Gestionale speleologico ligure - MANIE - CAPO NOLI - VAL PONCI SV31

www.catastogrotte.net

Nome MANIE - CAPO NOLI - VAL PONCI ACARCOD SV31 Provincia SV Bacino imbrifero SCIUSA, CROVETTO Comuni FINALE LIGURE, NOLI, VEZZI PORTIO Superficie interessata (ha) 1361 Elementi ctr 10000 229130, 246010 Quota massima 440 Quota minima 0 Sic IT 1323201 Finalese-Capo Noli Descrizione dell'area L’area carsica Capo Noli-Manie-Val Ponci è la più vasta del Finalese, con più di 13 kmq di superficie. Dal punto di vista archeologico riveste una grande importanza per i numerosissimi ritrovamenti paleolitici e neolitici, rinvenuti nelle numerose cavità presenti e principalmente presso l’Arma delle Manie, l’Arma delle Fate e negli ultimi anni anche nel sito del Pian dei Ciliegi. Fin dall’inizio del Quaternario la zona, infatti, ospitò insediamenti umani che riuscìrono a trovare condizioni favorevoli soprattutto per la mite situazione climatica dovuta alla posizione geografica (anche durante le glaciazioni) e per la presenza di numerosi ripari naturali.
Dal punto di vista speleologico è di notevole interesse in quanto vi si aprono importanti grotte liguri quali la Grotta Superiore della Sorgente della Priamara, la Grotta Mala, la Grotta Andrassa e l’Arma delle Fate. L’area risulta comunque di notevole interesse sia dal punto di vista speleologico che geologico e geomorfologico essendo costituita da un vasto altipiano carsico (Altopiano delle Manie) che precipita con ripide falesie dolomitiche sul mare.
L’area infine risulta estremamente importante dal punto di vista naturalistico per la grande varietà di ambienti naturali che ha permesso la conservazione di una elevata biodiversità, con abbondanza di specie animali e vegetali rare e/o esclusive e per tale motivo è compresa nel SIC “Finalese-Capo Noli”.
Inquadramento geografico L’area carsica si inserisce dal punto di vista geografico nella regione del Finalese seguendone come anzidetto i caratteri ambientali, naturali, geologici e geomorfologici.
Delimitata a sud dal Mar Tirreno, è racchiusa a Ovest dal Torrente Sciusa, a Nord dalle quarziti di Ponte di Nava affioranti sul Bric Caré, a Nord-Est dalla dorsale Bric Caré-Sella di Magnone-Bric dei Monti, ad Est dai terreni impermeabili di Bric dei Crovi e dalla sponda sinistra della Valle del Rio Acquaviva (Valle di Noli), per degradare nuovamente a mare in corrispondenza di Capo Noli. Con un estensione di circa 5,4 per 4,7 km, presenta morfologie tipiche di un altipiano carsico (Altopiano delle Manie) delimitato da ripide falesie a strapiombo sul mare. La vegetazione, che ricopre gran parte degli affioramenti carbonatici, è costituita da macchia mediterranea e lecceta alternate ad aree prative e coltivi.
Visibili le macroforme superficiali con evidenti doline e uvala (Pian della Noce, Pian della Brera, Bric dei Monti, ecc…), incisioni vallive a canyon (Val Sciusa, Valle della Landrazza), nonché valli sospese e troncate (Valle del Rio Ponci). La parte sommitale dell’Altopiano delle Manie è caratterizzata da una distesa di colline cupoliformi separate da sistemi di valloni a fondo piatto (cockpit o valli a stella). Presso le testate dei cockpit sono presenti in genere doline di dissoluzione normale a fondo piatto. Tali valloni tendono ad evolversi verso monte per un lento processo di erosione regressiva. Presenti anche altre doline ad imbuto, generalmente di piccole dimensioni, impostate su zone di frattura, molto spesso obliterate artificialmente.
I margini settentrionali esterni dell’altipiano carsico hanno subìto forti erosioni per lo sviluppo molto intenso dei bacini del torrente Corealli e del torrente Noli, per cui, nelle parti più in quota dei cockpit, si sono avuti fenomeni di cattura, segnati dalla presenza di selle più o meno marcate.
Caratteristici risultano inoltre i potenti accumuli di terre rosse mediterranee, prodotti insolubili residuali dei processi di dissoluzione dei litotipi carbonatici, costituiti prevalentemente da argilla e noduli di silice.
Da segnalare la presenza lungo il litorale di estesi depositi a beach rock (“ciappa” in termini dialettali) o spiagge fossili di recente formazione (Quaternario), dovuti alla precipitazione del carbonato di calcio in prossimità di sorgenti carsiche sommerse, che ha determinato la cementazione delle sabbie.
L’area è caratterizzata da una discreto grado di antropizzazione localizzato prevalentemente nel settore meridionale (Pian della Brera, nella Piana di Isasco e sul litorale di Varigotti). Ancora presenti le attività agricole (uliveti e vigneti) e pastorali, attività turistiche e ricettive (campeggi e attività sportive di outdoor), mentre risulta del tutto abbandonata l’attività estrattiva (Cava del Malpasso, Cava Inalea, Cava della Rocca degli Uccelli). Una frequentazione abbastanza rilevante è inoltre imputabile alle attività sportive di outdoor tra le quali l’arrampicata, la mountain bike e l’escursionismo.
Inquadramento geologico Il settore Nord-occidentale dell’area è caratterizzato dall’affioramento dalla formazione denominata Pietra di Finale (Miocene, 20-5 Ma), la quale, con giacitura sub orizzontale, è costituita da una roccia carbonatica sedimentaria, di origine marina, formata prevalentemente da calcari bioclastici a cemento calcitico (per il 90% è composta da frammenti di conchiglie, gusci di echinodermi, denti di pesci e di altri resti fossili). In particolare, tale affioramento fa parte dell’unità litologica denominata “Membro di Monte Cucco”, la cui potenza sino a circa 200 metri rappresenta nel suo complesso circa il 90% degli affioramenti di tutto il calcare di Finale.
Sulla restante superficie si rilevano limitati affioramenti carbonatici della Formazione di Caprauna (Paleocene, 75-55 Ma), un calcare scistoso ed argilloso di colore giallognolo, terroso e molto erodibile e modesti affioramenti giurassici dei Calcari di Val Tanarello (affioramenti del Bric Briga e Capo Noli), discordanti rispetto alla copertura miocenica, (Giurassico superiore, 150-140 Ma), poco erodibili, ma estremamente solubili. Predominano invece gli affioramenti della formazione delle Dolomie di San Pietro ai Monti risalenti al Trias medio (225-190 Ma). Queste ultime, ricche di magnesio, di colore dal grigio al bluastro, risultano essere meno carsificabili rispetto alla copertura miocenica comportandosi di fatto da basamento impermeabile e pertanto, nonostante il potenziale carsico dell’area sia di oltre 300 m, risulta essere limitato lo sviluppo e la profondità dei reticoli ipogei ad oggi conosciuti.
La frazione insolubile delle rocce carbonatiche ha lasciato sull’altopiano i maggiori accumuli di terre rosse a prevalente componente argillosa del Finalese.
Caratteristiche speleologiche Tra le aree carsiche del Finalese questa è certamente la più conosciuta e studiata. Le esplorazioni speleologiche nell’area sono state condotte negli anni ‘60-‘70 principalmente dal Gruppo Speleologico Ligure “A. Issel” di Genova e successivamente dal 1980 ad oggi dal Gruppo Speleologico Imperiese, autore di numerosi studi idrogeologici e principale protagonista delle grandi esplorazioni alla Grotta Mala e alla Grotta Superiore della Sorgente Priamara. Attualmente sono numerosi i gruppi speleologici liguri che portano avanti gli studi e le ricerche sull’area (Gruppo Speleologico Imperiese, Gruppo Speleologico Savonese, Gruppo Grotte Borgio Verezzi, Gruppo Speleologico “A. Martel”).
Nell’area carsica sono attualmente conosciute 45 grotte per uno sviluppo totale di circa 2600 m. La maggior parte di esse si trova nel Comune di Finale Ligure, 8 in Comune di Noli, mentre solo 5 in Comune di Vezzi Portio. La cavità più alta in quota è la Grotta A Tascea ubicata a 300 m s.l.m.; la più bassa (a livello del mare) è la Grotta del Capo di Varigotti.
Caratteristiche idrogeologiche (idrologia) Assorbimento idrico tanto distribuito che concentrato; sorgenti sottomarine tra Capo Noli e L'inizio dell' abitato di Varigotti. Noti gli acquiferi carsici Pian della Noce-Priamara (doline inghiottitoi, grotte e sorgenti) e Mala-andreassa-Acquaviva (inghiottitoi, perdite subalveali, grotte e sorgenti). La galleria ferroviaria S. Giacomo ha tranciato condotte idriche carsiche (vi defluiscono ca. 40 l/s di acqua).

Dal punto di vista idrogeologico è possibile suddividere l’area in due settori distinti: quello Nord-occidentale, identificabile con l’Altopiano carsico delle Manie, e quello Sud-orientale, che comprende la fascia costiera tra il litorale di Varigotti e Capo Noli. Entrambi presentano aspetti idrogeologici estremamente differenziati in quanto, se il primo possiede tutte le caratteristiche di un carso sviluppato, con circolazioni idriche sotterranee ben definite e indipendenti, il secondo presenta invece reticoli idrici sotterranei probabilmente a circolazione dispersiva.
Settore dell’Altopiano delle Manie
Il carsismo in questo settore si è sviluppato prevalentemente sul contatto tra la Pietra di Finale e le sottostanti Dolomie di San Pietro ai Monti dove il contrasto di permeabilità e soprattutto di solubilità fra i calcari miocenici e il substrato preterziario carbonatico (il quale sovente si comporta da basamento impermeabile) costituiscono un elemento speleogenetico fondamentale, governando di fatto i deflussi ipogei degli acquiferi carsici. Esempi tipici sono la Grotta dell’Andrassa e la Grotta Mala, facenti parte di un unico sistema idrologico nonché la Grotta Superiore della Sorgente della Priamara.
Con un reticolo idrografico quasi inesistente, fanno eccezione a nord le valli profondamente incise del Rio dei Ponci e i suoi affluenti che solo in caso di precipitazioni consistenti presentano ruscellamenti superficiali degni di nota. Gli studi sino ad oggi condotti dagli speleologi hanno evidenziato la presenza di alcuni e ben distinti, anche se non del tutto definiti, deflussi ipogei. Sono infatti stati individuati i seguenti sistemi carsici:
1. Sistema Andrassa – Mala – Sorgente dell’Acquaviva
2. Sistema del Pian della Noce – Sorgente Priamara
3. Sistema del Pian della Brera – Sorgente Pian dei Meli
La Sorgente dell’Acquaviva (Finale Ligure) sgorga a quota 70 m, in riva sinistra del Torrente Sciusa in località Molino Acquaviva quasi al contatto tra i calcari bioclastici e le dolomie triassiche. L’areale di assorbimento e le circolazioni idriche sono state individuate tra gli anni ‘60 e i primi anni ’70, successivamente le esplorazioni speleologiche hanno fornito maggiori indicazioni sulle circolazioni ipogee consentendo l’individuazione di alcune importanti porzioni del collettore sotterraneo compreso tra la Grotta dell’Andrassa e la risogenza che si trova quindi a drenare, mediante un traforo idrogeologico di circa 1 km, gran parte delle acque assorbite nel bacino imbrifero del Rio Ponci.
La Sorgente della Priamara sgorga poco dietro l’abitato di Verzi a quota 140 m, lungo la riva sinistra del Rio Ponci. Attualmente attiva solo in caso di forti precipitazioni, sino al 1971 garantiva una portata minima sufficiente al fabbisogno della borgata; a seguito dei lavori di realizzazione della galleria ferroviaria di San Giacomo (che attraversa l’altipiano delle Manie per una lunghezza di circa 6,5 km) venne modificato pesantemente l’acquifero, intercettando di fatto i deflussi sotterranei (attualmente la galleria ferroviaria drena dalle dolomie triassiche sottostanti le Manie circa 30 l/s). La zona di alimentazione è caratterizzata da assorbimenti di tipo concentrato, rappresentata principalmente dalla dolina idrovora di Pian della Noce, ubicata nella grande depressione carsica posta circa 1 km a Nord-Est del Bric Briga, la quale, in caso di forti precipitazioni, ospita un vasto lago temporaneo.
Il sistema di Pian della Brera-Sorgente Pian dei Meli presenta circolazioni temporanee attive solo in caso di forti precipitazioni. La sorgente risulta ubicata alla base di un solco torrentizio al lato sinistro della Grotta delle Fate, nei calcari dolomitici, poco sopra la carrozzabile sterrata che si inoltra nella Val Ponci. La zona di assorbimento è ubicata al centro dell’altopiano poco a nord del Pian della Noce. I deflussi, come confermato dai tracciamenti degli anni ’70, sono caratterizzati da rapidi tempi di corrivazione (circa 2 ore) segno che, come per il vicino sistema della Priamara, all’interno dell’acquifero i drenaggi sono governati non solo dalla fatturazione, ma molto probabilmente anche da condotti carsici maturi e ben sviluppati.
Sub-area del Capo Noli
Il carsismo in questo macro-settore si sviluppa pressoché esclusivamente nella formazione dolomitica triassica dove le morfologie sono prevalentemente di crollo, controllate principalmente dalla tettonica (grotte di Capo Noli), scarsamente carsificate e prive di circolazioni idriche di rilievo.
Totalmente assenti risultano essere gli scorrimenti idrici superficiali, fanno eccezione il Rio Lasca, il Rio Armoreo (impluvi scolanti dalle pendici sud dell’altopiano delle Manie e di Isasco) e ancor più raramente il Rio Fontana, il Rio Porto e il Rio Terra Rossa (tutti brevi e ripidi canali solcanti i versanti Sud della dorsale Bric dei Crovi-Capo Noli), i quali, solo in caso di precipitazioni eccezionali, presentano ruscellamento. La circolazione idrica sotterranea è caratterizzata da un assorbimento idrico di tipo diffuso, localizzato principalmente tra la regione di Isasco (una vasta depressione carsica con depositi di terra rossa) e le regioni di Pietra Grossa e Chianazzi poco a Nord dell’abitato di Varigotti nonché tra le regioni di Ronchetti, Piaggia delle Tane e Panen sulla Dorsale Bric dei Crovi-Capo Noli.
Scarsamente studiati gli esautori del sistema: ad oggi si conoscono la sorgente di San Lorenzo Vecchia, poco ad Ovest di Punta Crena e le sorgenti del Rio Lasca e del Villaggio Olandese entrambe ad Est dell’abitato di Varigotti, nonché numerose sorgenti sottomarine localizzate lungo il litorale costiero compreso tra Capo San Donato e Capo Noli.
Le acque meteoriche quindi raccolte sull’altopiano, sono rapidamente convogliate in profondità nel substrato pre-terziario carbonatico, lungo le preferenziali linee di deflusso, governate dalle discontinuità tettoniche locali senza un vero e proprio collettore principale.
Caratteristiche geomorfologiche (carsismo) Altopiano carsico delimitato da falesie a strapiombo sul mare. Carso coperto. Notevoli le doline di Pian della Noce, Pian della Brera e parecchie altre, gli inghiottitoi, il torrione calcareo di Rocca di Corno, il canyon del torrente Sciusa, la Val Ponci (valle fossile). Buoni esempi di carsismo superficiale con macro e microforme. Falesie morte e fossili (antichi profili della costa) Copertura vegetale e uso del suolo (ambiente) L’area carsica è quasi interamente compresa entro il Sito di Importanza Comunitaria Finalese-Capo Noli che per la grande varietà di ambienti e l’elevatissima biodivesità, rappresenta uno dei più importanti S.I.C. regionali (circa 28 kmq). Il processo di antropizzazione ha lasciato segni a partire dal lontano Paleolitico ed è proseguito in armonia con l’ambiente attraverso la romanità ed il medioevo fino ai giorni nostri con testimonianze archeologiche e architettoniche di grande significato.
Gli habitat più interessanti sono rappresentati da formazioni rupestri costiere ed interne, che interrompono con ripide falesie gli altipiani dominati da macchia mediterranea, boschi di leccio, pino d’Aleppo e verdi praterie ricche di orchidee. Nei fondovalle si trovano zone fresche e umide con boschi misti di carpino nero e orniello. Sulle falesie costiere si rinvengono importanti specie alofite, piante con adattamenti speciali per le forti concentrazioni saline. La varietà di ambienti ha permesso la conservazione di una elevata biodiversità, con abbondanza di specie animali e vegetali rare o esclusive.
Specie botaniche di maggiore interesse
Campanula del savonese (Campanula sabatia), rarissima ed endemica della Liguria occidentale, campanula del Finalese (Campanula isophylla), bellissima specie esclusiva di questo S.I.C, vilucchio di Capo Noli (Convolvulus sabatius), delicatissimo e raro relitto paleomediterraneo.
Specie animali di maggiore interesse
Uccelli: falco pellegrino e gufo reale. Rettili e Anfibi (che nel Finalese raggiungono il limite orientale di diffusione e sono assenti nel resto d’Italia): lucertola ocellata (Timon lepidus), pelodite punteggiato (Pelodytes punctatus) e raganella mediterranea (Hyla meridionalis).
Le numerose grotte ospitano una ricca fauna cavernicola con popolazioni di chirotteri e importanti specie endemiche di invertebrati.
Vulnerabilità e particolari cautele da adottare
Il grande valore naturale di quest’area implica altresì un’elevata vulnerabilità a causa della pressione antropica. I principali rischi possono derivare da: 1) iniziative di speculazione edilizia, che non prendano in considerazione le possibili ripercussioni negative su habitat e specie; 2) il passaggio ricorrente di pericolosi incendi, causa di consistenti fenomeni di regressione e impoverimento della vegetazione e delle fauna locale; 3) i rischi elevati di inquinamento degli ambienti ipogei e delle risorse idriche sotterranee.
Note/Osservazioni L’area carsica risulta discretamente studiata per quanto riguarda il settore nord-occidentale, mentre presenta ancora molte lacune sul settore costiero.
L’altopiano delle Manie, data la sua conformazione e considerata la presenza di importanti vie di comunicazione (SP Finale-Voze-Spotorno) possiede un elevato grado di antropizzazione che deve essere tenuto in considerazione relativamente alla tutela e salvaguardia del delicato acquifero contenuto nel sottosuolo. Maggiori indagini sarebbero auspicabili relativamente all’individuazione di limiti più precisi lungo i contatti quarzitici del Bric dei Crovi così come sarebbe opportuno ricomprendere all’interno dell’area il litorale tra il Capo San Donato l’abitato di Punta Crena ove le rocce carbonatiche presentano continuità sino al livello del mare.
Caratteristiche geolitologiche Dolomie di S.Pietro ai Monti Calcare di Finale Ligure (Pietra di Finale), lembi di Calcari della Val Tanarello Altre caratteristiche Frequentazioni preistoriche (Paleolitico) alle grotte dell'Arma e delle Fate con elementi troglobi e troglosseni. Bibliografia AAVV (1959) – Attività di Campagna. Grotte bollettino del G.S. Piemontese C.A.I.-U.G.E.T., Torino (TO), n. 9, pag.7
AMERANO Giovanni Battista (1889) – Scoperta d'una stazione paleolitica contemporanea al grande orso delle caverne in Liguria. Bullettino di Paleontologia Italiana, Parma (PR), Anno XV, n.3-6, pag.41-48
BIXIO Roberto, MAIFREDI Pietro (1982) – Escursione nel carso di Finale Ligure. Atti seminario "L'ambiente sotterraneo e la speleologia", Comune di Genova, Genova (GE), pag.53-57
BORBONESE Arturo (2001) – Grotte, Caverne e Ripari del Finale. stampato in proprio, Varigotti (SV), pag. 1-35
BORDONE Luciana (1970) – Archeologia. Gruppo Speleologico CAI Bolzaneto bollettino, Genova (GE), n. 3, pag. 142
BREA Bernabò Luigi (1947) – Le Caverne del Finale, Itinerari storico-turistici, Istituto di Studi liguri, Bordighera (IM), n. 6, pag. 1-88
CACHIA Maurizio (1971) – La Grotta della Priamara n. 571 Li. Notiziario Speleologico Ligure, G.S. Ligure "A.Issel", Genova (GE), Anno VIII, n.1-4, pag. 17-19
CACHIA Maurizio (1972) – La Grotta Mala. Notiziario Speleologico Ligure, G.S. Ligure "A.Issel", Genova (GE), Anno IX, n.1, pag. 5-7
CACHIA Maurizio (1973-1974) – Il Finalese, Notiziario Speleologico Ligure, G.S. Ligure "A.Issel", Genova (GE), Anno X-XI, n.u., pag. 21-22
CACHIA Maurizio, DE MARINIS Raffaele, MAIFREDI Pietro (1974) – Contributi allo studio dei rapporti tra carsismo ed idrogeologia nel Finale: "La valle del Rio Ponci" (Finale Ligure - SV): Contributo 2) Una caratteristica cavità a pozzo nei calcari detritici organogeni miocenici detti Pietra del Finale: La grotta della Mala - N. 768 Li, Rassegna Speleologica Italiana. Atti XI Congresso Nazionale di Speleologia. Genova, 1972,Società Speleologica Italiana, Como (CO), Anno XI, fasc. 2, pag. 264-268
CACHIA Maurizio, DE MARINIS Raffaele, MAIFREDI Pietro (1974), Contributi allo studio dei rapporti tra carsismo ed idrogeologia nel Finale: "La valle del Rio Ponci" (Finale Ligure - SV): Contributo 3) Studio morfologico mediante prospezioni geoelettriche del Piano della Noce, Rassegna Speleologica Italiana. Atti XI Congresso Nazionale di Speleologia. Genova, 1972, Società Speleologica Italiana, Como (CO), Anno XI, fasc. 2, pag. 269-273
CACHIA Maurizio, MAIFREDI Pietro (1974), Contributi allo studio dei rapporti tra carsismo ed idrogeologia nel Finale: "La valle del Rio Ponci" (Finale Ligure - SV): Contributo 4) Osservazioni idrogeologiche e speleologiche sul Complesso carsico Piano della Noce - Sorgente Priamara,Rassegna Speleologica Italiana. Atti XI Congresso Nazionale di Speleologia. Genova, 1972,Società Speleologica Italiana, Como (CO), Anno XI, fasc. 2, pag. 274-280
CALANDRI Gilberto (1994) – Finale Ligure, Savona. Speleologia, Società Speleologica Italiana, Milano (MI), Anno XV, n. 30, pag.109
CALANDRI Gilberto (1994), News Liguria occidentale e Alpi Liguri,Speleologia, Società Speleologica Italiana, Milano (MI), Anno XV, n. 31, pag.80-81
CALANDRI Gilberto (2003), Caratteri chimico-fisici della sorgente Acquaviva (Finale Ligure, Prov. Savona) - Nota preliminare, Bollettino G.S. Imperiese C.A.I., Imperia (IM), Anno XXXIII, n. 55, pag. 3-9
CAMMARATA Gino (1987) – Prato della Noce: Fine di un sogno. Notiziario Speleologico Ligure, G.S. Ligure "A.Issel", Genova (GE), Anno XX, n.u., pag. 22-23
CHIARELLI Alberto (1993-1997) – Il bacino carsico della Sorgente Acquaviva. L'Eccentrico, G.S. Borgio Verezzi, Borgio Verezzi (SV), n. 1, pag. 31-34
CHIARELLI Alberto (1993-1997) - Ingriv (Inghiottitoio di rio Voze). L'Eccentrico, G.S. Borgio Verezzi, Borgio Verezzi (SV), n. 1, pag. 35
DIVIACCO Giovanni (1972) - Quattro litri di vino bianco, Gruppo Speleologico CAI Bolzaneto, Genova (GE), n. 4, pag. 66-70
FERRO Innocenzo, GRIPPA Carlo, MENARDI NOGUERA Alessandro (1982) – Prospezione sismica a rifrazione nella depressione carsica del Pian della Noce (Altopiano delle Manie, SV), Bollettino G.S. Imperiese C.A.I., Imperia (IM), Anno XII, n. 18, pag. 34-41
FRANCISCOLO Mario (1949) – La Grotta di Capo di Varigotti. Nota illustrativa preliminare. Notiziario C.A.I. Sezione Ligure, C.A.I. Sezione Ligure, Genova (GE), n. 3, pag. 7-8
ISSEL Arturo (1918) – Il Finalese e le sue caverne. Rivista mensile del Touring Club italiano, Milano (MI), Anno XXIV, n. 5, pag. 89-96
MAIFREDI Alessandro (1994) – Per un pugno di fango. Bollettino G.S. Imperiese C.A.I.,G.S. Imperiese C.A.I., Imperia (IM), Anno XXIV, n. 42, pag. 15-21
MAIFREDI Alessandro (1996) – Rapporti tra la Pietra di Finale e il substrato Preterziario (Settore Orientale). Tesi di Laurea, Università degli Studi di Genova, Genova (GE)
MAIFREDI Alessandro (1996) – Landrassa '95: il minimo risultato col massimo sforzo. Bollettino G.S. Imperiese C.A.I., Imperia (IM), Anno XXVI, n. 46, pag. 47-48
MAIFREDI Alessandro, NICOSIA Fabrizio (1991) – Grotta Priamara (Finale Ligure LI/SV) una storia da talpe. Bollettino G.S. Imperiese C.A.I., Imperia (IM), Anno XXI, n. 36, pag. 28-38
MAIFREDI Alessandro, NICOSIA Fabrizio (1991) – Grotta Mala (Finale Ligure, SV) una prosecuzione annunciata. Bollettino G.S. Imperiese C.A.I., Imperia (IM), Anno XXI, n. 37, pag. 29-34
MAIFREDI Pietro (1970) – Ricerche idro-geologiche nel Finalese. Notiziario Speleologico Ligure, G.S. Ligure "A.Issel", Genova (GE), Anno VII, n.1-4, pag. 11
MAIFREDI Pietro (1978) – L'età del calcare di Verzi (Finale Ligure). Rassegna Speleologica Italiana. Atti XII Convegno Nazionale di Speleologia. S. Pellegrino, 1974, Società Speleologica Italiana, Como (CO), Anno XII , pag. 329-330
MAIFREDI Pietro, CACHIA Maurizio, DE MARINIS Raffaele, PASTORINO Mauro Valerio (1974) – Contributi allo studio dei rapporti tra carsismo ed idrogeologia nel Finale: "La valle del Rio Ponci" (Finale Ligure - SV): Contributo 1) Studio della circolazione delle acquee sotterranee nella Valle del Rio Ponci. Rassegna Speleologica Italiana. Atti XI Congresso Nazionale di Speleologia. Genova, 1972, Società Speleologica Italiana, Como (CO), Anno XI, fasc. 2, pag. 251-263
MAIFREDI Pietro, FRAGOMENO Francesco (1978) – Effetti dello scavo di una galleria ferroviaria sulla circolazione idrica sotterranea dell'altopiano carsico delle Manie (Finale Ligure). Rassegna Speleologica Italiana. Atti XII Convegno Nazionale di Speleologia. S. Pellegrino, 1974, Società Speleologica Italiana, Como (CO), Anno XII , pag. 331-334
MAIFREDI Pietro, PASTORINO Mauro Valerio (1969) – Osservazioni Idrogeologiche sulla Sorgente dell'Acquaviva presso Finalpia (Provincia di Savona). Atti dell'Istituto di Geologia dell'Università di Genova, Università degli Studi di Genova, Genova (GE), Vol. IV, n. 1, pag. 59-69
MASSA Sebastiano (1970-1971) – Note meteorologiche (Grotta Andrassa e Tana di Spettari). Stalattiti e Stalagmiti, G.S. Savonese, Savona (SV), n. 9, pag. 13
MASSUCCO Rinaldo (1971-1972) – La scomparsa della Grotta Pozzo di Capo Noli. Stalattiti e Stalagmiti, G.S. Savonese, Savona (SV), n. 10, pag. 1
MENARDI NOGUERA Alessandro, BUCCELLI Roberto (1979) – Le Grotte di Portio (prov. di Savona), Bollettino G.S. Imperiese C.A.I., Imperia (IM), Anno VIII, n. 11, pag. 43-46
MINUTO Nanni (1969) – Esplorazione alla Grotta Guglielmi. Stalattiti e Stalagmiti, G.S. Savonese, Savona (SV), n. 7, pag. 10-11
PESCE Gianni (1971) – Quando la gomma si lacera. Notiziario speleologico, Gruppo Ricerche Speleologiche, Genova (GE), n. 2, pag. 5-6
RACITI Flavio (1974) – Grotte di Capo Noli: inquadramento geologico ed ambientale. Rassegna Speleologica Italiana. Atti XI Congresso Nazionale di Speleologia. Genova, 1972, Società Speleologica Italiana, Como (CO), Anno XI, fasc. 1, pag. 261-276
REPETTO Francesco (1971) – Spedizione didattica al pozzo di capo Noli. Gruppo Speleologico CAI Bolzaneto, Genova (GE), n. 1, pag. 186-187
RODANO Andrea (2001) – Piccole grotte crescono. In Scio Fondo, A.S. Genovese S. Giorgio, Genova (GE), n. 3, pag. 21-23
ZUCCHIATTI Alessandro (1970-1971) – Ricerche idrologiche in provincia di Savona. Stalattiti e Stalagmiti, G.S. Savonese, Savona (SV), n. 9, pag. 14
ZUCCHIATTI Alessandro (1971-1972) – Osservazioni geologico-idrologiche in comune di Noli. Stalattiti e Stalagmiti, G.S. Savonese, Savona (SV), n. 10, pag. 19-21
GRUPPI Gruppo Grotte Borgio Verezzi, Gruppo Speleologico Savonese Compilatori Enrico Massa e Elena Quaglia (Gruppo Speleologico Savonese)

Bibliografia

Grotte conosciute in quest'area: 51


33 ARMA DE FATE SV.R.250 SV.PL.0 ES.0 P.5 wgs84: 44.19637137N 8.36788297E Q.245
100 ARMA DI PONCI SV.R.30 SV.PL.25 ES.0 P.0 wgs84: 44.20845845N 8.36875505E Q.260
101 GROTTA DI CAPO NOLI SV.R.50 SV.PL.36 ES.0 P.6 wgs84: 44.19376725N 8.42185707E Q.80
138 GROTTA DEL CAPO DI VARIGOTTI SV.R.17 SV.PL.11 ES.0 P.5 wgs84: 44.18124213N 8.40574023E Q.4
139 GROTTA INFERIORE DI PONCI SV.R.0 SV.PL.30 ES.0 P.0 wgs84: 44.20825859N 8.36843175E Q.250
155 GROTTA DELLA CAVA DEL MARTINETTO SV.R.125 SV.PL.83 ES.0 P.0 wgs84: 44.20536808N 8.3536949E Q.86
172 GROTTA DEL MALPASSO SV.R.270 SV.PL.160 ES.87 P.65 wgs84: 44.19183507N 8.41899792E Q.24
202 GROTTA A POZZO DI CAPO NOLI SV.R.0 SV.PL.95 ES.0 P.12 wgs84: 44.19679947N 8.4250561E Q.15
213 GROTTICELLA SIMONETTI SV.R.0 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.20668721N 8.35253834E Q.100
231 ARMA DE MANIE SV.R.40 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19874565N 8.37560417E Q.297
399 GROTTA DELLA TANA SV.R.12 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19680058N 8.3608829E Q.240
400 GROTTA DELL' ANDRASSA SV.R.220 SV.PL.0 ES.0 P.60 wgs84: 44.20627086N 8.37864123E Q.220
409 GROTTA GUGLIELMI SV.R.100 SV.PL.0 ES.0 P.50 wgs84: 44.19185371N 8.41912286E Q.60
411 PRIMA GROTTA SUP. DELLA CAVA SV.R.12 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19108874N 8.41565175E Q.60
412 GROTTA DELL' ANGELO SV.R.11 SV.PL.11 ES.11 P.0 wgs84: 44.21052628N 8.35479937E Q.140
414 A TASCEA SV.R.12 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.21596789N 8.36241566E Q.300
436 GROTTA 2 DI PORTIO SV.R.10 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.21485973N 8.3622774E Q.280
439 POZZO DEI 17 SV.R.26.5 SV.PL.0 ES.0 P.30.8 wgs84: 44.20304718N 8.35362952E Q.270
440 GROTTA DELLE SPINE SV.R.8 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19582668N 8.37032903E Q.280
443 GROTTA DEL CARRARA SV.R.12 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.20763305N 8.35477034E Q.190
464 GROTTA INF. DELL' ARMA DELLE MANIE SV.R.12.6 SV.PL.12 ES.20 P.3.6 wgs84: 44.19824518N 8.37299391E Q.250
486 BUCO DEL GRANCHIO SV.R.8 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.20680351N 8.378911E Q.250
489 GROTTA DEL PROSCIUTTO SV.R.8 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.1987417N 8.37323894E Q.240
499 ANTRO DELLA PIETRA NERA SV.R.23 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19776946N 8.35865737E Q.180
514 GROTTA DEL MULINO DELLA ACQUAVIVA SV.R.15 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.20249934N 8.35602786E Q.100
516 RIPARO DELLE SPINE SV.R.9 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19721316N 8.36060312E Q.240
522 GROTTA DI BRIC DELL'ARGENTO SV.R.25 SV.PL.0 ES.0 P.3 wgs84: 44.18985833N 8.37046766E Q.270
523 GROTTA DOPPIA DEL RIO DELL'ARMA SV.R.104 SV.PL.56 ES.21 P.4.5 wgs84: 44.19825875N 8.37300503E Q.250
548 ANDRASSA DA CAMPAGNA SV.R.50 SV.PL.0 ES.0 P.25 wgs84: 44.19331296N 8.36836615E Q.285
571 GROTTA SUPERIORE SORGENTE PRIAMARA SV.R.780 SV.PL.0 ES.0 P.10 wgs84: 44.19071815N 8.36154926E Q.160
768 GROTTA MALA SV.R.250 SV.PL.0 ES.0 P.65 wgs84: 44.20865879N 8.36753878E Q.200
769 GROTTA INF. DEI FRASCI SV.R.30 SV.PL.30 ES.28 P.9.5 wgs84: 44.20263138N 8.36352321E Q.195
770 GROTTA SUP. DEI FRASCI SV.R.7 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.20475991N 8.36258663E Q.240
904 GROTTA ALFA SV.R.8 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.20202957N 8.35676944E Q.100
905 GROTTA BETA SV.R.6 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.20189404N 8.3566833E Q.100
906 ARMA DELLA PERSEVERANZA SV.R.26 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19568733N 8.36144555E Q.220
907 GROTTA DEI RAGNI SV.R.12 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19554944N 8.36254827E Q.285
908 GROTTA DEL CORNO SV.R.11 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19735472N 8.36337979E Q.225
909 RIPARO DEL CORNO SV.R.6 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19568602N 8.36282211E Q.250
910 GROTTA SUPERIORE DEL PONTE ROMANO SV.R.20 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.19707563N 8.36338279E Q.225
925 GROTTA DI RIO DELL'ARMA SV.R.20 SV.PL.14 ES.15 P.1 wgs84: 44.19802706N 8.37262079E Q.225
936 INGHIOTTITOIO DI PIAN DELLA NOCE SV.R.18 SV.PL.0 ES.0 P.12 wgs84: 44.18976199N 8.37095668E Q.255
1230 TANA PRIMA DI CASE GANDOGLIA SV.R.6 SV.PL.0 ES.0 P.1 wgs84: 44.21800512N 8.39204791E Q.100
1231 TANA SECONDA DI CASE GANDOGLIA SV.R.6 SV.PL.0 ES.0 P.2 wgs84: 44.21786108N 8.39204939E Q.100
1232 TANA TERZA DI CASE GANDOGLIA SV.R.10 SV.PL.0 ES.0 P.1 wgs84: 44.21786108N 8.39204939E Q.100
1255 BERBA AGUSTIN SV.R.0 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.20701076N 8.37670356E Q.223
1256 RIPARO DEI BOSCAIOLI SV.R.0 SV.PL.0 ES.0 P.0 wgs84: 44.20756544N 8.37114047E Q.220
1299 GROTTA INGRIV SV.R.151 SV.PL.0 ES.0 P.31 wgs84: 44.2055499N 8.36866095E Q.170
1855 TANA INFERIORE 1855 SV.R.10 SV.PL. ES. P.1 wgs84: 44.203305555556N 8.3766388888889E Q.219
1856 TANA SUPERIORE 1856 SV.R.9 SV.PL. ES. P.2 wgs84: 44.203305555556N 8.3770833333333E Q.224
2036 TANA DELL'ARMETTA SV.R.11 SV.PL. ES.13 P. wgs84: 44.203083333333N 8.3713055555556E Q.102