultano in parte sovrapposti e comunicanti tra loro tramite una serie di aperture. Il tratto ascendente si presenta asciutto e praticamente privo di concrezioni. Il tratto discendente, idrologicamente attivo, ha una morfologia gradonata, teminante in un deposito clastico a pavimento della parte più bassa. In corrispondenza dei ripiani gradonati sono presenti forme concrezionali ""a vaschetta"" ed a ""cavolfiore"". A tetto scarsa presenza di concrezioni, solo crostelli e depositi delle acque percolanti lungo i piani di frattura: La presenza d'acqua è costante durante tutto l'anno, anche se in modesta quantità, probabilmente derivata da stillicidio nella parte più interna della cavità. Durante il lavoro di rilievo è stata scoperta una prosecuzione della cavità in direzione opposta all'ingresso, che risale il condotto idrologicamente attivo. Il nome è dovuto al ritrovamento nella camera terminale del tratto discendente di due corpi umani occultati probabilmente nel periodo della 2^ guerra mondiale. ","Abbondante la fauna, specie nel tratto più prossimo all'ingresso: ortotteri (dolichopoda sp.), aracnidi (opiliones gen., aranae gen.) geotritone (speleomantes sp.), gasteropodi (oxychilus sp), lepidotteri.","","SEMPRE","","2010-07-10 01:32:25","2018-09-30 12:09:30","admin","andrearoccatagliata","N","N","N","N","","","ASCENDENTE - DISCENDENTE","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","1595","1","2010-09-23","","TANA NELLA GALLERIA ARTIFICIALE","","N","AQUILA DI ARROSCIA","GALLERIA RIO FERRAIA","","","PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","IM12","","","","10.5","7.5","0","7","0","7","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","44°06'22'' N","4°28'39'' Ovest di Monte Mario","NASINO 92 III NO","","0","770","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","AGGIORNAMENTO AL CATASTO SPELEOLOGICO LIGURE CAVITA' DELL'IMPERIESE DAL N.1501 AL N.1600 LI/IM","","","","","Le grotte della Val Ferraia si raggiungono o seguendo il sentiero che parte all'inizio della strada per la Diga di Ferraia, o da quest'ultima traversando la galleria artificiale, per la condotta, lunga ca. 80 metri. Da Aquila d'Arroscia (7 km dalll'ex statale n.483 della Valle d'Arroscia) seguendo la rotabile (ca.2 km) per il passo di San Giacomo, quindi continuando in direzione di Caprauna, per quasi 2 km: l'inizio del sentiero è ben indicato. SI scende a destra per ca. 200 m sino al primo bivio (frecce in legno). Si prosegue in discesa traversando un piccolo rio. Il sentiero scende ripidamente con una serie di tornanti e si prosegue lungo la base delle balze sino al grande cavernone dell'Arma Ravinella e poco avanti alla cavernetta vicina.Da qui il percorso continua suborizzontale sino ad un poggetto, per poi scendere nella boscaglia sino alla base della balza per poi salire ripidamente seguendo il tracciato della condotta proveniente dalla diga di Ferraia, al bivio si prosegue in orizzontale lungo la parete sino a portarsi poco prima della galleria artificiale. Dall'ingresso superiore si percorre la galleria artificiale per ca 25 m: in volta si apre l'ingresso parzialmente disostruito della cavità.","Dall'ingresso superiore, si percorre la galleria arificiale per ca. 25 m: in volta (a +3,4 m dal pavimento) si apre l'ingresso parzialmente disostruito della cavità. E' una grotticella fossile, su frattura subverticale, a direz. ca. N-S, dovuta all'erosione ed alla dissoluzione delle acque scorrenti lungo il piano della litoclasi. La parte superiore presenta potenti depositi di piccoli ciottoli fortemente arrotondati e terriccio. Il percorso dopo lo stretto ingresso tra i massi risale lungo la stretta galleria ascendente sino ad una stanzetta intasata dai riempimenti.","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-08-31 09:21:24","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","1596","1","2010-09-23","","CONDOTTO SOPRA IL TUVU","","N","AQUILA DI ARROSCIA","RIVA DX RIO FERRAIA","","","PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","IM12","","","","31","31","0","1","0","1","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","44°06'23'' N","4°28'39'' Ovest di Monte Mario","NASINO 92 III NO","0","0","765","0","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","AGGIORNAMENTO AL CATASTO SPELEOLOGICO LIGURE CAVITA' DELL'IMPERIESE DAL N.1501 AL N.1600 LI/IM Descrizione ed Itinerario da ""Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira"" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)","","","","","Le grotte della Val Ferraia si raggiungono o seguendo il sentiero che parte all'inizio della strada per la Diga di Ferraia, o da quest'ultima traversando la galleria artificiale, per la condotta, lunga ca. 80 metri. Da Aquila d'Arroscia (7 km dalll'ex statale n.483 della Valle d'Arroscia) seguendo la rotabile (ca.2 km) per il passo di San Giacomo, quindi continuando in direzione di Caprauna, per quasi 2 km: l'inizio del sentiero è ben indicato. SI scende a destra per ca. 200 m sino al primo bivio (frecce in legno). Si prosegue in discesa traversando un piccolo rio. Il sentiero scende ripidamente con una serie di tornanti e si prosegue lungo la base delle balze sino al grande cavernone dell'Arma Ravinella e poco avanti alla cavernetta vicina.Da qui il percorso continua suborizzontale sino ad un poggetto, per poi scendere nella boscaglia sino alla base della balza per poi salire ripidamente seguendo il tracciato della condotta proveniente dalla diga di Ferraia, al bivio si prosegue in orizzontale lungo la parete sino a portarsi poco prima della galleria artificiale. All'uscita della galleria artificiale, a sinistra si annalza un deposito di tufo calcareo, alla sommità del quale si apre la cavità","Grotticella, ora fossile, legata all'azione erosiva(e di deposito litochimico) di un ruscelletto che è stato intercettato e deviato dallo scavo del tunnel. Si sviluppa su un sistema di litoclasi a direz. ca. NW-SE. Un basso cunicolo con pietrame porta ad un incrocio di piccole diramazioni (una delle quali ritorna all'esterno). DOpo ca. 8 m il condotto si allarga evidenziando una morfologia freatica in volta con successivi approfondimenti gravitazionali. Notevoli i depositi calcitici, specie colate stalattitiche. La galleria, su frattura verticale diviene sempre più stretta sino ad essere impraticabile.","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-08-31 09:21:09","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","1591","1","2010-09-24","","GROTTICELLA DEL TUFO","","N","BORGHETTO D'ARROSCIA","RIVA SIN. RIO FERRAIA","","","","","","","","6","6","0","1","0","1","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","44°06'24''.5 N","4°28'39'' Ovest di Monte Mario","NASINO 92 III NO","0","0","740","0","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","AGGIORNAMENTO AL CATASTO SPELEOLOGICO LIGURE CAVITA' DELL'IMPERIESE DAL N.1501 AL N.1600 LI/IM","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-08-31 09:20:21","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","1597","1","2010-09-23","","TANETTA SOTTO IL CUPA'","","N","AQUILA DI ARROSCIA","RIVA DX RIO FERRAIA-CUPA'","","","PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","IM12","","","Giurassico Superiore","5","5","0","0.5","0","0.5","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","44°06'24'' N","4°28'37'' Ovest di Monte Mario","NASINO 92 III NO","0","0","780","0","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","AGGIORNAMENTO AL CATASTO SPELEOLOGICO LIGURE CAVITA' DELL'IMPERIESE DAL N.1501 AL N.1600 LI/IM ","","","","","Le grotte della Val Ferraia si raggiungono o seguendo il sentiero che parte all'inizio della strada per la Diga di Ferraia, o da quest'ultima traversando la galleria artificiale, per la condotta, lunga ca. 80 metri, Da Aquila d'Arroscia (7 km dalll'ex statale n.483 della Valle d'Arroscia) seguendo la rotabile (ca.2 km) per il passo di San Giacomo, quindi continuando in direzione di Caprauna, per quasi 2 km: l'inizio del sentiero è ben indicato. SI scende a destra per ca. 200 m sino al primo bivio (frecce in legno). Si prosegue in discesa traversando un piccolo rio. Il sentiero scende ripidamente con una serie di tornanti e si prosegue lungo la base delle balze sino al grande cavernone dell'Arma Ravinella e poco avanti alla cavernetta vicina.Da qui il percorso continua suborizzontale sino ad un poggetto, per poi scendere nella boscaglia sino alla base della balza per poi salire ripidamente seguendo il tracciato della condotta proveniente dalla diga di Ferraia, al bivio si prosegue in orizzontale lungo la parete sino a portarsi poco prima della galleria artificiale. A sinistra il sentiero sale fino al grandioso antro dell'Arma do Cupà. La tanetta si apre una ventina di metri sotto il suo limite settentrionale.","Piccola cavernetta suborizzontale, su asse WSW-ENE, con modeste modificazioni termoclastiche, al contatto con i calcari scistosi. La stanzetta terminale, con concrezioni ""a cavoletto"", è sviluppata sul contatto stratigrafico (asse NNE-SSW, incl. ca. 50°)","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-08-31 09:19:58","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","1593","1","2010-09-24","","CAVERNETTA DELLA BOMBOLA","","N","AQUILA DI ARROSCIA","RIVA DX RIO PENNAVAIRA","","","PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","IM12","","","","7","7","0","0","0","0","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","44°06'30''.5 N","4°28'05'' Ovest di Monte Mario","NASINO 92 III NO","0","0","595","0","APPROSSIMATO","","","","G.S.IMPERIESE CAI","AGGIORNAMENTO AL CATASTO SPELEOLOGICO LIGURE CAVITA' DELL'IMPERIESE DAL N.1501 AL N.1600 LI/IM Itinerario e Descrizione da ""Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira"" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)","","","","","Si raggiunge da Alto, percorrendo (sotto S.Bastiano) la vecchia carreggiabile per Caprauna per poco più di un chilometro, poi, a sinistra, un sentierino scende al Pennavaira, in corrispondenza di un forno a calce, di fronte al quale si apre il grandioso ingresso dell'Arma Crosa. Dall'Arma Crosa si scende, in riva destra, il Pennavaira per oltre 300 m, superando una caratteristica ansa-promontorio, oltre la quale, sotto una piccola paretina, si apre l'ingresso subrettangolare di una cavità non ancora censita a catasto. Da qui si prosegue a valle per una trentina di metri, sino all'allungata apertura subrettangolare della Cavernetta.","La grotticella invasa ancor oggi dalle piene del Pennavaira (riempimenti detritici sabbiosi, vegetali e ...antropici!!) è un basso riparo, a pianta subtriangolare, al contatto con i calcari scistosi. Modesti depositi clastici. Genesi erosiva legata alle acque esterne","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-08-31 09:17:55","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","1598","1","2010-09-23","","CAVERNETTA SOTTO ZONA RISSO","GROTTICELLA SOTTO RISSO","N","AQUILA DI ARROSCIA","RISSO","","","PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","IM12","","","","12","11.5","0","0","3","3","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","44°06'25'' N","4°28'07'' Ovest di Monte Mario","NASINO 92 III NO","0","0","740","0","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","AGGIORNAMENTO AL CATASTO SPELEOLOGICO LIGURE CAVITA' DELL'IMPERIESE DAL N.1501 AL N.1600 LI/IM Itinerario e Descrizione da ""Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira"" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.","","","","","Dalla rotabile Passo S.Giacomo (da Aquila) verso Caprauna dopo la Rocca del Bozzaro si prende (segnaletica) l'itinerario verso Giera e Ravinella, al bivio, dopo il dosso erboso, si scende (segnavia) sino all'apertura subtriangolare, contornata di muschi e felci della cavità A Giera. Da qui si ritorna sul sentiero principale che, più avanti, traversato, un piccolo rio, prende a scendere lungo il ripido pendio per una quarantina di metri. Sotto un grande masso c'è il piccolo ingresso subquadrangolare della cavernetta.","E' una piccola cavità tettonica: tra grossi blocchi si scende in una saletta suborizzontale, orientata a sud, con il pavimento cosparso di pietrame, che chiude dopo una decina di metri. In alto, verso SE, termina dopo pochi metri una breve diramazione anch'essa legata ai processi clastici.","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-08-31 09:14:41","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","304","1","2009-12-12","1987-12-31","O PERTUSELLO","GROTTA DEL PERTUSELLO","N","","RIVA DX","","","PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","IM12","","","","47","46","0","6","0","6","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","44°06'16'' N","4°27'13'' Ovest di Monte Mario","92 III NO NASINO","","0","570","","","","CALANDRI G. (GSI) - NOBERASCO M. (SCP) 2001","","G.S.I.-S.C.P.","Coordinate, Itinerario e Descrizione da ""Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira"" (G. Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.)","","","","","Seguire la provinciale da Martinetto (6 km da Albenga) verso Alto, sotto il paese ad un netto tornante (da cui si sviluppa la vecchia carreggiabile per Caprauna) si prende, un sentierino che a stretti tornanti scende al rio Pennavaira, traversato il quale ci si trova di fronte all'allungato ingresso dell'Arma della Stefanin. Da qui, risalendo (in riva dx) il Pennavaira tra enormi massi, dopo la prima ansa si risale il ripidissimo pendio (difficile) sino alla base della balza alta, dove si apre il Pertusello (raggiungibile dal ponte della vecchia mulattiera tra Alto e Aquila, verso valle poi risalendo per incerte tracce sino alla base della falesia alta). Entrambi i percorsi sono attualmente pericolosi.","E' uno dei più estesi cavernoni della Pennavaira: spettacolare è il grande ingresso triangolare diviso alla base da imponenti blocchi di crollo. Il vasto sale iniziale (impostato su frattura N210°) a pianta subrettangolare, ha una superficie di ca. 300 mq, caratterizzato da pietrame collassato e depositi concrezionari. Si sale quindi tra grandi colate di calcite, con vasche. Tutto il settore sino al termine è costituito da gallerie e cunicoli contorti: ci si muove tra continui, potenti depositi litogenetici. La varietà e grandiosità dei depositi è, a tratti, spettacolare: colonne, formazioni stalattitiche e stalagmitiche, con colorazioni bianco latte - arancio.","","","","","2010-07-10 01:30:19","2018-08-31 09:12:29","admin","henrydesantis","N","S","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","257","1","2009-12-12","1987-12-31","ARMA DELLO STEFANIN","ARMA ARMA - SCURA SCUA","N","AQUILA DI ARROSCIA","","","","PENNAVAIRA - ROCCA DEL BOZZARO","IM12","","","Eocene","21","21","0","2","0","2","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","44°06'13'' N","4°27'03'' Ovest di Monte Mario","92 III NO NASINO","","0","440","","","","LEALE/ANFOSSI M. - CALANDRI G. (1990)","","G.S.IMPERIESE CAI","Coordinate, Itinerario e Descrizione da ""Carsismo e Grotte dell'Alta Val Pennavaira"" (G.Calandri Gruppo Speleologico Imperiese C.A.I.","","","","","Seguire la provinciale da Martinetto (16 km da Albenga) verso Alto, sotto il paese ad un netto tornante (da cui si sviluppa la vecchia carreggiabile per Caprauna) si prende un sentierino che a stretti tornanti scende al rio Pennavaira, traversato il quale ci si trova di fronte all'allungato ingresso dello Stefanin.","L'apertura, subrettangolare, a volta leggermente arcuata, è larga ca. 25 m (alta ca. 3 m). La caverna è costituita da un'unica sala, a pianta grossolanamente semicircolare, leggermente ascendente verso NW. Il suolo è stato fortemente rimaneggiato dalle ricerche archeologiche (in particolare il settore centrale con una profonda fossa che taglia tutto il deposito terrigenodetritico). Sul lato orientale il riparo si abbassa in una saletta col pavimento di crostoni stalagmitici e clastici eterometrici a spigoli vivi. Verso Ovest si sviluppa l'ampia sala (ca 20 x 20) con il suolo leggermente ascendente caratterizzato da grandi depositi litochimici con imponenti formazioni colonnari, stalagmitiche,colate (sino a dimensioni plurimetriche); spettacolari, in parte tuttora attivi, i duomi stalagmitici conici, di colore grigio mattoncino-arancione. La formazione dei depositi mammellonari è dovuta all'apporto delle acque di percolazione lungo i piani prevalentemente subverticali delle litoclasi. La genesi della cavità è legata proprio alle acque di percolazione, con processi di dissoluzione e soprattutto innescando processi di crollo, favoriti dal contatto con gli scisti (grandi blocchi collassati sono stati evidenziati dagli scavi archeologici.","","","","","2010-07-10 01:30:12","2018-08-31 09:11:47","admin","henrydesantis","N","S","N","N","","","","","","","2015-10-24 12.38.47.jpg","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","101","1","2007-11-30","1987-12-31","GROTTA DI CAPO NOLI","GROTTA DEI BANDITI;GARBASSO;GROTTA DEI FALSARI","N","NOLI","MALPASSO","","","MANIE - CAPO NOLI","SV31","","","","50","36","0","0","-6","6","UTM WGS84 Generiche","4893557","453799","92 I SE FINALE LIGURE","80","0","80","0","dato importato da file ozi Explorer di Enrico Massa","","BENSA P./CODDE' E.","","G.S.L. A. ISSEL","","","","Archeologica","","","","","","","","2010-07-10 01:29:49","2018-08-27 09:23:42","admin","alessandrovernassa","N","S","N","N","","","","","","","falsari.jpg","","","","","Alessandro Vernassa","","","","","","","","","" "LI","IM","1501","1","2010-09-23","","GROTTA PICCOLA MARINA DE' LA ROCCA","","N","VENTIMIGLIA","PUNTA DELLA ROCCA","","","","","","","","20","20","0","2","0","2","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","43°47'19''.5 N","4°51'22'' Ovest di Monte Mario","102 III NE VENTIMIGLIA","0","0","5","0","","","","","SPELEO CLUB SANREMO","AGGIORNAMENTO AL CATASTO SPELEOLOGICO LIGURE CAVITA' DELL'IMPERIESE DAL N.1501 AL N.1600 LI/IM","","","Cavità marina","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-07-12 14:31:34","admin","henrydesantis","S","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","1502","1","2010-04-10","","GROTTA GRANDE MARINA DE' LA ROCCA","","N","VENTIMIGLIA","PUNTA DELLA ROCCA","","","","","","","","30","20","0","2","0","2","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","43°47''21'' N","4°51'22''.5 Ovest di Monte Mario","102 III NE VENTIMIGLIA","0","0","3.5","0","","","","","SPELEO CLUB SANREMO","AGGIORNAMENTO AL CATASTO SPELEOLOGICO LIGURE CAVITA' DELL'IMPERIESE DAL N.1501 AL N.1600 LI/IM","","","Cavità marina","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-07-12 14:30:22","admin","henrydesantis","S","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","217","1","2007-11-30","1987-12-31","GROTTICELLA DELLA CAVA DI PERTI","","N","FINALE LIGURE","PERTI","","","CARPANEA - ROCCA DI PERTI","SV30","","PDF","Miocene","0","8","0","0","0","0","Gauss Boaga Generiche","4893545","1444798","92 I SO CALICE LIGURE","240","0","240","","","","FRANCISCOLO M.","","G.S.L. A. ISSEL","Distrutta da una cava di pietra di finale","","RILIEVO STORICO BOLZANETO","","","","","","","","","2010-07-10 01:30:05","2018-06-28 23:17:39","admin","henrydesantis","N","N","N","N","X","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","IM","610","1","","1987-12-31","IL PERTUSO","","N","TRIORA","GOINA","","","ALTA VALLE ARGENTINA","IM7","","","","130","114","0","0","-11","11","Gauss Boaga Generiche","4877389","1400936","91 II SO MENDATICA","","0","","","","","CALANDRI G.","","GRUPPO SPELEOLOGICO IMPERIESE C.A.I.","","","","","","","","","","","","2010-07-10 01:31:07","2018-06-11 19:13:32","admin","henrydesantis","N","S","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1708","1","2005-06-28","","TANA R1 - RATTI","","N","","Collabassa","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","9","0","9","","0","","CTR 1:10000 UTM","4883450","432845","BARDINETO 245.4","","0","520","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1708 Tana R 1- Ratti. Ceriale, Collabassa, costiera Poggio Ceresa-M.Pesalto. BARDINETO 245.4. |8° 09’ 44”;|44° 06’ 01”|. 432845 883450. Q. 520. D, +1 ca. Ls.9+; Lp.9+.Rp.: G.C. B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:49:21","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1709","1","2005-06-28","","TANA R2 - RATTI","","N","","Collabassa","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","7","0","6","2.5","0","2.5","CTR 1:10000 UTM","4883450","432845","BARDINETO 245.4","","0","525","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1709 Tana R 2- Ratti. Ceriale, Collabassa, costiera Poggio Ceresa-M.Pesalto. BARDINETO 245.4. |8° 09’ 44”;|44° 06’ 01”|. 432845 883450. |Q. 525. D.+2,5. Ls.7; Lp.6,3. R.: G.C, B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:49:01","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1710","1","2005-06-28","","TANA R3 - RATTI","","N","","Collabassa","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","12","0","12","2","0","2","CTR 1:10000 UTM","4883440","432800","BARDINETO 245.4","","0","515","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1710 Tana R 3- Ratti. Ceriale, Collabassa, costiera Poggio Ceresa-M.Pesalto. BARDINETO 245.4. |8° 09’ 42”,5;|44° 06’ 01”,5 (appross.). 432800 883440. |Q. 515 ca. D.+2. Ls.12+; Lp.12+- Rp.: G.C.-M.B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:48:46","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1657","1","2005-06-28","","GARBU DU ROCCU LONGU","","N","","Collina Bassetto","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","24","22","0","4","1","5","CTR 1:10000 UTM","4882130","431300","VILLANOVA D’ALBENGA 245.3","","0","180","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1657 Garbu du Roccu Longu. Cisano sul Neva, Collina Bassetto. VILLANOVA D’ALBENGA 245.3. |8° 08’ 30”;|44° 05’ 18”|. 431300 882130. |Q. 180 ca. D.+4; -1. Svs.24; Svp.22. Ls.14; Lp.12. R.: G.C.-M.B. (4; 6). ","","RILIEVO","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:44:23","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1658","1","2005-06-28","","GARBU DU MISCHE'","","N","","Collina Bassetto","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","0","0","0","3","0","3","CTR 1:10000 UTM","4882000","431280","VILLANOVA D’ALBENGA 245.3","","0","155","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1658 Garbu du Michè. Cisano sul Neva, Collina Bassetto. VILLANOVA D’ALBENGA 245.3. |8° 08’ 29”,5;|44° 05’ 18” (appross.). 431280 882000. |Q. 155 ca. D.+3. Svs.?. Ls.10; Lp.9. R.: G.C. B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:44:09","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1659","1","2005-06-28","","GARBU A TRE BUCCHE","","N","","Collina Bassetto","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","11","11","0","1","0","1","CTR 1:10000 UTM","4881860","431330","VILLANOVA D’ALBENGA 245.3","","0","185","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1659 Garbu a tre Bucche. Cisano sul Neva, Collina Bassetto. VILLANOVA D’ALBENGA 245.3. |8° 08’ 33”;|44° 05’ 10”|. 431330 881860. |Q. 185 ca. D.+1. Svs.11; Svp.11. Ls.7; Lp.7: R.:G.C.-G.R. B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:43:56","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1660","1","2005-06-28","","GROTTA DELLA STRETTOIA","","N","","Collina Bassetto","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","25","22","0","2","0","2","CTR 1:10000 UTM","4881810","431410","VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3","","0","180","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1660 Grotta della Strettoia (Garbu du Bassettu). Cisano sul Neva, Collina Bassetto. VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3. |8° 08’ 36”;|44° 05’ 07”,5. 431410 881810. Q. 180 ca. D.+2. Svs.25; Svp.22. Ls.20; Lp.19. R.: G.C. B. (4; 6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:43:22","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1661","1","2005-06-28","","GARBU DELL' ARCU","","N","","Collina Bassetto","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","0","0","0","0","0","0","CTR 1:10000 UTM","4881800","431410","VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3","","0","190","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1661 Garbu de l’Arcu (Tana della Volpe). Cisano sul Neva, Collina Bassetto. VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3. |8° 08’ 35”,5;|44° 05’ 07”|. 431410 881800. |Q. 190. D.0. Svs.?. Ls.6; Lp.6. R.: G.C. B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:43:07","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1662","1","2005-06-28","","GARBU DE' OSSA","","N","","Collina Bassetto","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","0","0","0","0","0","0","CTR 1:10000 UTM","4881220","431400","VILLANOVA D’ALBENGA n°245.3","","0","165","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1662 Garbu delle Ossa (Garbu de Anne). Cisano sul Neva, Collina Bassetto. VILLANOVA D’ALBENGA n°245.3. |8° 08’ 36”;|44° 05’ 08”|. 431400 881220. |Q. 165 ca. D.0. Svs.?. Ls.6,5; Lp.6,5. R.: G.C.-M.B. (4; 6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:42:52","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1663","1","","","POZZETTO 1° DI RIO BEGUDDA","","N","","Rio Begudda","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","12","0","8","0","6","6","CTR 1:10000 UTM","4882610","431340","VILLANOVA D’ALBENGA 245.3","","0","155","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1663 Pozzetto I del Rio Begudda. Cisano sul Neva, Rio Begudda. VILLANOVA D’ALBENGA 245.3. |8° 08’ 32”,5;|44° 05’ 33”|. 431340 882610. |Q. 155 ca. D.-6. Ls.12,3; Lp.8. R.: G.C. B. (6). ","","","","","","","","","","","2010-07-10 01:33:25","2018-06-02 17:42:34","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1664","1","","","POZZETTO 2° DI RIO BEGUDDA","","N","","Rio Begudda","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","29","24","0","0","7","7","CTR 1:10000 UTM","4882540","431342","VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3","","0","140","","","","","","S.C.PANDA/G.S.IMPERIESE","Importato automaticamente, dato originale: 1664 Pozzetto II del Rio Begudda. Cisano sul Neva, Rio Begudda. VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3. |8° 08’ 33”;|44° 05’ 31”|. 431342 882540. |Q. 140. D.-7. Svs.29; Svp.24. Ls.21; Lp.19. R.: G.C.-M.B. (6). ","","","","","","","","","","","2010-07-10 01:33:26","2018-06-02 17:42:19","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1665","1","2005-06-28","","POZZO URBIS","","N","","Bruciata","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","60","31","0","0","30.5","30.5","CTR 1:10000 UTM","4882570","431070","VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3","","0","130","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1665 Pozzo Urbis. Cisano sul Neva, Loc.Bruciata. VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3. |8° 08’ 22”;|44° 05’ 33”|. 431070 882570. Q. 130 ca. D.-30,5. Svs.60; Svp.31. B. (6; 10). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:42:03","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1666","1","2005-06-28","","ARMA DEI COLOMBI","","N","","Bruciata","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","7","0","5","1.5","0","1.5","CTR 1:10000 UTM","4882570","431060","VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3","","0","130","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1666 Arma dei Colombi (Tana da Picciuna). Cisano sul Neva, Loc.Bruciata. VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3. |8° 08’ 21”,5;|44° 05’ 33”|. 431060 882570. |Q. 130 ca. D.+1,5. Ls.7; Lp.5. R.: G.C. B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:41:48","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1667","1","2010-04-10","2002-02-17","POZZETTO 2° ROCCA FALCO","","N","","Costiera M.Ceresa-Poggio Grande","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","Giurassico Inferiore","24","18","17","0","11.6","11.6","CTR 1:10000 UTM","4884167","432700","BARDINETO 245.4","","1977","698","","REVISIONE CATASTALE","completamente secca","G.CALANDRI (G.S.IMPERIESE), M.NOBERASCO (SPELEO CLUB PANDA)","5D","S.C.PANDA/G.S.IMPERIESE","Importato automaticamente, dato originale: 1667 Pozzo II Rocca di Falco. Cisano sul Neva, Costiera M.Ceresa-Poggio Grande. BARDINETO 245.4. |8° 09’ 32”;|44° 06’ 24”,4. 432700 884167. |Q. 698. D.-11,6. Svs.24; Svp.18,5. R.: G.C.-M.B. (6). ","","RILIEVO","","","","","","","","","2010-07-10 01:33:26","2018-06-02 17:41:33","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1669","1","","","GARBU DU VIO'","","N","","Versante meridionale Poggio Grande","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","16","0","8","0","8","8","CTR 1:10000 UTM","4884030","433135","BARDINETO n° 245.4","","0","565","","","","","","S.C.PANDA/G.S.IMPERIESE","Importato automaticamente, dato originale: 1669 Garbu du Viò. Cisano sul Neva, Versante meridionale Poggio Grande. BARDINETO n° 245.4. |8° 09’ 52”,5;|44° 06’ 20”,5. 433135 884030. |Q. 565 ca. D.-8. Ls.16; Lp.8. R.: G.C.-M.B. (6). ","","","","","","","","","","","2010-07-10 01:33:26","2018-06-02 17:41:18","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1668","1","2005-06-28","","CAVERNETTA RIO MADONNA","","N","","Versante meridionale Poggio Grande","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","29","22","0","0","8","8","CTR 1:10000 UTM","4884150","433280","BARDINETO n° 245.4","","0","580","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1668 Cavernetta del Rio Madonna. Cisano sul Neva, Versante meridionale Poggio Grande. BARDINETO n° 245.4. |8° 09’ 29”;|44° 06’ 25”|. 433280 884150. |Q. 580 ca. D.-8. Svs.29,5; Svp.22. Ls.24; Lp.17. R.: G.C.-M.B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:40:49","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1670","1","2010-04-10","2001-12-23","GROTTA DU BUNIN","RISORGENZA DI CISANO 2","N","","Rio Buni","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","CMV","Pliocene","29","20","18","0","15","15","CTR 1:10000 UTM","4882010","432055","VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3","","1977","51","","REVISIONE CATASTALE","completamente secca","CALANDRI G.","5D","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1670 Grotta du Bunin (Risorgenza di Cisano II). Cisano sul Neva, Rio Buni. VILLANOVA D’ALBENGA n° 245.3. |8° 09’ 05”,3;|44° 05’ 15”|. 432055 882010. |Q. 51. D.-15. Svs.29; Svp.20. R.: G.C.-G.R. B. (6; 10). ","","RILIEVO","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:40:22","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1694","1","2005-06-28","","TANA ARMANDO","","N","","riva sx.Rio Auzza","","","","","","","","8","0","7","1.5","0","1.5","CTR 1:10000 UTM","4884420","431710","BARDINETO 245.4","","0","275","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1694 Tana Armando. Zuccarello, riva sx.Rio Auzza. BARDINETO 245.4. |8° 08’ 48”;|44° 06’ 32”|. 431710 884420. |Q. 275. D.+1,5. Ls.8; Lp.7,5. R.: G.C. B. (6; 8). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:38:07","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1692","1","2005-06-28","","TANA I DELLE BRECCE DELL'AUZZA","","N","","Valle Rio Auzza","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","7","0","6","","0","","CTR 1:10000 UTM","4884500","431700","BARDINETO 245.4","","0","300","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1692 Tana I delle Brecce dell’Auzza. Zuccarello, Valle Rio Auzza. BARDINETO 245.4. |8° 08’ 47”; |44° 04’ 34”|. 431700 884500. |Q. 300 ca. D, +4. Ls.7; Lp.6. R.: G.C. B. (6; 8). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:37:08","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1693","1","2005-06-28","","TANA II DELLE BRECCE DELL'AUZZA","","N","","Valle Rio Auzza","","","MONTE ACUTO - PICARO","SV23","","","","9","0","8","4.5","0","4.5","CTR 1:10000 UTM","4884500","431700","BARDINETO 245.4","","0","300","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1693 Tana II delle Brecce dell’Auzza. Zuccarello, Valle Rio Auzza. BARDINETO 245.4. |8° 08’ 47”;|44° 06’ 34”|. 431700 884500. |Q. 300 ca. D.+4,5. Ls.9; Lp.8. R.: G.C. B. (6; 8). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:36:54","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1696","1","2005-06-28","","TANA SOTTO POGGIO GRANDE","","N","","Vecersio","","","","","","","","8","0","7","","0","","CTR 1:10000 UTM","4885730","431110","BARDINETO 245.4","","0","570","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1696 Tana sotto Poggio Grande. Castelvecchio Rocca Barbena, Vecersio, versante meridionale Rocca Pian dei Prati. BARDINETO 245.4. |8° 08’ 30”;|44° 07’ 14”,5. 431110 885730. |Q. 570 ca. D, +2. Ls.8; Lp.7,5. R.: G.C. B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:35:32","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1697","1","2005-06-28","","TANA SOPRA IL RIO BOSSOLASCO","","N","","versante settentrionale Rio Bossolasco","","","","","","","","10","0","9","0","2.6","2.6","CTR 1:10000 UTM","4888156","426310","BARDINETO 245.4","","0","458","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1697 Tana sopra il Rio Bossolasco. Erli, versante settentrionale Rio Bossolasco. BARDINETO 245.4. |8° 04’ 44”;|44° 08’ 31”,5. 426310 888156. Q. 458. D.-2,6. Ls.10; Lp.9. R.:G.C. B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:31:18","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1698","1","2005-06-28","","TANA DEL BRIC ARZINNA","","N","","Berrioli","","","","","","","","7","0","6","2.4","0","2.4","CTR 1:10000 UTM","4888751","426799","BARDINETO 245.4","","0","563","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1698 Tana del Bric Arzenna. Erli, Berrioli, Bric Arzenna occidentale. BARDINETO 245.4. |8° 05’ 05”;|44° 08’ 51”|. 426799 888751. |Q. 563. D.+2,4. Ls.7; Lp.6: R.: G.C. B. (6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:31:04","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1699","1","2005-06-28","","GARBU A DUE BUCCHE","","N","","Cerri","","","","","","","","13","0","11","3","0","3","CTR 1:10000 UTM","4890510","426620","BARDINETO 245.4","","0","710","","","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1699 Garbu a due bucche. Erli, Cerri, riva sx, Rio di Gazzo. BARDINETO 245.4. |8° 04’ 58”;|44° 10’ 01”|. 426620 890510. |Q. 710 ca. D.+3. Ls.13; Lp.11. R.: G.C. B. (4; 6). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:30:55","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1700","1","2005-06-28","","GARBU DA BURSA","","N","","Cerri","","","","","","","","260","0","0","","0","","CTR 1:10000 UTM","4890300","426790","BARDINETO 245.4","601","0","600","","Localizzata con GPS accuratezza 5m","","","","G.S.IMPERIESE CAI","Importato automaticamente, dato originale: 1700 Garbu da Bursa. Erli, Cerri. BARDINETO 245.4. |8° 05’ 05”;|44° 09’ 07”|. 426790 890300. |Q. 600 ca. D.+ 15. Svs.260. Svp.230. R.: G.C.-M.N.-A.P.-G.R. B. (4; 5, 6; 7). ","","","","","","","","","","","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:28:59","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","Scala di legno della premiata ditta F.lli Revetria.jpg","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1726","1","","","FRATTURA GEMELLA 2°","","N","ERLI","COSTA DI ERLI","BRIC CURLO","VAL NEVA","","","","SPM","Triassico Med. (Ladinico)","4.5","0","5","0","4.5","4.5","GPS UTM ED50","4888299","429014","245060 Zuccarello","449","1999","","","affidabilità 100% (lettura con 5 satelliti per 15 minuti)","solo stillicidio","CHIESA ROBERTO","","Gruppo Speleologico Cycnus (Toirano - SV)","","","Si apre due metri a sinistra della Frattura Gemella 1° - 1725 Li/SV","","","La cavità si apre nel Comune di Erli, lungo la strada di Costa d’Erli in corrispondenza del grande spiazzo conti-guo al panoramico tornante. L’angusto ingresso si apre nella paretina leggermente abbattuta, sulla sinistra dello spiazzo.","Piccola cavità tettonica impostata lungo l’angusta e rettilinea diaclasi orientata NW/SE. Vi si accede dall’alto e si scende tra le pareti verticali distanti tra loro circa 30cm. Il pavimento è orizzontale, al soffitto vi sono alcuni massi incastrati.","","","FACILE","GPS UTM WGS84","0000-00-00 00:00:00","2018-06-02 17:24:48","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","VERTICALE","","","0","1726_Gemella_2_2012_Chiesa_R_ingr.JPG","","28-05-2012 - Chiesa Roberto - inserita a catasto","04-10-1992 primo sopralluogo ad Erli, individuati buchi interessanti – Daniela Ippolito, Roberto Chiesa. 15-11-1992 aperta, esplorata e rilevata. – Roberto Pesce, Stefania Castellino, Agostino Chiesa, Roberto Chiesa. 29-05-2012 posizionata, fotografata – Roberto Chiesa. ","","","","","","","","","","","" "LI","SV","768","1","2007-11-30","1987-12-31","GROTTA MALA","INGHIOTTITOIO DEL RIO DEI PONCI","N","FINALE LIGURE","RIO DEI PONCI","","","MANIE - CAPO NOLI","SV31","","PDF","Miocene","250","0","0","0","-65","65","UTM WGS84 Generiche","4895243","449471","92 I SE FINALE LIGURE","200","0","","","dato importato da file ozi Explorer di Enrico Massa","","CACHIA M.","","G.S.L. A. ISSEL","","","RILIEVO","","","","","","","","","2010-07-10 01:31:33","2018-05-16 17:58:02","admin","alessandrovernassa","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","1194","1","","1994-12-31","POZZETTO SOTTO L'ARMA","","S","NASINO","RIO GALLINARO","","","RIO RAVINAZZO","SV22","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","A.BEZEREDY - M.V.PASTORINO","","G.S.L. A. ISSEL","SUL GESTIONALE COMPARIVA COME GROTTA DEL DELITTO. LA VERA FGROTTA DEL DELITTO È LA 1083. IN APRILE 2018: RIPRISTINATA SCHEDA COME DA CATASTO STORICO ISSEL (POZZETTO SOTTO L'ARMA)","","","","","","","","","","","2010-07-10 01:32:42","2018-04-26 17:25:51","admin","alessandrovernassa","N","N","N","N","","Probabile doppione della 1083, penso sia da cancellare.","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SP","1268","1","","2001-01-01","GROTTA SOTTO L'ACQUEDOTTO DI OSSEGNA","","N","MAISSANA","RIO LAGORARA","","","MONTE VERRUGA","SP39","","CAL","","","","","","","","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)","44°21'53.6'' N","2°53'57.1'' Ovest di Monte Mario","84 III.SO","","","","","","","ISSEL","5","","la 1268 GROTTA SOTTO L'ACQUEDOTTO DI OSSEGNA era sta sovrascritta con la RISORGENZA PALAZZOLO per errore da ASG e pubblicata sul proprio bollettino. Aprile 2018 è stata ripristinata secondo la scheda ISSEL ed è stato dato il numero 2082 alla risorgenza di Palazzolo. ","","","","","","","","","","","2010-07-10 01:32:51","2018-04-26 17:14:03","admin","alessandrovernassa","N","N","N","N","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SP","2038","0","","","RISORGENZA PALAZZOLO","","","MAISSANA","RIO LAGORARA","","","","SP39","","","","","","","","","","Gauss Boaga Generiche","4910109","1542440","","","","570","565","dato sicuro POSIZIONAMENTO 2004","","","","","","","","","","","","","","","","2018-04-26 17:02:07","2018-04-26 17:02:07","alessandrovernassa","alessandrovernassa","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","24","2","2008-01-14","1987-12-31","ARMA POLLERA","POLLERA;GROTTA O CAVITA' DELLA POLLERA;ARMA DI PI","S","FINALE LIGURE","PIANMARINO","","VALLE DU RIAN","CARPANEA - ROCCA DI PERTI","SV30","","PDF","Miocene","2400","0","0","0","-127","127","Gauss Boaga Generiche","4894400.789","1445263.379","","296","0","284","","coordinate gps di precisione","","BENSA P.","","G.S.L. A. ISSEL","CAVITA' SOTTOPOSTA A VINCOLO ARCHEOLOGICO H.D.S.","","RILIEVO STORICO BOLZANETO RILIEVO STORICO BIXIO","Archeologica","","Da Finale Ligure si prende la strada che va in direzione di Calice, dopo circa due chilometri e mezzo, si svolta a destra in direzione di Perti. Raggiunta la piazzetta della chiesa si prosegue per la strada asfaltata per circa 2 chilometri. Quando finisce l'asfalto si prosegue a piedi lungo una strada chiusa da una sbarra sulla destra, attraversato un gruppo di case, si segue un sentierino che abbandona la strada principale sulla destra e si raggiunge un torrente, guadato il quale si risale su un sentiero a sinistra, poco dopo bisogna prestare attenzione a individuare un altro sentierino sulla destra che sale nel bosco dopo tornanti e scalini si arriva all'ultimo bivio, si segue la continuazione di sinistra e dopo poco si arriva al grandioso antro.","Il toponimo “Arma” è l’espressione dialettale comunemente usata nel ponente ligure per indicare una caverna; poiché quasi tutte le “grotte” più significative del Finalese sono state, prima ancora, “caverne” abitate nella preistoria dai nostri antenati, ecco spiegato l’uso frequente del termine “Arma” per indicarle. Sua caratteristica maggiormente spettacolare sono i portali d’ingresso, Ovest e Sud Ovest; quest’ultimo, ampio e imponente, raggiunge l’altezza di 15 metri ed è largo circa 30. Introducono nella vasta Sala Perrando, quasi pianeggiante, che a destra sprofonda, in parte, in un pozzo e, in parte degrada, lungo un ripido ed estremamente sdrucciolevole pendio fangoso di circa 50 metri (Scivolo), sino al Salone Issel. Ci si trova così in un ambiente detto “di crollo”, formatosi in pratica dal distacco, in epoche molto remote, d’enormi blocchi di roccia dalla volta della cavità originaria che hanno, per così dire, piastrellato l’intero pavimento trasformandolo in un ampio tavolato, interrotto qua e là da profonde fessure: il Plateau. A margine di quell’impressionante cumulo franoso scorre il Rio Montesordo, in periodi di secca quasi completamente nascosto tra gl’infiniti interstizi della gigantesca frana. Sebbene il ramo a monte del Rio non sia stato mai percorso per palese impraticabilità, da ricerche condotte con traccianti (sostanze chimiche non dannose che colorano l’acqua), si è scoperto che le sue acque provengono dagli inghiottitoi di Pianmarino, vasto altipiano posto poco più in alto e abbastanza vicino alla grotta. Le esplorazioni più attempate cercarono, inoltrandosi tra i blocchi della frana, di trovare una qualche prosecuzione; la più immediata ed istintiva era suggerita dal corso del torrente ipogeo e, seguendolo attraverso strette diaclasi verticali (fessure spesso bagnate e scivolose) e contorti passaggi tra i massi, raggiunsero la Sala Gestro per scendere, poi, il Pozzo degli Scemi. Attorno agli anni sessanta, sempre partendo dalla Sala della Frana immediatamente sotto il Plateau, con caparbietà ed encomiabile tenacia, si riuscì ad immaginare e a percorrere un labirintico passaggio che, contro ogni logica spicciola, volgeva in salita per condurre proprio al vertice della frana stessa da cui, riscendendo sul lato opposto in una forra fossile (cioè in un letto abbandonato di un antico torrente), si giunse alla Sala del Presepio. Dalla sala si avanza in un piccolo meandro, sempre più angusto, sino ad una “buca da lettere” attraverso cui, calandosi con la corda, si raggiunge nuovamente il ramo attivo. Proprio qui inizia la Grotta del Buio Nuovo, che può essere percorsa, verso monte, sino alla Sala delle Voci, dove ritroviamo il sifone che porta alla fatidica Saletta delle Conche; oppure, verso valle, avanzando – un po’ sugli affioramenti rocciosi e sui crostoni concrezionali a pelo d’acqua, un po’ in contrapposizione – per arrivare alla Sala della Sabbia, laddove fessure impraticabili impediscono ulteriori prosecuzioni: è il punto più lontano dall’ingresso dal quale dista circa 500 metri. Quasi a metà della forra a valle potremmo deviare a destra per una breve risalita su concrezioni che immette nei Saloni Bensa: sono ambienti inizialmente ampi e, poi, ramificati in molteplici cunicoli via via sempre più angusti e inagibili, abbelliti da alcune concrezioni. Poco prima della Sala della Sabbia, l’acqua s’incanala a destra in una stretta diramazione discendente per sifonare poco dopo; oltre a costituire il punto più profondo della cavità (-64 metri), è anche il punto di congiunzione con l’Arma del Buio, detto “Vecchio” per distinguerlo, appunto, dalla parte “Nuova” testé descritta, ‘trait d’union’ con l’Arma Pollera. Alcuni s’avventurano in una rapida ma pericolosa apnea per forzare il breve sifone e compiere, così, l’intera traversata; chi passa per primo può giovarsi della limpidezza dell’acqua e di una discreta visibilità… Tutti gli altri, sia per l’intorbidamento progressivo dell’acqua sia per la ristrettezza del passaggio, rischiano molto di più. Attualmente è possibile svuotare il sifone tramite dei tubi a caduta entrando dall' Arma del Buio.","sito riproduttivo e di svernamento di chirotteri","","","GPS Geografiche WGS84","2010-07-10 01:29:37","2018-04-23 11:49:29","admin","alessandrovernassa","N","S","N","N","","","","","","","P7281012.JPG","","","","24,27","","","","","","","","","","" "LI","SP","36","1","","1987-12-31","GROTTA GRANDE DI PIGNONE","LA CAVA;GROTTA CARPANELLI","N","PIGNONE","LA CAVA","","","LAMA DI LA SPEZIA","SP38","","","","498","","0","71","-16","87","GPS Geografiche WGS84","44°10'34''N","9°43'26'' E","95 I SO BEVERINO","0","0","190","","AGGIORNAMENTO MAGGIALI","","FESTA A. - MAGGIALI G. (2002)","","G.S.L. A. ISSEL G.S. Lunense","CHIUSA DA CANCELLI PER RAGIONI DI SALVAGUARDIA?","","RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino RILIEVO STORICO BOLZANETO","Cavità chiusa","","Si esce dal casello autostradale di Brugnato, si imbocca l'aurelia in direzione La Spezia sino a Pian di Barca; da qui si procede in direzione Pignone Levanto, Al bivio che immette nel paese di Pignone, proseguire verso Levanto per circa 150 metri; poco discosto dalla strada, sul lato a monte, è visibile l'ampio ingresso della grotta (12m x 8), alla base di un' altra parete rocciosa. ","","","","","","2010-07-10 01:29:39","2018-04-23 11:10:25","admin","alessandrovernassa","N","N","N","S","","","","","","","","","","A gennaio del 2017 il GSLunense in una esplorazione nel ramo attivo viene fatta una risalita e vengono scoperti nuovi rami che nei mesi successivi si concretizza con nuove esplorazioni che portano la grotta ad un sviluppo totale di quasi 500m ","","","","","","","","","La grotta si sviluppa nella formazione calcarea assai complessa detta ""Lama della Spezia"" (fine del periodo triassico, circa 190 milioni di anni) che l'Isola del Tineto si spinge quasi ininterrottamente sino a Cassana, e dà oridine a numerosi fenomeni carsici molto vistosi anche in superficie, come le Sprugole di San Benedetto e di Caresana che costituiscono le maggiore depressioni chiuse di origine carsica in Liguria, e molti inghiottitoi (chiamati anchessi localmente ""sprugole"").Esse assorbono le acque che alimentano un esteso reticolo carsico inesplorato e sommerso che giunge fino alla Spezia dove dà origine a numerose sorgenti sottomarine quasi interamente distrutte dai lavori di sistemazione della costa.","","" "LI","GE","946","1","","1987-12-31","POZZETTO DEL PALETTO","","N","GENOVA","SESTRI P.","","","MONTE GAZZO","GE33","","","","19","0","0","0","-10","10","IGM 1:25000 Geografiche M.Mario (OVEST)"," 44°26'35''N","3° 36' 10'' Ovest di Monte Mario","","","0","300","","DATI STIMATI,RICAVATI DALLA CARTA DEL BOLLETTINO SPELEORAMA DEL 1975","","ARENA P.","","GRUPPO RICERCHE SCIENTIFICHE STALATTITE","ad ora non è stato possibile identificare l'ingresso della grotta, verificare se ancora esistente","","","","","Pendice Est del Monte Gazzo, nello sperone roccioso non ancora coltivato da cave ()","","","","","","2010-07-10 01:32:02","2018-02-27 15:44:27","admin","alessandrovernassa","N","N","N","N","","ripristinato il dato storico, le coordinate geografiche erano più coerenti con la quota","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","GE","966","1","","1987-12-31","TANETTA DELLA NEBBIA","","N","GENOVA","LUMARSO - CRESTA M.MORO","","","","CG_GE1","","","","5","0","0","1","0","1","Gauss Boaga Generiche","4916488","1502633","83 III SO NERVI","","0","470","","","","NORFO L.","","G.S.L. A. ISSEL","","","RILIEVO RILIEVO STORICO BOLZANETO","","","","","","","","","2010-07-10 01:32:05","2018-02-12 16:58:57","admin","alessandrovernassa","N","N","N","N","","","","","","","tanetta_nebbia.jpg","","","","","Piote","","","","","","","","","" "LI","SV","2036","0","","","TANA DELL'ARMETTA","","","FINALE LIGURE","ARMETTA","","","","SV31","","FIN","Miocene","11","","13","","","","GPS Geografiche WGS84","44°12'11.1''N","8°22'16.7''E","","102","","","","","completamente secca","H. DE SANTIS, M. PALAZZO, M.V. POGGI","","S.C. Ribaldone Genova","Segnalata da Davide Pitto","","","","","","","","","","","2018-01-06 11:28:43","2018-01-06 11:31:58","henrydesantis","henrydesantis","N","N","N","N","","","ORIZZONTALE","","","","P_20180105_102653.jpg","","","","","","","","","","","nessuna circolazione","","","" "LI","SV","523","1","2007-11-30","1987-12-31","GROTTA DOPPIA DEL RIO DELL'ARMA","","N","FINALE LIGURE","ARMA DELLE MANIE","","VALLE DEL RIO MANIE","MANIE - CAPO NOLI","SV31","","PDF","Miocene","104","56","21","3","-1.5","4.5","UTM WGS84 Generiche","4894084.5","449898.9","92 I SE FINALE LIGURE","245","0","250","213","POSIZIONAMENTO CON GPS","completamente secca","DE MARINIS","","G.S.L. A. ISSEL AGGIORNAMENTO CATASTALE (2010): G.G. BORGIO VEREZZI, G.S. SAVONESE","","","","","","La cavità si apre sulle pareti rocciose presenti in destra idrografica della valle del Rio Manie, circa un centinaio di metri più a valle rispetto alla più nota Arma delle Manie. La cavità è costituita da un vasto antro (12 m di larghezza x 6 di altezza) sul fondo del quale due gallerie parallele di 2-3 m di diametro si inoltrano rispettivamente per 15 e 18 m nella montagna.","Da Finale Pia si sale in direzione Le Manie, sulla statale provinciale che collega Finale con Noli e Sporotno, per guadagnare l'Altopiano e da qui si prosegue sino ad inboccare il bivio per San Giacomo. Giunti alla Chiesa si prosegue voltando a sinistra per raggiungere l'Arma delle Manie. Lasciata l'auto nei pressi della Borgata dell'Arma (l'antico Borgo soprastante l'ampia caverna dell'Arma) è necessario proseguire a piedi per entrare dentro l'Arma. Dirigendosi verso il vano più occidentale della cavità si individua una porta in legno che consente di riuscire all'esterno olterpassando la muratura che chiude il perimetro esterno dell'ampia cavità, consentendo così di imboccare un ripodo sentiero in discesa che C16si inoltra nella vallecola del Rio Manie mantenendo la destra idrografica. Circa una settantina di metri di quota più in basso, si perviente ad un altra ampia caverna: la Grotta Inferiore del'Arma delle Manie. La si oltrepassa e dopo una trentina di metri si individua la cavità in oggetto.","","","FACILE","","2010-07-10 01:30:54","2018-01-06 10:40:06","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","ORIZZONTALE","X","","","P_20180105_110109.jpg","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","489","1","2007-11-30","1987-12-31","GROTTA DEL PROSCIUTTO","","N","FINALE LIGURE","LE MANIE","","","MANIE - CAPO NOLI","SV31","","","","8","0","0","0","0","0","UTM WGS84 Generiche","4894138","449918","92 I SE FINALE LIGURE","240","0","240","","dato importato da file ozi Explorer di Enrico Massa","","MEIRANA/DE MARINIS","","G.S.L. A. ISSEL","","","","","","","","","","","","2010-07-10 01:30:48","2018-01-06 10:37:46","admin","henrydesantis","N","N","N","N","","","","","","","P_20180105_105541.jpg","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SV","2034","0","","","GROTTINO DELL'ULIVO","","","FINALE LIGURE","ROCCA DI PERTI","","","","SV30","","FIN","","5","","","","","","GPS Geografiche WGS84","44°11'16.1''N","8°19'07.9''E","","256","","","","+/- 3 mt","","PHILIPP RUDEL - LUCA SIBONA","","","","","","","","","","","","FACILE","","2017-12-18 10:31:24","2017-12-18 10:33:58","henrydesantis","henrydesantis","N","S","N","N","","","ORIZZONTALE","","","","P_20171217_111047.jpg","","","","","","","","","","","nessuna circolazione","","","" "LI","SV","2033","0","","","GROTTA DEL CAPRONE 1","","","FINALE LIGURE","ROCCA DI PERTI","","","","SV30","","FIN","","13","","","","","","GPS Geografiche WGS84","44°11'27.1''N","8°19'02.9'' E","","259","","","","+/- 3 mt.","","RODEL PHILIPP","","","","","","","","","","","","FACILE","","2017-12-17 12:57:02","2017-12-17 12:57:55","henrydesantis","henrydesantis","N","N","N","N","","","ORIZZONTALE","","","","P_20171217_124909.jpg","","","","","","","","","","","nessuna circolazione","","","" "LI","SV","2031","0","","","RIPARO DEL BRIC DELLE ROSE","","","FINALE LIGURE","BRIC DELLE ROSE","","","","SV30","","FIN","","8","","","","","","GPS Geografiche WGS84","44°12'19.2''N","8°20'37.6''E","","318","","","","Precisione 3 mt.","secca","LUCA SIBONA, PHILIPP RODEL","","C.A.I Finale Ligure, S.C. Ribaldone Genova","","","","","","","","","","FACILE","","2017-09-30 13:42:28","2017-09-30 13:44:01","henrydesantis","henrydesantis","N","N","N","N","","","ORIZZONTALE","","","","P_20170930_122526.jpg","","","","","","","","","","","nessuna circolazione","","","" "LI","SP","465","1","2010-04-19","1992-08-06","GROTTA DEL BANDITO","","N","MAISSANA","S.MARIA","","","MONTE VERRUGA","SP39","","","","29.1","26.5","21","0","-5.1","5.1","CTR 1:10000 Gauss Boaga","4911442.16","1542116.4","232030 OSSEGNA","885","1978","920","924","REVISIONE CATASTALE","cavità assorbente temporanea","BRACCO R. - MARTINI S. (1994) - A.S.G.SAN GIORGIO (2004)","","G.S.CAI BOLZANETO/A.S.G.SAN GIORGIO","REVISIONE CATASTALE (1994) POSIZIONAMENTO 2004 Dati posizionamento da scheda originale Revisione Catastale ","07/03/101","RILIEVO RILIEVO STORICO BOLZANETO","","","Da S. Maria prendere il sentiero che uscendo dal paese dirige verso il M. Scogliera, giunti al bivio voltare a sinistra e proseguire lungo il versante S-W del M. Scogliera fino al cucuzzoletto (non calcareo!) sormontato da una croce. Subito prima di questo, inerpicarsi per la boscaglia proseguendo lungo il costone del monte, alle spalle della croce. L'ingresso di trova in direzione N +35 dalla croce ed a circa 1/2 km dalla stessa.","Grotta ad andamento lievemente discendente per i primi 6 metri, poi pianeggiante sempre pressochè rettilinea. Nella parte finale una discesa verticale di un paio di metri immette in una stanzetta di 4 m di diametro. Grotta umida nel primo tratto, molto umida nella parte terminale nella stanzetta. ","","","","","2010-07-10 01:30:45","2017-09-02 15:16:45","admin","henrydesantis","N","S","N","N","","Itinerario e Descrizione da Catasto Zoia","","","","","","","","","","","","","","","","","","","" "LI","SP","1794","","","","POZZO DI GALLERANI","","N","LERICI","ZANEGO","","","","SP37","","","","","","","","","","WGS84 Generiche","44.057542 N","9.943587 E","","","","270","","dati presi da server wms","","ETTORE CALLEGARI","","","","","Cavità in proprietà privata","","","Da Montemarcello proseguire in direzione Lerici fino ad arrivare, in località Zanego, all'agriturismo Gallerani. L'ingresso della grotta si trovava sotto una botola posta in una costruzione. Attualmente l'ingresso, forse chiuso in passato, non è identificabile.","Pozzo verticale valutato una ventina di metri mai sceso. ","","","","","0000-00-00 00:00:00","2017-08-21 23:12:22","admin","alessandrovernassa","N","N","N","S","","","VERTICALE","","","0","Ubicazione-2.png","","","La grotta è stata segnalata negli anni '80/'90 dal proprietario Francesco Gallerani, ma probabilmente mai scesa. Vi fu calata una luce dall'esterno con la presenza di Ettore Callegari del CAI Sarzana .Venne descritta come un pozzo di una ventina di metri caratterizzato dalla presenza di lame di roccia.. Attualmente l'ingresso della cavità sembra non essere accessibile. Alla base dell'autorimessa dove si aprirebbe la grotta non è stata trovata la botola di accesso.","","","","","","","","","","","" "LI","SP","2030","0","","","GROTTA DELLA CALETTA DI PONENTE","","","LERICI","LA CALETTA","","","","SP37","","","","20","","","15","","15","GPS Geografiche WGS84","44.070441 N","9.91469 E","","","","0","","","","ALESSANDRO VERNASSA","","","","","","","","Dal casello di Sarzana seguire le indicazioni per Lerici e quindi Tellaro. Appena oltrepassato il bivio per Maralunga sulla destra si vede sullo sfondo una cancellata verde con uno spiazzo che la precede da cui parte una scalinata poco visibile che porta alla spiaggia della caletta. L'ingresso è raggiungibile a nuoto sul lato destro dell'insenatura a circa 20 metri dalla spiaggia.","L' ingresso sul mare immette ad un pozzo di circa 15 metri comunicante con l'esterno","","","A NUOTO","","2017-08-21 15:45:38","2017-08-21 16:07:02","alessandrovernassa","alessandrovernassa","","","","","","","ORIZZONTALE","","","","","","","","","","Alessandro Vernassa","","","","","","","","" "LI","SP","2029","0","","","GROTTA DELLA CALETTA DI LEVANTE","","","LERICI","","","","","SP37","","","","20","","","","","","GPS Geografiche WGS84","44.0706","9.9152","","","","0","","da verificare","","ALESSANDRO VERNASSA","","S.C.Ribaldone","","","","","","Dal casello di Sarzana seguire le indicazioni per Lerici e quindi Tellaro. Appena oltrepassato il bivio per Maralunga sulla destra si vede sullo sfondo una cancellata verde con uno spiazzo che la precede da cui parte una scalinata poco visibile che porta alla spiaggia della caletta. Il primo ingresso della grotta si trova nella parte a ponente della spiaggia.","La grotta è composta da sale collegate tra loro, con alcune concrezioni tutte comunicanti con l'esterno.","","","A NUOTO","","2017-08-21 15:37:25","2017-08-21 15:46:57","alessandrovernassa","alessandrovernassa","","","","","","","ORIZZONTALE","","","","ingresso.jpg","","","","","Alessandro Vernassa","Alessandro Vernassa","","","","","","","","" "LI","SP","458","1","","1987-12-31","POZZO DEL MONTE BERMEGO","","N","RICCO' DEL GOLFO DI SPEZIA","CASTE' - MONTE BERMEGO","","","LAMA DI LA SPEZIA","SP38","","","","31","0","0","0","-25","25","Gauss Boaga Generiche","4885739","1561006","95 II NO LA SPEZIA","0","0","360","","BARBAGELATA","","PEDROLINI G.A.","","GRUPPO SPELEOLOGICO PIPISTRELLI","","","RILIEVO da vecchio Catasto Spezzino","","","Raggiunto il paese di Porcale, proseguire lungo la strada che porta a Codeglia, fino a portarsi al puto in cui si vede il paese di Carpena con una angolazione di 152° N In questo punto, la strada, che prima era in salita più o meno ripida, diventa per breve trattto pianeggiante.